05/06/08

qualche brano d'autore (2)


la smania di variare le ricette e mettere lo zampino anche dove non dovrei mi accompagnerà sempre, ma non da molto ho scoperto anche il piacere di seguire una ricetta passo passo, para para, specie se trattasi di una ricetta d'autore, come avevo fatto in quest'altro caso. è luogo comune pensare che i grandi chef facciano soltanto ricette complicate, con tecniche irriproducibili a casa o ingredienti introvabili. falso: a volte basta un aroma, un accorgimento particolare ed anche lo spaghetto al pomodoro diventa sublime. questa è una ricetta del ristorante "il luogo di aimo e nadia", locale storico di milano, nel quale non sono (ancora) stata. l'ho seguita passo passo, para para, almeno negli ingredienti: il procedimento dava per scontati alcuni passaggi oppure ometteva dettagli che, ad intuito, credo di aver azzeccato. o comunque ci sono andata vicino, visto che lo spago era buonissimo ;-) scusate la foto ma... lo spaghetto è buono caldo!

SPAGHETTI CON CIPOLLOTTO NOVELLO di AIMO E NADIA

ingredienti

300g di spaghetti
300g di cipollotto di Tropea pulito (utilizzare anche una piccola porzione delle foglie verdi)
100g di pomodorini ciliegini
2 spicchi d'aglio
2 foglie d'alloro
1/2 cucchiaino di peperoncino fresco tritato
un rametto di timo
200ml di brodo vegetale
6 cucchiai di extravergine

per la finitura:
5 foglie di basilico
1 cucchiaino di prezzemolo tritato
20g di parmigiano stravecchio


tritare l'aglio privato del germoglio interno. tagliare i cipollotti a strisce sottili. in una padella ampia, scaldare a fuoco dolce 3 cucchiai d'olio con l'alloro; unire l'aglio e i cipollotti e cucere a fuoco dolce e a tegame scoperto per circa 15 min, bagnando di tanto in tanto col brodo. Togliete dal fuoco, unire il peperoncino e le foglie di timo. Aggiustare di sale. tagliare a metà i pomodorini privati dei semi e tagliarli a cubetti. cuocete gli spaghetti, scolarli MOLTO al dente e unirli al condimento, risottando a fuoco alto con l'acqua di cottura tenuta da parte. unire il pomodoro e il prezzemolo quasi alla fine, poi il parmigiano e amalgamare bene il tutto. aggiustare di sale e peperoncino e togliete dal fuoco. servire completando con il basilico tagliato a striscioline disposto sulla pasta ed il resto dell'olio a filo.


29 commenti:

  1. yeeeeeh...mi avevi incuriosito con questa ricetta e ora che vedo il risultato fotografico, beh, posso dirti che la preparerò presto! Mi pare anche dietetica no?
    Un baciotto

    RispondiElimina
  2. Salsina
    che gioia per il cuore e per il palato questi spaghetti!!!!

    RispondiElimina
  3. Gli spaghetti al pomodoro sono sempre una poesia! Il dolcino della cipolla, l'acidità del pomodoro il profumo del basilico...mmm...una delizia senza fine
    Un bacio
    Fra

    RispondiElimina
  4. questo piatto profuma di semplicità e di sapori genuini! una poesia ben riuscita :)

    RispondiElimina
  5. Toglietemi tutto, ma non lo spaghetto al pomodoro! Splendida ricetta. Certo che il cipollotto di Tropea qua dove lo vado a beccare? Ma mi organizzo lo stesso :-)
    Ciao, Alex

    RispondiElimina
  6. Io adoro le ricette semplici, ma buone e squisite come questa... A quest'ora mi hai fatto venire una gran fame!!! Purtroppo sono in ufficio e mi tocca mangiarmeli con gli occhi!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  7. le cose semplici sono buonissime, è vero basta un piccolo particolare, a otranto ho comprato la grattuggina di ceramica per l'aglio, dicono che se si trita col coltello diventa tossico, boh

    RispondiElimina
  8. Haiperfettamente ragione, bastano pochi accorgimenti per stravolgere un piatto...che brava che sei!!

    RispondiElimina
  9. Anche da noi le ricette difficilmente vengono seguite passo passo, ma devo dire che delle volte bisogna fare delle eccezioni. Questa pasta infatti mi sembra super-perfetta :-)
    E brava Salsetta!
    Ciaooo,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  10. Questi spaghetti sono mitici. Come riso oro e zafferanno di Marchesi, come l'uovo apparente di Leeman e così via...
    Maricler e Fabrizio di The chef is on the table hanno appena mangiato gli originali. Bastardi!!!

    RispondiElimina
  11. Devono essere davvero buonissimi!

    RispondiElimina
  12. Buongiorno cara! devo dire che la ricetta mi piace moltissimo quindi grazie infinitamente per lo spunto :-D
    buon pomeriggio cara
    Silvia

    RispondiElimina
  13. Sorella! hai perfettamente ragione. Ho provato anche io la stessa sensazione con il risotto metodo marchesi e lo sto provando in questi giorni visto che mi hanno regalato il fantastico libro di Valeria Piccini del ristorante Caino. Questo piatto ha un aspetto semplice e fantastico! ^_*

    RispondiElimina
  14. Sara, tu sai rendere sublime qualsiasi pietanza!
    Chapeaux!
    Bacioni
    saretta

    RispondiElimina
  15. I sapori semplici sono quelli che preferisco!!!

    RispondiElimina
  16. Eh sì, è proprio così che si fa!
    E poi da Aimo e Nadia c'è sempre da imparare!
    Nadia - Alte Forchette -

    RispondiElimina
  17. Buoni!!!
    Senti, senti che profumino....e con il cipollotto come la mettiamo con l'alitino?



    La marmellata di cedro è stata un'ottima, brava.

    RispondiElimina
  18. questa la copio sicurooooo
    ho ancora quelle belle cipolle di tropea che aspettano di essere preparare e in mezzo al mazzo c era qualche cipollotto profumato...
    un bacione lalla

    RispondiElimina
  19. Ciao bella, molto buona questa ricetta. Noi abbiamo mangiato l'originale, come ricordava la cara Spilucca, ed era diversa da questa. Non so insomma se questa sia la ricetta della celebre "Spaghetti al cipollotto e peperoncino fresco": in quella che abbiamo mangiato il pomodoro era assente, non c'era il minimo colorito. Abbiamo intuito la cottura risottata, ma secondo noi proprio il pomodoro no. Proveremo cmq a rifarla seguendo questa ricetta - che è quella che si trova in giro. Ma cercheremo anche la versione tomato-free! Pensa che quella sera da Aimo c'era un giapponese che l'ha ordinata ma non è riuscito a finirla perché era troppo piccante per i suoi gusti: in realtà il piccante era solo un sentore, e poi cavolo, cosa dovremmo dire del wasabi?

    RispondiElimina
  20. Ho letto attentamente e sono pronta a eseguire il piatto!! Elga

    RispondiElimina
  21. rivisitazione di un classico.
    Il cipollotto e'l'elemento fondamentale p
    sciopier il gusto particolare...
    good idea

    RispondiElimina
  22. finalmente un post SERIO! eccheccavolo, non ne potevo mica piu' di piegarmi in due ogni volta che passo qua! anche se ero rimasta indietro di ben due post per cui mi è capitato anche stavolta! hai ragione cmq, gli spaghetti sembrano ottimi e..psss, appena ho aperto la pagina, ho pensato: che belle foto, che fa sempre sta ragazza! ;)

    RispondiElimina
  23. Lo spaghetto al pomodoro é proprio un classico a cui non so rinunciare, con il pizzico di peperoncino poi!

    RispondiElimina
  24. Mi piace da matti questa ricetta, sarà perchè adoro le cipolle di tropea
    Mi sa che te la copio. Baci Laura

    RispondiElimina
  25. cerco di immaginarmi il profumo, sarà stata una bella esperienza per il palato... ;)
    notte!!!

    RispondiElimina
  26. saporosamente mediterranea buona giornata

    RispondiElimina
  27. @tutti: ciao amici, grazie della visita! spero di trovare il tempo per ricambiare!
    @maricler, dai davvero non c'è il pomodoro? questa è effettivamente la ricetta che gira in rete, ma non avevo idea che l'originale fosse in bianco :-O un motivo in più per andare a gustarsi l'originale1 ;-) ciao!

    RispondiElimina
  28. si impara sempre qualcosa dai grandi

    RispondiElimina
  29. hummmmmmmmmmmmmm.....ok dai vengo a casa tua!!!!!! ehehehhehehehheeheh

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4