06/06/08

qualcosa da scoprire

aglioselvatico

quante volte, facendo una passeggiata in campagna, vi siete chiesti "ma chissà se questa piantina si mangia? e quei fiori saranno commestibili?" io me lo chiedo SEMPRE, ad ogni filo d'erba che incontro (ahahha vero paolo? ;-)) tant'è vero che stavo pensando fra me e me di fare una raccolta di piante e fiori eduli e di pubblicarla qui, ma poi ho scoperto che c'è già (per fortuna): eccola! anche se non è del tutto esaustiva: non so ancora con certezza, ad esempio, se i fiori dell'aglio qui sopra siano commestibili. paolo dice di no, io dico nì perché sono golosa, ma per sicurezza non li ho mangiati ;-P qualcuno per caso lo sa?

elicriso

lunedì scorso sono andata a fare trekking a trevi, in occasione di una festa gastronomic-naturalistica che si è rivelata molto interessante e divertente. durante il percorso la guida ci ha mostrato fiori ed erbe di ogni tipo: abbiamo visto 4-5 tipi di orchidee selvatiche talmente belle da sembrare finte (praticamente queste), in più abbiamo raccolto alcune erbe aromatiche in luoghi assolutamente incontaminati. io mi son portata a casa l'aglio che vedete in foto sopra, la mentuccia, il serpillo, il timo, il finocchio selvatico ed un'erba di cui ignoravo il nome (e come me, la guida, che la chiamava erroneamente "menta selvatica"). oggi ho scoperto che si chiama elicriso: ha un gusto vagamente di curry, ma più erbaceo, più fresco. ieri, prima ancora di saperne il nome, l'ho usato per la pasta: oh, buonissimoooo! sto meditando di tornare a prenderne ancora: ha un gusto veramente interessante. l'ho abbinato al cedro: il fratello minore di questo ;-) avete presente i tagliolini al limone? la pasta più anni '80 che ci sia insieme al risotto alle fragole? ecco, ho tentato di rifarla senza mortificarla con la panna, utile il più delle volte solo ad appiattire i sapori (a mio gusto e giudizio eh, per carità!). il risultato mi ha soddisfatta moltissimo! chi l'assaggia? :-D buon week end!

pastacedroerba


CHITARRINI ANNI '80 - RESTYLING: CEDRO, ELICRISO E PECORINO DI FOSSA STAGIONATO ALLE ERBE ahahahhh che titolo del cavolo...

ingredienti per 2 paninari (colonna sonora):

chitarrini all'uovo q.b.
4 rametti ben fronduti di elicriso
mezzo cedro piccolo
un bulbo o due d'aglio novello
olio extravergine
pecorino di fossa stagionato alle erbe
un goccio di latte

mentre la pasta cuoce, scaldare dolcemente l'aglio nell'olio, insieme all'elicriso privato del gambo duro. quando soffrigge da un minuto, unire la parte bianca del cedro tagliata a striscine e cuocere per almeno 5 minuti, aiutandosi con l'acqua di cottura della pasta. scolare MOLTO al dente tenendo da parte un po' d'acqua, buttare la pasta in padella e unire le scorze di cedro. risottare alternando acqua ad olio, unire un goccio di latte, saltare 30 secondi, togliere dal fuoco e unire il pecorino grattugiato, mantecare velocemente sempre fuori dal fuoco e servire.

35 commenti:

  1. E ci vogliamo mettere le penne panna e prosciutto???? :D
    E qui mi fermo, senno' nomino anche le penne alla vodka che ho fatto 2 settimane fa :D

    Io questi spaghetti li mangerei ad occhi chiusi, ma ci mi salvera' dlla curiosita' per l'elicrisio???

    RispondiElimina
  2. aaahahahh sììììì le penne alla vodka! che poi oh, mi piacciono un casino: me le cucinava sempre il mio ex e le faceva buonissime ahahah :-D
    aspetta... e allora PANNA E SALMONE? che incubooooo ahahah ne avremo mangiati QUINTALI di panna, fino a 10 anni fa ahahahha :D comunque ho scoperto che è divertente reinventarsi questi piatti ;-)

    RispondiElimina
  3. Non sapevo che le ricette dei tagliolini al limone e del risotto alle fragole fossero nate negli anni 80, curiosa davvero questa storia!!! Comunque complimenti per la variante con pecorino, elicriso e il cedro più piccolo, io di quel periodo ricordo solo penne panna e prosciutto in quantità industriale!!!
    Comunque io rimango ancora allibita dalle dimensioni di quel cedro ^-^

    RispondiElimina
  4. Cara Sapa, vieni da mammà che ti spiega tutto. Dunque, tengo numero 2 piante di elicriso sul balcone, l'una presa al Castorama (?), l'altra estirpata dalla macchia mediterranea di un'isola croata (Cres).
    Che odore ha? Di mare. Di vacanza. Di macchia mediterranea. E lo mantiene tutto l'anno. Basta chiudere gli occhi e annusare. Per me è una sensazione fortissima. E' in assoluto la mia pianta preferita.
    Per quanto riguarda l'aglio, invece, non ti so dire. Anche questo lo raccoglievamo in un mini isolotto sempre in Croazia (dalle parti di Vis, stavolta), che era tuttotempestato di aglio selvatico. Si recuperavano i bulbi e, con un trattamento (forse sotto aceto?) che non ricordo (perchè ero piccola e stupida e faceva tutto papà), li si metteva via in barattoli pronti per l'inverno. Ovviamente si mangiavano come aperitivo...diventavano dolcissimi...
    Sul fiore, però non so dirti nulla.
    Credo contenga le sementi, ma non mi ha mai ispirato molto...
    Bellissimo questo post.

    RispondiElimina
  5. Credo che l'elicrisio sia quello che qui in Germania chiamano Currykraut (erba di curry) e si trova anche in commercio. Che bella che deve essere stata la tua escursione.
    E se lanciassi un meme "il piatto degli anni '80"? Avrei un'insalata di pollo che è la fine del mondo :-)))
    Buon WE, Alex

    RispondiElimina
  6. nonostante viva in campagna conosco pochissimo erbe pianitne e quant'altro, dovrò incominciare a " studiarle" ...
    buon fine settimana!

    RispondiElimina
  7. ciao a tutti! aahahahh mi sto rotolando coi piatti anni '80: nessuno ne sente la mancanza ma tutti ce li ricordiamo mooolto bene adadad :D
    @alex: mmm... pernché no! :)
    @spilucchì: ammore de la zzia ma dimmelo prima no? che invece di farmi 4 ore di trekking lo vengo a rubare da te l'elicriso! :P
    @lilith: sai che non lo so con precisione? io dico anni '80 perché in quegli anni faceva tanto chic usare la panna praticamente in tutte le paste, poi c'era il risotto allo champagne che non mancava mai ai matrimoni, infine c'è stata l'invasione della rucola che compariva praticamente ovunque... per me, i tagliolini al limone sono spandau ballet! :-P

    RispondiElimina
  8. e proprio mezz'ora fa... all'esselunga ho trovato l'aglio fresco... Sarà un caso? Beh l'ho comprato e questa ricetta la provo anche se non amo particolarmente i limoni :P

    RispondiElimina
  9. aòòò che te ha intasato il neurone questa meravigliosa schitarrata????
    Che titolo te sei inventata??? ahahahahahah
    Bene bene, ora abbiam scoperto di che pianticella ti sei cibata ieri sera!!! Per i fiori d'aglio, boh, ho dei dubbi ma vedrai che risolveremo questa curiosità... Secondo me si posson mangiare...
    Oh, facciam così, tu provi, al massimo si fa un giretto al pronto e via! ^_^ (scherzo và, che senza di te poi è un casino) ;-)

    RispondiElimina
  10. Io per mangiarli ci sono!!! Concordo sulla panna, non mi piace metterla nel sugo della pasta, appiattisce veramente i sapori...
    Complimenti, preparazione perfetta!
    Baci e buon week end!

    RispondiElimina
  11. bellissime le erbette! e coraggiosissimo il trekking, io essendo pigra tento di coltivare qualunque cosa nel giardinetto del fotografo... non è che spunti proprio tutto tutto, anzi...ma insomma ci accontentiamo.
    Per gli anni '80 invece mi è spuntata una voglia di risotto alle fragole, mi sa che mi ci metto
    Maite

    RispondiElimina
  12. Che acquolina!
    Questa preparazione è davvero invitante e poi con il cedro...
    E riguardo ai fiori dell'aglio io ero sicura che fossero commestibili...forse è meglio documentarsi meglio :S
    Buon we,
    Nadia - Alte Forchette -

    RispondiElimina
  13. Io mi offro di assaggiarlo! basta che non mi dai della paninara! ;)
    ^_^
    concordo con te sulla panna che io non amo in molti piatti soprattutti primi. l'Elicriso è buonissimo. avevo una piantina beccata chissà dove nel mio giardino aromatico ma si è seccata :/ spesso il mio problema che faccio abbinamenti assurdi negli stessi vasi. tipo.. ho scoperto che la mentuccia è infestante e non va d'accordo con nessuno.. che tipa però... ^_^

    RispondiElimina
  14. Che bel piatto...adoro gli spaghetti alla chitarra! la ricetta e' da provare cosi' com'e'...troppo intrigante!

    RispondiElimina
  15. ehehhehe... generazione anni 80 all'appello!

    Salsina questo piatto è degno di lode... se poi ci unisci il fatto che vai in giro x campi a raccogliere ebette e radici... mamma mia come mi manca l'aria aperta... qua è tutto un pantano qua attorno e continua a piovereeee! Cresceranno tanti funghi e spunteranno tante lumache!
    Annina

    RispondiElimina
  16. .. guarda che per l'ennesima volta sei stata citata in un mio post ;) non ci prendere il vizio eh.. ultimamente dici troppe cose intelligenti! :) sarà che mi hai conosciuto meglio?? ahahahah ;)

    RispondiElimina
  17. Sììì, mi piace imparare!!! e brava salsetta, buon WE!!!!!!

    RispondiElimina
  18. wow....l'elicrisio è prezioso...è lerba degli occhi....li aiuta contro le infiammazioni...lwlicirsio che hovisto io fa dei fiori gialli grassi e polposi...per un anno ne ho avuto una pianta, ma l'ho visto crescere selvatico sull'isola dell'elba! un bacione

    RispondiElimina
  19. mi farai morire.
    e panna e salmone? il massimo della chiccheria.
    un mio amico pastella e frigge i fiori dell'erba cipollina, io personalmente li trovo troppo amari.

    RispondiElimina
  20. a proposito di panna e salmone.
    in pieni anni 80 il presidente del catania calcio era un tal Massimino.
    ad un certo punto al ristorante gli portano le pennette panna e salmone.
    Lui guarda il cameriere ed esclama: che è stu prosciutto fituso?

    RispondiElimina
  21. Ma tu mi fai concorrenza con questo post erbaceo! :) Non saprei per il fiore d'aglio, mi informo.. di getto ti direi di no, la parte verde delle piante prende nutrimento dalla radice (il bulbo in questo caso), e se la radice si mangia le parti aeree nn dovrebbero avere problemi. Però esistono dei casi dove tra le due parti della pianta c'è differenza di principi attivi e se non si è certi meglio non rischiare, hai fatto bene così! Bacione

    RispondiElimina
  22. Non ho letto tutti i commenti perciò non so se qualcuno te l'ha già detto, ma i fiori d'aglio a me risultano commestibili, visto che una volta in Abruzzo ho acquistato una crema di fiori d'aglio in vasetto. Purtroppo l'ho fatta scadere senza utilizzarla e quindi non so dirti come fosse.
    Baci e buon week end!

    RispondiElimina
  23. Ahhhhhh che buono, peccato che sono
    solo per due.
    Ho fatto una ricerca su i fiori ma,
    nisba, comunque si potrebbe provare, ti lasci un detto Spagnolo, lo que no mata...engorda,
    ciò che non ammazza....ingrassa.
    Buon fine settimana
    Bacio
    Nino

    RispondiElimina
  24. ma che bonta'...mi lasci sempre col sorrisone dopo avere letto i tuoi post!!!

    RispondiElimina
  25. Ciao salsadisapa! Ma lo sai che questo post è molto utile? Avevo in mente pure io di fare una lista con tutte le piante e i fiori che si possoo mangiare, erbe aromatiche ecc.. ma tu mi hai anticipato e in più hai trovato già pronto il link! meglio di così! Grazie :))
    Sai sono stata ad un fiera "Herbaria" all'Abbadia di Fiastra (MC) tempo fà e non ti dico le piante che ho visto O_O !
    E nel programma c'era anche l'ESCURSIONI NATURALISTICHE nel Parco Archeologico di Urbs Salvia con raccolta delle erbe mangerecce legate alla tradizione maceratese, solo che non ho potuto esserci(questioni di tempo!)però ho partecipato alla cerimonia del tè

    Buon WE

    RispondiElimina
  26. Ah dimenticavo! Io l'assagio volentieri questo piatto! :)))

    RispondiElimina
  27. che belle foto sono una meraviglia.

    RispondiElimina
  28. Ciao Salsa che bella gita deve essere stata. Ammiro molto chi sa riconoscere le varie erbe selvatiche. Io mi limito a quelle più famose: radicchio e ortica (per questa poi c'è sempre la prova urticante). Gli spaghetti sono favolosi, devono essere profumatissimi!
    Un bacio e buona domenica
    FRa

    RispondiElimina
  29. io pretendoquesti tagliolini! Hocapito chesonosenza connessione..ma non puoipreparare queste chicche a mia insaputa!!!a me il piatto, please..un bacino.lety

    RispondiElimina
  30. ... 1989: anno della maturità... la prof di italiano domanda a venti studentesse decerebrate (io ero fra quelle) se Pinocchio è da considerarsi un romanzo importante nella letteratura del ns paese... silenzio... colpi di tosse... sconfitta la prof ci urla: "Prendete appunti..." (e inizia a declamare con voce chiarissima)... Per due persone: 160 gr di riso... un cestino di fragole... panna... burro...
    Aveva deciso, ci disse, che qualcosa di lei doveva restarci! Se non pinocchio... il riso con le fragole! (Ho la ricetta scritta sul terzo volume de Il sistema letterario...

    RispondiElimina
  31. fantastico questo post cara Sapa... :))
    Adoro curiosare nei boschetti, fiori e piante e se fosse per me assaggerei tutto.Ma non si può!
    I fiori dell'aglio non li ho mai assaggiati, ma la tentazione è sempre stata forte...
    Deliziosa la chitarrina!

    RispondiElimina
  32. p.s. dai famolo strano sto raduno sugli 80!!Anche io avrei una bella rivisitazione da proporre!
    bacioni
    :)

    RispondiElimina
  33. ciao gente! :) i vostri commenti mi hanno fatto scompisciare... mi pare che serpeggi una certa nostalgia degli '80, sbaglio? :oD vedrò cosa posso fare per radunare un po' di capelli a spazzola, giacchettoni di pelle, jeans di elcharro e occhiali a specchio ;-)
    @claud: aaaaahahahahhhh!

    RispondiElimina
  34. haaa che meraviglia!!! tutto mi piace di questo tuo post...l'erbe aromatiche sono la mia passione...anch'io quando vado a in giro nei campi/boschi qui...guardo sempre le erbette e mi chiedo se sono commestibili...l'ultima volta passeggiando sentivo un forte odore di aglio...man mano che mi avvicinavo lungo un viale alberato...e ti vedo una distesa di fiori d'aglio...selvatici credo..era un bosco e non credo fossero stati piantati li' se non nati spontaneamente e mi sono fatta la stessa domanda...ma ho lasciato stare...ho la mania di provare tutto...grazie per il link delle erbette...ah...l'elicrisio..mi sembra anche l'erbetta che la signara maroccina che lavora con me mette nella sua tisana..ho provato a chiederle come si chiama ma volendo non saprei proprio neanche scriverlo l'arabo...un bacio

    RispondiElimina
  35. iooooooooooooo!!!!!!!!!!!!
    arrivo!!!!!! heheeh Pippi

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano