04/02/08

qualcuno ci racconta...

















...la ricetta delle frappe: una delle mie due spettacolari nonne! :-) pooovera nonna, chissà che direbbe se sapesse che la sto nominando qui? direbbe: "ma tu cocca se' matta!" poi mi darebbe un cazzotto sulla spalla e si raccomanderebbe: "per carità, 'n ce mette la mi fotografia che 'n me so' manco pettinata!!" :-) per ora no... basterà la foto delle sue frappe. seguirà, tra qualche giorno, quella degli strufoli. sabato scorso insomma ho fatto le frappe con la nonna, perché lei le fa buonissime e io DEVO imparare... non pretendo di diventare brava come lei, che ha 83 anni e impasta e stende a mano da quando ne aveva 8. la sua sfoglia della pasta è impressionante: quando la solleva dalla spianatoia è omogenea e traslucida come fosse fatta da un robot: 75 anni di esperienza sui polsi fanno la differenza, no? inoltre lei non pesa niente. non ha neanche la bilancia: "io fo' a occhio!" e le cose che fa a occhio hanno sempre lo stesso squisito sapore.
ecco dunque la ricetta raccontata a modo suo: per chi non capisse il dialetto fornisco (gratis) traduzioni e spiegazioni :-D

FRAPPE DI CARNEVALE (o chiacchiere)

"Metti 'n ticchio de farina ta la spianatoia, a tondo (circa 200gr, ndr). Ce rompi dentro 2 ovi, ce metti 4 cucchiai de zucch'ro, 2 cucchiai d'oio d'oliva, 4 o 5 fettine de burro, 'n goccin' de grappa e giri bene con du' forchette. Pian pianino arcogli la farina 'ntorno, e co' le mani 'nfarinate 'mpasti bene finché la palla nn'è morvida e vellutata. De lievito ce ne vol poco: co' una cartina ce fo' le frappe tre volte. Quand'è 'mpastato bene, strusci 'l lievito ta la spianatoia e ce passi sopra la palla pigiando forte e 'mpastando bene per raccoglie tutto 'l lievito. Poi stendi la pasta col rasagnolo, ma la spianatoia dev'esse infarinata bene! La fai fina 'n paio de millimetri, tagli co' la rotella, fai i fiocchini e quand'è finito li friggi tall'oio de semi: vanno girate e 'via, senno' coloriscono troppo! Doppo le metti dentro a 'n ciotolo e ce coli 'l miele caldo. 'Mpara, la mi cocca, che io 'n campo sempre!" :-)

Nonna Ostelvia

AGGIORNAMENTO: con questa ricetta partecipo alla raccolta "a carnevale ogni ricetta vale" di carolina.

42 commenti:

  1. A parte che, potevi anche spedirmene un sacchettino con UPS... Adorabili queste nonnine, mi hai ricordato la mi nonna, quando preparava la sfoglia .. ahhh, meglio dell'imperia!!!
    Fantastico poi il racconto in dialetto, direi anche comprensibile!
    Un bacione e buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  2. Anche a me hai ricordato le mie nonnine...grazie!

    RispondiElimina
  3. Ciao Salsa, anche io oggi mi sono lanciata in una ricetta di mia nonna. Proprio vero che loro tiravano la pasta con una manualità che ora ci sognamo! Buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Mi hai fatto venire i brividi!!
    Non ho conosciuto nessuna delle mie nonne, ma una carissima zia che non c'e' piu' sapeva fare delle splendide "strascinate" (le orecchiette baresi per intenderci), ed io non ho fatto in tempo ad imparare la sua tecnica...

    Fortunato chi ha mangiato queste chiacchiere e complimenti per la foto!

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia la ricetta in umbro :) una terra stupenda che mi è rimasta nel cuore!!! Complimenti alla tua nonna che mi sa proprio è un tipino niente male!!!!
    Ciao giulia

    RispondiElimina
  6. consumazioneobbligatoria4 febbraio 2008 12:18

    che simpatica... la nonna, intendo! ;) a firenze si chiamano cenci... secondo me se ognuno scrive come si chiamano dalle proprie parti non si finisce più, come coi panzerotti. af

    RispondiElimina
  7. Ciao.
    mi sono affacciato per salutarti e per dirti che anche tu hai delle belle ricette, poi le chiacchiere......buone specialmente se vengono dette bene.
    Ti ho linkata
    Ciao
    Nino

    RispondiElimina
  8. Mi sono troppo divertita a leggere questo post..e poi mi immaginavo lì la tua nonnina alle prese!! ;)

    RispondiElimina
  9. 'Mpara, la mi cocca, che io 'n campo sempre!" :-)

    brava Saba, brava!

    RispondiElimina
  10. Troppo tenero questo post! Mentre leggevo mi immaginavo mia nonna - anche lei innumerevoli anni di esperienza sui polsi. Io purtroppo non ho mai imparato a stendere la pasta con il mattarello. Eppure mi sedevo sempre vicino a lei mentre lo facevo e la tartassavo di domande. Grazie per questo racconto. Alex

    RispondiElimina
  11. le ricette delle nonne sono un tesoro inestimabile..complienti alla tua!

    RispondiElimina
  12. che bello vedere una ricetta di una nonna, bellissima fotografia!

    RispondiElimina
  13. catapultata a perugia nel lontano 96.
    ricatapultata a perugia dalla tua nonna.
    ma davvero son passati tutti questi anniiiiiii

    ovviamente non ho bisogno della traduzione, io eheheh

    RispondiElimina
  14. Ringrazia la nonna da parte mia!!!! Ora rimango buona buona ad aspettare gli struffoli :-)

    RispondiElimina
  15. belle le ricette delle nonnine. sono sempre le migliori. un bacione. vivi

    RispondiElimina
  16. le ricette di carnevale impazzano! no faccio più in tempo ma mi godo le vostre!!

