26/10/07

qualcosa che sembra qualcos'altro















sembra un normale purée, ma è fatto con le cicerchie.
sopra ci sono cipolle e rape rosse a dadini. nel piatto, una spennellata di crema di sesamo. voleva essere solo un esperimento maldestro, ma è decisamente riuscito!

PURE' DI CICERCHIE, RAPE ROSSE E TAHIN

per 2 persone

150 gr di cicerchie decorticate
2 rape rosse
una cipolla bianca piccola
salvia e rosmarino
olio e.v.o., sale e pepe
crema di sesamo (detta "tahin": si trova nei negozi di prodotti biologici)
un cucchiaio di latte

ammollare le cicerchie per 40 minuti e scolarle. cuocerle in acqua pari al doppio del proprio volume finché siano morbide: nell'acqua di cottura (che sarà in gran parte assorbita) mettere un rametto di rosmarino, un anello di cipolla e un filo d'olio. spegnere la fiamma, rimuovere il rosmarino, aggiungere il cucchiaio di latte, aggiustare di sale e di pepe, frullare col minipimer: verrà fuori un pastone della consistenza e del colore di un purée di patate. tenere in caldo. saltare in padella con olio, salvia e cipolla bianca le due rape rosse precedentemente lessate e sbucciate (oppure prendete quelle già lessate e messe sottovuoto nel banco frigo). bastano pochi minuti. aggiustare di sale e tenere in caldo. spennellare i piatti di portata con la crema di sesamo, adagiarvi sopra il purée, poi le rape rosse, infine terminare con olio crudo.

19/10/07

qualcosa per la birmania




















il 28 settembre 2007, in segno di solidarietà con i monaci della birmania, molti hanno indossato una maglietta rossa.

davanti alla facciata di palazzo vecchio a firenze sventolava un drappo rosso.
continuiamo a non essere indifferenti: è importante.
(thanx to bruno for the suggestion)
uno degli articoli

16/10/07

qualcosa che avevo dimenticato di postare...

era una buonissima...

ZUPPA DI LENTICCHIE ROSSE E GAMBERI DI FIUME

preparare un brodo vegetale con carota, sedano, cipolla, prezzemolo, pomodoro, olio extravergine, poco sale grosso, pochissima salsa di soia e le teste di alcuni gamberi di fiume. soffriggere in poco olio un cipollotto a fettine e uno spicchio d'aglio con la buccia. rimuovere l'aglio e unire pomodoro fresco a cubetti, le lenticchie decorticate, un pizzico di timo e brodo bollente a coprire. questo tipo di lenticchia non necessita di ammollo e cuoce in 15-20 minuti; aggiungere altro brodo caldo durante la cottura se troppo asciutto. frullare la zuppa col minipimer: se alcune lenticchie restano intere è anche meglio. portare ad ebollizione dell'acqua non salata e tuffarvi i gamberi. scolare dopo due minuti ed impiattare, terminando con olio crudo.

qualcosa di nuovo
























cosa ne ho fatto del chilo di bacche?

le ho pulite con pazienza, e ne ho ricavato la più pungente e stupefacente confettura che abbia mai provato. colore immenso, gusto nuovo: ne valeva davvero la pena.

CONFETTURA DI BACCHE DI ROSA CANINA

1kg di bacche: occorre lavarle, privarle dei semi e della peluria, lavandole di nuovo dopo l'eliminazione dei semi. cuocere le bacche mondate con un bicchier d'acqua, in modo da staccare le bucce. passare al passaverdure molto accuratamente, unire un altro bicchiere d'acqua, 350 gr di zucchero bianco, 50 gr di canna, 2 cucchiaini di miele d'arancio. bollire mezz'ora ed invasare. chissà con cosa sta bene...

qualcosa che punge












quando ho scattato questa foto non sapevo che dopo qualche tempo avrei raccolto addirittura un chilo di quelle bacche rosse...
mi avevano attratta solo per il loro colore sparato.
la rosa canina è la genitrice di ogni ogni altra rosa, ed è la più spinosa in assoluto.
lo è perché evidentemente merita di essere avvicinata con rispetto.

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4