08/01/08

qualcosa di raro, ma chissà che...

polentaroveja



...non si trovi anche dalle parti vostre, in qualche bel negozio di specialità alimentari? sto parlando della roveja (o rubiglio, o corbello), un antichissimo e quasi scomparso legume, praticamente un pisello selvatico. è abbastanza diffuso soltanto in valnerina, che fra legumi, salumi, tartufi, formaggi e paesaggi naturali è una sorta di commovente paese della cuccagna. almeno una volta nella vita (specie a giugno) val la pena farsi il viaggio.. :-) detto questo, la roveja di Cascia (presidio slow food) si trova sia intera, sotto forma di piselli secchi multicolore, sia in farina. ne ho comprata un sacchetto qualche mese fa ad una fiera, ma già la conoscevo, solo che la prima volta ne ho comprata una più economica e senza presidio. differenze sostanziali poche, anche se quella più costosa m'è parsa più fine nella grana e leggermente più saporita: quanto basta per preferirla. certo, 4 euro per 250grammi sono tantissimi... vedremo! cosa si può fare con questa farina? qualsiasi cosa: la polenta (o farecchiata), i biscotti, le focacce: valgono tutte le regole delle altre farine, tenendo conto che in più è priva di glutine. io l'ho usata eseguendo alla lettera la ricetta più tradizionale che c'è: farecchiata con acciughe ed aglio. val la pena assaggiarla: ha un sapore che somiglia un po' alle fave, un po' ai piselli, un po' a chissàche; ha un profumo di erba tagliata e una consistenza cremosa ma per nulla appiccicosa. e poi: non siete curiosi? :-)

FARECCHIATA: POLENTA DI ROVEJA CON LE ACCIUGHE

ingredienti per due curiosi non troppo affamati

100gr di farina di roveja
600ml d'acqua
olio extravergine
1 spicchio d'aglio
6 acciughe sotto sale
una grattugiata di pecorino stagionato
sale grosso

mettere l'acqua in una pentola antiaderente dai bordi alti, aggiungere un po' di sale grosso (non troppo: le acciughe son già saporite) accendere il fuoco e disciogliervi subito la farina, versandola poco a poco e mescolando con una frusta. continuare la cottura facendo bollire a fuoco bassissimo e mescolando spesso per circa un'ora se fate grandi quantità, ma basterà mezz'ora per due-tre porzioni. nel frattempo, aprire e spinare le acciughe, dissalare per una mezz'ora in acqua fredda, soffriggere in olio e.v.o. lo spicchio d'aglio e metà delle acciughe (che si scioglieranno), tenendo da parte le altre per la presentazione. quando la polenta è pronta, bella soda, cremosa e priva di grumi, saltarla in padella con l'intingolo preparato, servire calda con le acciughe rimaste e una lieve spolverata di pecorino. se piace (o se non siete a dieta...) ci sta benissimo una fetta sottile di lardo... :-)
IL GIORNO DOPO: la polenta avanzata, tagliata a fette impanata e fritta o rimessa al forno col pecorino a scaglie, è una roba da urlo!

25 commenti:

  1. C'è sempre da imparare ,il bello del mio mestiere .Non conosco questo legume.

    RispondiElimina
  2. consumazioneobbligatoria8 gennaio 2008 14:18

    sicché ti sei affarecchiata il legume eh... non l'ho mai assaggiato, l'avevo solo visto proprio a norcia dopo una visita a castelluccio, una settimana prima della neve, durante il ponte dell'8dicembre. bellissima la piana anche col suo vento secco invernale. un amico viaggiatore dice che assomiglia al serengeti. af

    RispondiElimina
  3. beh ha un sapore particolare, leggermente amarognolo, ma davvero interessante. non l'ho mai mangiato in semi interi: sempre in farina... la trovo più comoda (e poi mi dimentico sempre di mettere ammollo i legumi secchi per cucinarli il giorno dopo! che zucca...) :P

    RispondiElimina
  4. sì sì sì sono curiosissimaa!! di mangiarla sia fresca con quell'acciughina lì arrotolata sia il giorno dopo a fette!!! mo come la trovo qui sto legume???

    RispondiElimina
  5. Ciao, ho visto che abbiamo delle cose in comune...allora per prima cosa la tovaglia di questa ricetta, le stupende scarpette rosse e ....marito, fratello, cognata architetto come te! Noooo sei anche una canonista!!!!!
    A presto

    RispondiElimina
  6. @gallina: ehehehh chissà, magari proveniamo dallo stesso pollaio!? :D
    canonista per puro caso: ho fatto testaOcroce per scegliere :P

    RispondiElimina
  7. ....eh scusa, ti sei fatta due risate per le scarpette che non sono scarpette...stavo giusto guardando la tua prima foto e ...ho visto le pere ...sai sono molto brava a fare figuracce.
    Spero non ti sia offesa.

    RispondiElimina
  8. Ciao grazie dei consigli.Posso inserirti tra i blog da me consigliati?

    RispondiElimina
  9. @gallina: non capisco di cosa mi sarei dovuta offendere..! sono un po' tarda... :D
    ah aspetta: le scarpette sarebbero le pere?? ok ora ho capito! ma... nessunissima offesa, ci mancherebbe x così poco! :-)

    @andrea: con piacere! ricambio chef!

    RispondiElimina
  10. Ciao,grazie di essere passata da me!Bellissima anche l'Umbria, ci sono stata varie volte,e devo dire che mi piace molto,c'è una bella atmosfera,città molto belle e si mangia davvero bene!complimenti per il tuo blog!

    RispondiElimina
  11. mai sentito...
    http://dolcienonsolo.myblog.it/

    RispondiElimina
  12. Ciao, dove hai quella farina dove la posso reperire?

    RispondiElimina
  13. ciao. ho letto la tua ricetta sulla cotognata. puoi chiarirmi meglio la parte in cui dici di rivoltare ogni 2 giorni la cotognata? significa che la ribalti sulla garza? grazie

    RispondiElimina
  14. @gianmaria: la farina si trova in negozi di specialità alimentari, o di prodotti biologici/per celiachi/ecc... altrimenti si può provare a contattare qualcuno dei produttori per farsela spedire. dovresti trovare qualche nome cercando con google.. :-)
    @oscar: praticamente ogni 2 giorni tolgo la garza, ribalto la cotognata (che sarà quasi solida) sopra un foglio nuovo di alluminio, tolgo l'alluminio vecchio e rimetto il tutto nel vassoio, coperto ancora di garza. serve per far asciugare bene entrambi i lati del mattonellone... spero di essere riuscita a spiegarmi, ma è più facile a farsi che a dirsi! :-)

    RispondiElimina
  15. Oibò!
    Più ti leggo e più mi dico che ho fatto bene a metterti tra i miei blog preferiti.
    Anche se rosico, rosico, rosico da morire!!!!
    Le tue foto.... sempre più belle!
    Le tue ricette.... che dire.... fame!

    senti..... ma non è che ti serve un apprendista?
    miagolo poco, sporco nella cassettina, non lascio briciole fuori dalla ciotolina..... dormo sullo zerbino!!!
    Nasinasi (chetivoglionoconosceredavverooooo)

    RispondiElimina
  16. @miciapallina: guarda, ti adotterei volentieri (meow) solo che nel mio piccolo bilocale ci staremmo proprio stretti... e a casa di mamma ci sono 3 gattoni già padroni del territorio! come si fa? adozione a distanza :-)

    RispondiElimina
  17. non conoscevo sai? grazie per l'informazione!! poi io amo le polente!!!

    RispondiElimina
  18. niente da fare, le umbre hanno una marcia in piu';)

    :D ciao a presto

    RispondiElimina
  19. si ora mi è tutto chiaro! grazie ancora.in effetti mi sembra un buon modo per farla asciugare,

    RispondiElimina
  20. grazie, sabato prossimo cerco questa roveja! ciao

    RispondiElimina
  21. quante cose si imparano!! Segnata la roveja... sguinzaglio il ricercatore!
    Buonaserata!
    :)
    sandra

    RispondiElimina
  22. E' proprio vero che non si finisce di imparare! Carino il tuo blog, ci si rivede presto :-)

    Ciaoo,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  23. Ciao!
    Non conoscevo proprio questo legume!
    Questa ricetta la voglio assolutamente provare!
    Ale

    RispondiElimina
  24. grazie a tutti x i vostri interventi. sì è davvero divertente provare a cucinare qualcosa di nuovo, ogni tanto! si rischia di fare o un disastro o una bella scoperta, ma ne vale sempre la pena :-)

    RispondiElimina
  25. il bello dei blog! bellissime scoperte…

    grazie mille

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4