    RispondiElimina
  17. Fantastica quest'immagine di te e nonna Ostelvia...:) E con le tue parole mi hai reso il sapore delle bontà che ha preparato nonna!
    E poi trovo che le misure "a occhio" siano magiche in qualche modo...
    ^_^

    RispondiElimina
  18. Lo sai che mi hai ricordato una cosa che mi ha toccato il cuore...la sfoglia di pasta fresca che preparava la mia nonnina la domenica mattina per fare i maccheroncini di Campofilone, a 80 anni suonati ancora li tagliava alla velocità della luce a filo delle mani, stavo le ore a guardarla, questi sono i momenti della vita che si ricordano con tanta tenerezza...

    RispondiElimina
  19. favolosa ricetta e favolosa foto!!
    baciottoni,mirtilla

    RispondiElimina
  20. Che belle foto!
    Ho visto che sei passata da essenzalimentare...
    ma allora cosa aspetti a mettere la tua versione di zuppa-zucca???

    Ciao ciao

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  22. Scusa Salsadisapa ma col commento di prima ho combinato un pasticcio...carnevale incombe mi sa.... ;)
    Il tuo post per me ha sapore vagamente compensatore visto che di frappa non ne ho mangiata nemmeno una!
    Complimenti alla nonna sprint!!!
    Ciao e buona giornata!!!

    RispondiElimina
  23. Ciao, il tuo blog è bellissimo, sono capitato poche volte qui, ma lo farò piu spesso! Grazie delle per le tue visite e per gli apprezzamenti! Ciao perugiaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  24. Le nonne..... già!
    Il mio ricordo delle chiacchere invece è la mia mamma che tira la sfoglia così sottile che ci si vede... e poi quando le buttavi nell'olio bollente "Fluff" si gonfiavano come pallette!
    A me bimba invece toccava l'onore di ritagliarle, con la bella rotella dentata... quanti animali fatati nascevano da li!
    Quest'anno non le ho fatte.... quest'anno salta mi sa.... ma poi, ripensandoci... devo farle solo per carnevale?
    E se lasciato passare sto periodo ne facessi una bella 'scivedda?
    Mi sa mi sa......
    Grazie del racconto..... scalda l'anima!
    nasinasi

    RispondiElimina
  25. Bellissima la ricetta della nonna! Anche la mia - polsi e mani d'acciaio - tirava una sfoglia spettacolare, ora porella è un po' acciaccata e non cucina più ma i suoi ravioli ce li sognamo ancora :-)

    RispondiElimina
  26. Fantastica! semplicemente fantastica!

    RispondiElimina
  27. ciao ragazzi siete tantissimi! benvenuti e grazie dei commenti/apprezzamenti/complimenti/enti :-)))) io penso che non sia obbligatorio farle a carnevale: basta averne voglia!
    raissa: siiiiii è vero! il taglio a mano della pasta (e senza mai farsi male!) è una cosa stupefacente :D
    se ci provo io mi sfettuccio fino ai gomiti... sigh!

    RispondiElimina
  28. Stupenda foto. Bravissima. Ciao Mariluna

    RispondiElimina
  29. deliziosa la foto! io quest'anno non ho fatto le chiacchiere (o frappe o cenci o sfrappole o....insomma queste qui), ma ho mangiato quelle di mia mamma! buoneeee! ma noi non ci mettiamo lievito...non l'avevo mai sentito dire che si mettesse; adesso sono curiosa di provare la differenza...

    RispondiElimina
  30. Troppo forte la tua nonna!! Che bel rapporto che avete... io non ho più le nonne e anche con quella che ho potuto conoscere non avevo un gran rapporto (sarò che non lo mai vista cucinare in vita mia e quindi da imparare c'era ben poco...). Coccolala più che puoi, le nonne sono preziose... se poi producono tali golosità ancor di più!

    RispondiElimina
  31. Da queste parti si chiamano "sprelle" e sono i dolci di carnevale più buoni che esistano. Bellissima la ricetta della tua nonna... quasi quasi la provo, ma che dici si potranno cuocere al forno? Lo so che non è la stessa cosa ma vorrei capire se l'impasto si presta. Grazie, Glò

    RispondiElimina
  32. un chao a tutti i nuovi arrivi!

    @glo: la nonna le frigge perché le ha sempre fritte, ma credo che al forno, temperatura alta, vengano bene lo stesso... prova e facci sapere! :-)))

    RispondiElimina
  33. Meraviglioso post, la ricetta raccontata dalla tua nonnina è deliziosa!!

    RispondiElimina
  34. Spettacolare Nonna Ostelvia! Mi piace la versione che hai dato onorandola in tutto per tutto, sarà orgoglisa di te! Elga
    P.S Bellissima la foto

    RispondiElimina
  35. Le nonne e le mamme ci insegnano tante cose, soprattutto come prendere un uomo per la gola...

    RispondiElimina
  36. Belle queste chiacchiere..anch`io non le ho fatte quest`anno....ma mi sa` che mi cimento! bello il tuo blog salsa....

    RispondiElimina
  37. adorabile questo post-racconto
    :)

    RispondiElimina
  38. scusa mi è partita la tastiera, sono io :):D

    RispondiElimina
  39. ciao a tutti, grazie di essere passati. saluti dalla nonnina! :-)

    RispondiElimina
  40. Girovagando ho trovato queste. Ho pensato che sarebbero perfette per la raccolta di cui ti ho già scritto. Vedi tu...
    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  41. Mi è piaciuta molto la tua ricetta, così l'ho linkata al mio blog, spero non ti dispiaccia, in tal caso fai un fischio.
    Complimenti per blog, davvero bello!

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4