02/05/08

quante volte ho fatto un disastro...


...coi lieviti? tante, troppe! diversi anni fa, saranno almeno 7-8, ho fatto il mio primo pane. era un filone da 1 kg di pane al miele: avevo trovato la ricetta da qualche parte, l'ho seguita alla lettera e ne ho ricavato un bel pagnottone, croccante, ricco di bolle, profumato. poi ho commesso l'errore degli errori: quello di pensare di essere diventata "brava" ed aver acquisito i segreti del pane. uaaaahahhhahh: erano in agguato vari fallimenti punitivi in rapida successione, con una serie di dolci lievitati che sapevano di birra scaduta, panini e focacce mal riusciti, sgonfi e mollicci; in mezzo pure qualche successo ma nel complesso stiamo su un mediocre 50/50. questo timore reverenziale nei confronti del lievito doveva finire prima o poi, e nell'unico modo possibile: ricominciare daccapo seguendo diligentemente una ricetta. naturalmente l'ho personalizzata, non ho resistito: ma ho pesato tutto, ho fatto le proporzioni e sono stata attenta ad ogni dettaglio per rispettare le reazioni chimiche degli ingredienti. ed ho vinto! ;-D per questi panini, al posto dell'olio previsto nella ricetta, ho utilizzato un burro composto con l'aringa affumicata che avevo fatto qualche sera fa, durante la cena degli gnocchi: l'avevamo appena assaggiato ed era ancora buonissimo. buttarlo via sarebbe stato un peccato mortale! infatti il risultato è stato eccellente... vi fidate? chi ne assaggia uno? ;-)

PANINI ALL'ARINGA AFFUMICATA

ricetta per 13-14 piccoli pezzi

200 gr di farina 00
200 gr di farina manitoba
15 gr lievito di birra fresco
175 ml acqua
un pizzico di zucchero
3 filetti di aringa affumicata
50 gr di burro
FACOLTATIVO: semi di finocchio

tenere a bagno per circa 2 ore l'aringa, cambiando l'acqua almeno 3 volte. scolare e frullare nel mixer col burro. tenere in frigo fino al momento dell'uso, resistendo alla tentazione di spalmarlo sul pane :-)
la sera prima di fare i panini: sciogliere il lievito in un goccio dell'acqua indicata, diciamo meno di mezzo bicchiere, precedentemente intiepidita. aggiungere lo zucchero e mescolare bene, impastare poi questo liquido con circa 70 gr di farina, quanto basta per formare una pallina morbida. adagiare la palla al centro di una ciotola nella quale avrete già setacciato il resto della farina. coprire con un panno e lasciar lievitare per tutta la notte in un ambiente tiepido.
il giorno seguente, impastare la pallina cresciuta con la farina, il resto dell'acqua e 6 bei cucchiai di mousse di aringa e burro (ne avanzerà un po' probabilmente: adesso potete spalmarla sul pane! ;-)) formare una sfera liscia e uniforme, dividere in singoli panini, grandi quanto un mandarino schiacciato, e lasciar lievitare per altre due ore. infornare quindi a 200° per circa 15 minuti: saranno coloriti fuori e morbidi dentro, ed il profumo di aringa che esce dal forno vi conquisterà :-)

30 commenti:

  1. Nnnnaggia a te amica mia!!! Ti pare che devi iniziar la settimana con questi panini golosi?
    Avevo giusto in mente di iniziare un'altra dieta, quelle del lunedi insomma e tu mi vuoi offrire un panino virtuale?
    E se li prendessi in considerazione per il mio banchetto!? Avevo giusto in mente di preparere dei panini e questi, aromatizzati all'aringa mi piacciono tanto. Ah, ma l'aringa non riesco a trovarla.. uffa. Ci ho provato anche sabato scorso al super, ma niente! Che città strana la mia! ^_*
    Un bacione e buon lune!

    RispondiElimina
  2. c'è un premio per te!
    baci lalla

    RispondiElimina
  3. Io per l'assaggio ci sono!!! Di disastri in cucina penso che ce ne siano capitati a bizzeffe a tutti, ma l'importante è non scoraggiarsi anzi bisogna provare e riprovare con tutta la testardaggine possibile. E tu ci sei riuscita! Brava!
    Baci!

    RispondiElimina
  4. E cero che mi fido, di fronte a dei panini così invitanti come non farlo?

    RispondiElimina
  5. Io, io, io ne assaggio uno, anzi due... Sai che non ho mai fatto il pane??? Dovrò provare... Ciao

    RispondiElimina
  6. Ma che originali questi panini, ci siamo date ai lieviti a quanto pare

    RispondiElimina
  7. beh lo sforzo e lodevole e il risultato sembra magnifico, io li assaggerei....
    ti ho lnkato sul mio foodblog, se hai voglia di venirmi a visitare...
    http://buonocomeilpane.blogspot.com

    RispondiElimina
  8. ahaha! io ancora non sono pronta per il pane, ma prima o poi ci provo via!

    RispondiElimina
  9. Io, io ne assaggio uno!!!
    Sai che anch'io ho avuto parecchie "sfighe" con la panificazione? Ho imparato che con i dolci posso fare di testa mia, ma con il pane è meglio se seguo le ricette, altrimenti rischio di far danni!

    RispondiElimina
  10. ogni volta che visito il tuo blog è una sorpresa...ma come fai?! :-)

    Michelangelo

    RispondiElimina
  11. Che belli!!Io ho iniziato a panificare qualche settimana fa...mondo affascinante.Non mi sento ancora pronta per grandi esperimenti ma l'idea di usare olio o burro aromatizzati mi intriga molto
    Besos
    Fra

    RispondiElimina
  12. Tutte ricette particolari...sei super!!

    RispondiElimina
  13. io io io io io io io io io io io .............. hehehe anche due......... cara la mia meravigliosa salsadisapa, temo che ti ruberò anche questa ricettina.......per la cronaca i tuoi muffin salati sono andati a ruba......li ho fatti nel pomeriggio di sabato........ e non sono riusciti ad arrivare alla cena..... ...tra noi e i nostri vicini di casa .... slurp in un baleno!!!!
    grazie ancora anche da parte loro!!!!!!!!!
    un bacio Pippi

    RispondiElimina
  14. a dire il ero se te ne avanzano di più io ci sono!!! :D :D

    RispondiElimina
  15. io per esempio! Accidenti! devono essere buonissime!!!!

    RispondiElimina
  16. per la tua cucina sono sempre volontario

    RispondiElimina
  17. Anche io ho dei trascorsi con il pane, ma non ho avuto la tua tenacia ...
    Finchè non decido di riprovarci, con serietà, posso prendere un panino dei tuoi?
    Baci

    RispondiElimina
  18. ......con tutti questi ospiti immagino siano già finiti, farne qualcuno in più no ehhhh!
    alla prossima ricetta lievitata, vedrò di essere più puntuale.
    ciaooo!!

    RispondiElimina
  19. Pia Sorrentino5 maggio 2008 23:38

    Non ti dico quante volte ho fatto gli stessi disatri culinari... A volte credo che la cattiva lievitazione sia dipesa essenzialmente dalla temperatura esterna, altre volte dal lievito ormai in fase di scadenza, altre volte... non l'ho ancora capito!
    In ogni caso hai fatto bene a perseverare.

    RispondiElimina
  20. Quanti vuoi che te ne scriva di disastri?;-)
    Davvero interessanti questi panini ;-)
    Sere te la porto io l'aringa ;-)

    RispondiElimina
  21. che tu abbia fatto un disastro scusami,ma ci credo ben poco...tutto quello che prepari,le foto che pubblichi..perfette ;D

    RispondiElimina
  22. A casa mia qualcuno potrebbe dare una mano per uno di quei panini..infatti in frigo c'è sempre dell'aringa affumicata..qui da te ho trovato il modo per farla fuori!!! Sei sempre speciale, Elga

    RispondiElimina
  23. Io ne assaggerei anche due se sono avanzati! Strabilianti i tuoi esperimenti. Un bacione, Alex

    RispondiElimina
  24. Io lo assaggerei moooolto volentieri!! Il lievito intimoriva anche me ma ultimamente mi va bene...una volta dovevo fare dei panini dolci e non hanno lievitato per niente...che tristezza quando succede!

    RispondiElimina
  25. Arieccomi........ ho appena postato i muffins al formaggio che ti ho spudoratamente copiato!! un bacio e ancora grazie!!
    ciao pippi

    RispondiElimina
  26. io mi fido di te
    e a occhi chiusi ne addento uno,due,tre...n
    :*

    RispondiElimina
  27. uelàààààà ciao a tutti! grazie x i commenti!
    piccolo AGGIORNAMENTO: ieri sera ho rifatto questi panini con miele e burro al posto della mousse di aringa (2 cucchiai di miele, 4 di burro morbido), poi li ho arricchiti alcuni con uvetta e pinoli, altri con prugne secche e pistacchi. sono squisiti!

    RispondiElimina
  28. mannaggia, ne è rimasto almeno uno?? sono arrivata tardi? nnooooooooooo
    anche io sono su quella proporzione lì ma non mi arrendo..la challah è venuta bene invece la focaccia (stay tuned) minga trop (ndr: mica troppo, in milanese)....

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano