26/09/08

qualcosa di rossozafferano


questo è un dolce che volevo fare da mesi! precisamente, da quando è iniziata la stagione delle pesche. solo che, per un motivo o per l'altro, ho sempre rimandato. per caso, una settimana fa mi hanno regalato delle pesche bianche squisite, che si sono mantenute perfettamente in frigo fino a ieri sera. ne ho usata una durante una cenetta col mio amico paolo-buongustaio, che ha voluto provare con me a rifare una zuppa georgiana che aveva assaggiato a parigi. la ricetta della zuppa lunedì prossimo ;-) oggi invece voglio pubblicare quella del dolce, perché le pesche non ci saranno ancora per molto, e chi volesse provarlo deve averne la possibilità. prima della ricetta spendo due parole sullo zafferano: sconsiglio categoricamente di comprare quello in bustine, ridotto in polvere. purtroppo, nella maggior parte dei casi, non si tratta di vero zafferano ma di cartamo: un fiore coloratissimo sì, magari anche profumato, ma che non ha nulla a che vedere col vero zafferano, che deve essere acquistato in pistilli. se ne prendono di fregature di questi tempi, eh? meglio fare attenzione almeno fin dove si può ;-) il riso che ho usato per questo dolce è di tipo "balilla": una cuoca che conosco me l'ha gentilmente segnalato come uno dei migliori per i dolci. effettivamente l'ho trovato ottimo! buon appetito e buon fine settimana :-)


RISOLATTE ALLO ZAFFERANO, PESCA BIANCA E CRUMBLE DI PANE

ingredienti per 2 monoporzioni

75 gr di riso balilla
500 ml di latte parz. scremato
2 cucchiai di zucchero bianco
un pizzico di pistilli di zafferano (diciamo 1/5 di grammo)
1 fettina sottile di burro
1 cucchiaio scarso di panna fresca
pesca bianca q.b.
zucchero di canna q.b.
2 fettine sottili di pane molto secco (o tostato in forno e raffreddato)
15-20 gr di burro

scaldare il latte con lo zucchero, nel frattempo sciacquare leggermente il riso. quando il latte bolle, immergervi il riso e cuocere fin quasi a completo assorbimento, mescolando spesso. a questo punto, togliere tre o quattro cucchiaiate di riso dalla pentola e metterle in una ciotola con lo zafferano. mescolare e lasciar riposare un minuto o due, quindi riunire il composto con quello in pentola e terminare la cottura per un minuto o due. spegnere il fuoco, unire una fettina di burro e mantecare rapidamente. distribuire il composto in ciotoline di vetro da forno e livellare; versarvi adesso la panna, davvero poca. adagiarvi la esca tagliata a spicchietti spessi 3-4 millimetri coprendo tutta la superficie, quindi spolverizzare di zucchero di canna (pochissimo) ed infornare a 180° per 5 minuti. nel frattempo, sbriciolare finemente il pane e unirlo al burro, anche questo, pochissimo: quanto basta per amalgamare il crumble. togliere le coppine dal forno, distribuirvi il crumble e reinfornare per 2-3 minuti. togliere dal forno, riposare per 2 minuti e servire.


45 commenti:

  1. Cavoli amica, questo si che è un dolcetto in mio stile! E poi, lo sai che ho una passione folle per lo zafferano IN PISTILLI...
    ora vado a far contabilità FELICE...
    Ti abbraccio...

    RispondiElimina
  2. vedo che l'abbinamento pesche-zafferano ha sempre un certo successo... e il risolatte mi ricorda tantissimo le merende che mi preparava il nonno quand'ero piccola. mi piace questa ricetta. aspetto quella della zuppa, mi sembra che sia arrivato il momento di qualcosa di caldo...

    RispondiElimina
  3. che bel desser!!! ora però mi hai messo curiosità con quella zuppa!!!
    Aspetterò fino a lunedi!!!

    RispondiElimina
  4. E' un dolce proprio delizioso! Solo che tu vai alla ricerca di questi ingredienti particolarissimi, difficili da trovare....e anche imitando, la ricetta non verrà mai fuori bene come la tua!
    Ci piace molto comunque questo abbinamento di riso, pesche e zafferano!
    bacioni

    RispondiElimina
  5. Sfiziosissimo questo dolcetto! Mi piace assai...
    Per quanto riguarda lo zafferano, per me una lotta aperta. Ho comprato i pistilli di ogni dove, dell'Aquila, sardi, iraniani, ma non c'è verso di riuscire a farli rendere come dico io senza usarne un quintale (cosa che, non mi sembra il caso, dato il costo...). C'è chi dice di tostarlo, chi di metterlo a mollo mezz'ora primi, chi di pestarlo e poi fare le due cose precedenti, ma io non riesco a trovare il metodo adatto. Consigli?

    RispondiElimina
  6. @virginia: sinceramente col metodo che ho sempre usato viene profumatissimo! assolutamente non bisogna né tostarlo né pestarlo: è un pistillo, e come tutti i fiori o parti di essi dà il meglio di sé in infusione. prova a idratarlo per qualche minuto nel liquido caldo che serve x la ricetta (stavolta è il risolatte, nel risotto è il brodo o l'acqua calda, ma lì devi lasciarlo in infusione per 10 minuti in POCHISSIMO liquido), poi uniscilo al resto quasi a fine cottura. funziona :)

    RispondiElimina
  7. Sapa, grazie! Sapessi quante volte ci ho provato...forse però l'errore è che lo aggiungo troppo presto (a metà cottura) invece che alla fine. Proverò come dici tu...
    Tenk iù!

    RispondiElimina
  8. Saruz devo dire che mi stuzzica tantissimo questo dolce semplice ma complesso in texture, aromi etc..
    te lo dico sempre che te sei AVANTI!!!! :D

    RispondiElimina
  9. Com'è coccoloso il dolcetto...brava! Come sempre!

    RispondiElimina
  10. Sapina, non fai che superarti ogni giorno, de-li-zio-so!

    RispondiElimina
  11. Mai mangiata una cosa simile!
    Lo voglio provare a tutti i costi...certo che ogni volta che passo di qui mi appunto qualcosa e ormai potrei riempire volumi con le tue ricette e spiegazioni varie! ;)

    Nadia - Alte Forchette -

    RispondiElimina
  12. Gioia!Condivido pienamente che sia necessario puntare alla qualità..tyu, del resto sei maestra!E questo dolce...potrei svenire!
    Un bacio grande!
    saretta

    RispondiElimina
  13. Ohhh mamma mia sono rimasta incantata da questo dolce. Deve avere un profumo avvolgente e una consistenza quasi peccaminosa. Favvero un capolavoro. Attendo la ricetta della zuppa!
    Un bacio grande e buon w/e
    Fra

    RispondiElimina
  14. oh ma che acquolina! Vedo che il clima autunnale sta tingendo di nuovi colori (e sapori) le tue invenzioni, che sono sempre un grande spettacolo!

    RispondiElimina
  15. Ho provato solo una volta un dolce con lo zafferano, ottimo. Deve esserlo anche il tuo ;) buon fine settimana.

    RispondiElimina
  16. mamma quanto mi tenti!!!!!
    lo sai che e'difficilissimo qui a Palermo trovare zafferano in pistilli?!!?
    devo ripiegare sulla solita bustina liofilizzata ;(

    RispondiElimina
  17. Foto molto bella!
    Su OPS.com abbiamo molte ricette relative alle spezie.
    SBuso

    RispondiElimina
  18. wow che buono..mi paice tanto il sapore dello zafferano...compro solo in pistilli e una volta llanno uso quella deli mio mini raccolto casalingo ;)

    RispondiElimina
  19. @io: coltivi lo zafferano? e i semi da dove vengono?!?

    RispondiElimina
  20. Ciao Salsina, io vorrei trovare lo zafferano in pistilli, ma non è un'impresa facile... lo sto cercando da diverso tempo, ma temo che l'unica possibilità sia acquistarlo via internet (pensavo a Esperya o simili...). Comunque sia questi risolatte deve essere ottimo e profumatissimo, complimenti!
    Buon week-end!

    RispondiElimina
  21. un dilce estivo e autunnale insieme! Sono curiosa di scoprire il sapore dello zafferano nel dolce...baci!

    RispondiElimina
  22. grazie per essere passata dal mio blog, grazie per i tuoi consigli e grazie sopprattutto per il tuo commento al post sul mio papà.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  23. Caspita, meno male che io le bustine non le uso, mico lo sapevo che sono surrogati!!!! Grazie e buon week end a te...

    RispondiElimina
  24. Ha un aspetto invitantissimo!!!

    RispondiElimina
  25. inutile dirti che come al solito rimango incantata dai tuoi post...ogni volta che vengo a trovarti e "sfoglio" le pagine del tuo blog mi convinco sempre di più che sei meravigliosamente stupefacente!!! Buon fine settimana,Isabel

    RispondiElimina
  26. accipicchia!! pescheeee io le adoro!!! meraviglioso, come sempre! un bacione! Buon week-end ^_^

    RispondiElimina
  27. fai bene a ribadire la stagionalità della frutta!
    sai quanto anche io ci tenga tantissimo.
    non è che niente niente Paolo mi si innamora? se consideri che io ho sposato il mio migliore amico :D

    RispondiElimina
  28. ...è il periodo dello zafferano? ne ho ancora (in pistilli)e questo "dolcetto" mi piace molto. Lo copio.

    RispondiElimina
  29. Coincidenza impressionante, anch'io pesche aromatizzate;)senza riso pero'...siamo in tema di inizio autunno con stralci d'estate.
    Deliziosa ricetta, come sempre copio.
    Buon we

    RispondiElimina
  30. Strepitoso questo dolce! Buona serata Laura

    RispondiElimina
  31. Il risolatte in assoluto è uno dei dolci che ritengo proprio "comfort food-coccoloso"... poi fatto così è superlativo.
    Grazie della ricetta.
    :)
    Serena

    RispondiElimina
  32. La tua ricetta e originale, mi piace molto.
    Aspetto il seguito lunedi...
    Ciao e bon week end
    paola

    RispondiElimina
  33. Wow Salsina che bicchierini golosi!!!! buon fine settimana anche a te !! un bacio Pippi

    RispondiElimina
  34. Questo è un dolce fusion!
    Un po' crumble, un po' risolatte, un po' ancora altro... sei sempre avanti, tu!

    RispondiElimina
  35. Mammina!!! Sai che vorrei esserci, una volta, a queste tue famose cene con gli amici buongustai... ah, per quanto riguarda le lenticchie di Castelluccio, assaggiate in loco, persino in forma di biscotto, senza parole... poi, ovviamente, acquistate etc etc, ottimo souvenir gastronomico!!!

    RispondiElimina
  36. "...che deve essere acquistato in pistilli."...
    e accertatevi che provenga da L'Aquila!
    scusa il campanilismo!
    questa ricetta è favolosa!
    buon WE!

    RispondiElimina
  37. ottima ricetta!!! anche ho utilizzato alcune volte lo zafferano nei dolci (ammetto quello in bustina.... ma adesso che hai detto cosa ci si può trovare dentro....)
    ciaoooo e buon w.e.

    RispondiElimina
  38. Finalmente ritorno a leggerti e quante ricette golose mi son persa. Beh ho recuperato alal grande adesso non mi tocca che provarle a fare. In particolare sono rimasta folgorata dalle confetture dei fichi, torta di carote e caffe' e risotto pecorino e fichi... sto sbavando!!!! Baci

    RispondiElimina
  39. desser insolito ma di un gusto!!!!!
    brava!!!
    buona domenica!!! ^_^

    RispondiElimina
  40. Ecco...mo'tu mi devi spiegare una cosa....ma il vero zafferano allora è rosso? perchè una volta toscana mi portarono un meraviglioso primo, dove tutto intorno ci stava una spezia spolverizzata color rosso fuoco....puo' essere???? complimenti per ricetta e foto....come sempre :)

    RispondiElimina
  41. che meraviglia! E come sei sempre originaleeeeee!
    Brava Sapetta.. :))))
    Il risolatte lo adoro, cara e m sa che siamo in sintonia con le pesche.
    Buon lunedì

    RispondiElimina
  42. Gia' il titolo e' un programma!Lo mangerei a scatola chiusa!
    brava..

    RispondiElimina
  43. cavolo!!! ho trovato qualcuno che fa via net "la stessa opera di convincimento" che faccio io sullo zafferano in stami... e complimenti per la ricetta!!!
    ... e anche il nome del post ricalca molto il mio blog. se hai voglia di ricette nuove sullo zafferano e se vuoi vedere come si produce, ti segnalo il mio blog (sono una produttrice)
    rossozafferano.blogspot.com
    :D
    francesca

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4