15/05/08

qualcosa di semplice...














... leggero, veloce: il mio lavoro è piuttosto sedentario quando non vado in cantiere, per cui se a pranzo mangiassi un piatto di pasta crollerei sulla tastiera mandandola in tilt. il martedì alla coop qua sotto arriva il pesce fresco: l'ho cotto e mangiato, vista l'assenza di frigo... è incredibile quanto siano oggi indispensabili certi elettrodomestici che fino a 50 anni fa neanche esistevano. questo piccolo inconveniente mi ha portato a ragionare sulla reale "necessità" non dico del frigo (che giuro è veramente UTILE sigh...) ma di tanti altri piccoli "lussi" che, in fondo in fondo, svuotano le nostre tasche e ci danno cosa? un pezzo di plastica con dei fili di rame dentro, un sedile in pelle anziché in stoffa, e soprattutto un senso di gioia molto ma molto effimero.
dico questo solo per autoconsolarmi perché SO che il tecnico del frigo che sta x arrivare mi darà la sentenza di condanna :-( ahahahh ;-D il titolo è un po' "paraculo": siccome non sono attrezzata per tagliare la seppia sottile come una fettuccina, l'ho fatta più spessa, diciamo come i pici :-P

"PICI" DI SEPPIA ALLO ZENZERO & AGRETTI AL LIMONE

ingredienti

seppia*
agretti
olio extravergine
aglio
zenzero fresco
limone biologico
sale
facoltativo: pepe nero

*per la stagionalità e la sostenibilità ambientale del pesce, consultate la colonna centrale di questo blog

lavare bene gli agretti (o "barbe di frate" o "lischi") e privarli delle radici e delle parti dure. tuffarli in acqua bollente leggermente salata, farli bollire 2 minuti e scolare. l'acqua di cottura può essere conservata per insaporire un brodo vegetale: non la buttate via voi che avete il frigo!
scaldare una padella appena velata d'olio con lo spicchio d'aglio e qualche fettina di zenzero fresco. tuffarvi la seppia tagliata a listelli lunghi e spessi come pici, rosolare facendo saltare per pochi minuti, salare e spegnere. condire gli agretti col olio, buccia grattugiata e succo di limone, sistemarli sul piatto e appoggiarvi le seppie. rifinire con olio e pepe: ci canta :-)

AGGIORNAMENTO: FRIGO RIPARATOOOOOOOOOOOOOO!!!! :-D

28 commenti:

  1. Bella l'idea di taglaire la seppia grossettina, le mangerei volentieri, proprio proprio volentieri!!! Elga

    RispondiElimina
  2. Ohh come ti capisco... la pasta a pranzo è una vera mattonata per chi poi torna seduto a una scrivania..

    RispondiElimina
  3. E poi se tu che devi imparare da me vero bimba,detto con il sigaro in bocca ..ahahah!

    RispondiElimina
  4. Ciao "paracula"! La tua premessa sembra l'introduzione del nuovo libro di Dario Fo.
    Che faremo quando non ci sarà più petrolio? Ci attacchiamo tutti quanti...al tram?
    Vabbuò, barba di frate anch'io, oggi...

    RispondiElimina
  5. ne sai sempre una piu del diavolo salsa! i pici di pesce! ma fa te!!!

    RispondiElimina
  6. Amica mia!! Lo sai che le seppie sono il mio pesce preferito?? Anche semplicemente bollite con un pò di olio e limone!! LE adoro! Chissà che bonbon che era questo piattino! Bellissima idea!
    M'hai stuzzicato la fame... smack

    RispondiElimina
  7. Geniale l'idea dei pici di seppia!!!
    Baci!

    RispondiElimina
  8. Bravissima Sapina, come sempre!! qua si è diffuso un bel freddo naturale per cui il frigo è quasi superfluo :-)

    RispondiElimina
  9. quando ho visto la foto ho pensato "vuoi vedere che anche da salsa si mangiano le "tagliatelle"???" ed ora ti spiego cosa sono per il barese doc le tagliatelle....

    Le seppioline piccole e tenere, chiamate "allievi" vengono tagliate a listarelle, come hai fatto tu, e mangiate crude con un po' di limone!
    Buonissime, anche se io trovo il coraggio di mangiarle cosi solo quando vado a casa dei miei zii....

    Bello questo piattino, e grazie per avermi fatto scoprire che la famosa barba di frate la trovo pure qui sotto il nome di agretti!

    RispondiElimina
  10. Non parliamo di frigo, che il mio forma acqua. Però raffredda e non capisco che fare tranne asciugarlo ogni giorno, uff. Immagino che col trasloco avrà preso qualche botta ggrr
    Adoro la barba di frate. Interessante il tuo abbinamento con le seppie
    baci bella

    RispondiElimina
  11. Bhè guarda la seppia mi piace più altina che sottilina eheheheh e le barbe di frate le trovi al supermercato? giuro che non le ho mai viste!
    un baciotto Pippi

    RispondiElimina
  12. Mi mandi un po' di agretti Salsina??? anche questi non so' se li trovo vicino casa mia...uhhh che palle che sono...scusa..ma tutto cio che fai tu ho voglia di provare...:-D

    RispondiElimina
  13. ho capito, li devo provare sti agretti, ormai li ho visti in troppi blog...
    ncrociamo le dita per il frigo :-)

    RispondiElimina
  14. Buongiorno cara! A chi lo dici anche se io di vita sedentaria ne faccio poca , ma se mi concedessi pasta a pranzo crollerei sì ma sul volante!
    Quindi leggeri è un obbligo!
    Bellissimo piattino
    Un bacio
    Silvia

    RispondiElimina
  15. sta cosa delle seppie è fenomenale.
    però che attrezzo è quello che le fa a fili?

    RispondiElimina
  16. semplice ma buono!!! slurps slurps...incrocio l'incrociabile per il tuo frigo...anche se io non dico che sto senza frigo...ma sto progettando il prossimo inverno senza freezer...che dici si può fare??? ehi come usi l'amaranto scoppiettato??? un bacione

    RispondiElimina
  17. @tutti ma ciao!
    una buona notizia finalmente...
    FRIGO RIPARATOOOOOOOOOOOO!!
    EVVAIIIIIIIIIIIIIIIII
    :D
    era un problema molto più stupido di quanto immaginassi...
    cmq
    @enza: per farle a fettuccine sottili bisogna congelarle e affettarle con l'affettatrice, come se fossero mortadella. almeno io conosco solo questo sistema: chi ne conoscesse un altro ci illumini! :)
    @lo: l'amaranto scoppiettato lo uso come se fosse cous cous, oppure lo metto nelle insalate, ci faccio i biscotti, lo metto nelle zuppe ... la cosa bella è che, anche se non tutti i semini riescono ad esplodere, puoi utilizzare anche quelli non scoppiettati perché rimangono croccanti ma non duri! trovi una ricetta dolce tra i primissimi post del mio blog: amarena, amaretto e amaranto :-)
    m'hai anche ricordato che è ora che lo cucino... prossima settimana ricetta all'amaranto! :D

    RispondiElimina
  18. Cavoli mi dispiace ... senza frigo!
    Mi piace questa ricettina "semplici, semplici", pici di seppie e barba dei frati, so gnammy!

    RispondiElimina
  19. già che dici che stai lottando con dei muffin mi lascia pensare che non sei in studio?? ehh?? cvom'è 'sta storia? :-))) (oggi lavorato nulla......non posssoooooo)

    RispondiElimina
  20. @adina: magari... i muffin li ho "sgonfiati" ieri sera! e adesso sono al "lavoro" :-P
    smack!

    RispondiElimina
  21. È il terzo blog consecutivo in cui commento gli agretti e se voi mi invidiate tutte le piante aromatiche io vi invidio questi benedetti agretti che qui non si trovano manco a pagarli oro!
    Gioisco con te per il frigo riparato! Un bacione, Alex

    RispondiElimina
  22. meno male,w il frigo!!
    buonissima la proposta culinaria D;

    RispondiElimina
  23. i pici di seppia mi piacciono e pure gli agretti...se po' fa!
    E ti capisco anch'io se mangio la pasta prima di ritornare al lavoro crollo come una pera secca...

    RispondiElimina
  24. Io alla pasta non rinuncio, ma solo per una questione di praticità, in quanto veloce da preparare.
    Il tuo piatto è una splendida alternativa

    RispondiElimina
  25. Dì la verità: sei a dieta? ;DDD
    Io sì, e questa ricetta mi sembra faccia al caso mio.

    Paola

    RispondiElimina
  26. Cavolo sara sei geniale...rimango a bocca aperto ogni volta che passo di qui, dallìoriginalità delle preparazioni, agli abbinamenti alle foto..hai una marcia in più!
    Coplimentoni
    Saretta :D
    PS. anch'io ho scoperto gli agretti quest'anno e..è amore!Penso che poterò come li ho preparati...

    RispondiElimina
  27. uh che bella ricetta, questa la devo provare sicuramente!

    RispondiElimina
  28. ottimo blog, mi piace, sono arrivato a te tramite viviana. Su una cosa mi sento di commentare, io sono fortunato a vivere a napoli, almeno riguardo al pesce, ho un amico che per passione lo pesca a traina per noi. Il pesce alla coop è una tristezza per chi come te dedic amore nelle cose che cucina.
    Saluti
    Carlo

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano