13/10/08

qualcosa di rossovino


forse questo post farà impallidire, rabbrividire o sorridere gli intenditori di vino che leggono, per piacere o per caso, le pagine di questo blog... ma sono anche certa che molti altri lettori non hanno mai visto come si fa il vino. precisiamo: come si fa il vino "in casa". vorrei quindi chiarire che la spiegazione che segue non vuole avere carattere scientifico, bensì solo documentario di una realtà che personalmente sento molto, perché qui, in tutte le case degli onesti contadini, questo è un momento sacro dell'anno, e come tale merita di essere raccontato :-)
e dunque si parte: la vendemmia!


è bene radunare braccia in abbondanza: si chiamano parenti, amici, vicini e chiunque altro possa dare una mano, in cambio di un buon pranzo offerto dalla casa ;-)


i grappoli volano velocemente nei secchi, si chiacchiera, si ride, si raccontano barzellette, si canticchia, si spettegola sul vicino (assente).


col rimorchio del trattore strapieno si torna a casa, si pigia l'uva e si separano i chicchi dai raspi con l'apposita macchina. i chicchi d'uva vengono poi inviati nel tino, lavato e ripulito. dopo qualche ora inizia la fermentazione, e, di conseguenza, la bollitura.


nei giorni successivi, l'uva in fermentazione deve essere "affogata" due volte al giorno con un pestello, in modo da non far ossidare quella che sta a contatto con l'aria, in superficie. per fare questo, mio nonno ha costruito questo pestello anni e anni fa, e ancora viene usato:


dopo circa 5 giorni di bollitura, si assaggia il mosto: se il rapporto fra l'acidità e lo zucchero è quello giusto, si procede alla svinatura, altrimenti si aspetta ancora qualche ora. mio nonno ha confessato di essersi alzato all'una di notte per paura che fosse ora di svinare...

prima aprendo il rubinetto, poi allentando la bocchetta del tino, comincia ad uscire il primo vino:


i filtri sono del tutto rudimentali: un colino di quelli della ricotta, e una specie di "zanzariera" col manico posta all'interno del tino, davanti all'usciolo ;-)

il vino che esce viene pompato nelle botti, mentre qualcuno con una pala sposta le vinacce dall'usciolo, per permettere al liquido di scolare bene.


dopo un po' si smonta completamente la bocchetta per estrarre le vinacce, che adranno spremute. da anni, anni e anni, si usa questo bellissimo strettoio, che viene smontato, lavato, asciugato e quindi riassemblato:




con un rastrello si estraggono le vinacce dal tino, che vengono sistemate e pigiate con un pestello nello strettoio.



per le nostre quantità, occorrono dai 3 ai 4 pieni per "strizzare" tutte le vinacce, ovvero un'operazione che inizia la mattina e finisce nel tardo pomeriggio. nel frattempo il liquido comincia a fluire da sé:


il montaggio dello strettoio è un'operazione geometrica che va fatta con precisione: prima si monta il coperchio, poi gli "zeppi".


i pezzi di legno devono essere messi a direzioni alterne, e devono essere alti quanto basta per arrivare fino in cima all'ingranaggio; sono sempre gli stessi legni da decenni: ormai la misura è quella ;-)



occorre fare attenzione a non toccare la vite dello strettoio coi legnetti:



adesso si può cominciare a stringere: si spinge sulla leva metallica e il coperchio comincia a scendere e a fare pressione sulle vinacce.


il succo che ne esce è quello più prezioso:



si va avanti così per ore, goccia a goccia, e il vino raccolto, ulteriormente filtrato, va a finire nella botte per l'affinatura. seguiranno alcuni altri passaggi, altre piccole operazioni, alcuni travasi, ma il più è fatto: non resta che aspettare per assaggiare il frutto di tanto lavoro.
alla salute!

37 commenti:

  1. :O SaruZ B-E-L-L-I-S-S-I-M-O post! foto spettacolari e racconto puntuale e preciso. posso garantirti che fa un certo effetto anche a chi come me lo ha visto fare da una vita..
    ma ce l'hai un po' di mosto da darmi che ci faccio la marmellata??? lo aspetto con la zucca? in cambio delle castagne ahahaha :D

    RispondiElimina
  2. beh Sapina, davvero un bel lavoro questo post, pieno di belle foto e spiegazioni dettagliate. Nelle aziende vitivinicole è entrata per fortuna un bel po' di tecnologia, che facilita e ottimizza determinate operazioni e procedimenti, ma i passaggi sono esattamente gli stessi.

    RispondiElimina
  3. che meraviglia! brava, bellissimo, grazie da tutti gli amanti della bontà e della bellezza.

    RispondiElimina
  4. Bellissimo racconto... traspare tutto l'amore per la terra e i suoi frutti preziosi!
    Grazir mille, è sempre un piacere passare di qua.

    RispondiElimina
  5. beh... per chi come me nonha mai visto fare il vino (ma ho sempre visto soltanto imbotrtigliarlo) devo dire che sei stata chiarissima e le foto molto dettagliate... grazie per aver condiviso con noi questo momento e questa festa!
    Alla salute!
    :-)

    RispondiElimina
  6. Ho letto questo post come una bambina piccola a bocca aperta. I colori del succo sono di un'intensità impressionante. Ma il bello è la comunità che si viene a creare intorno all'evento. È una fortuna oggigiorno poter partecipare ad una cosa del genere.
    Davvero un bel post. Un abbraccio, Alex

    RispondiElimina
  7. Da piccole abbiamo partecipato a numerosissime vendemmie, poi crescendo abbiamo lasciato ad altri questo mestiere.
    La vendemmia è un momento per ritrovarsi e stare assieme, preparando un qualcosa che prima o o poi tutti apprezzano...
    Partecipando alla fine il risultato lo senti anche un po' tuo no?!
    Comunque hai dato un'eccellente ed esauriente descrizione di questo "rito"!!
    bacioni

    RispondiElimina
  8. Sono queste le cose che mi piacciono, la semplicità delle cose che da sempre si mantengono uguali! Usare i vecchi arnesi, curarli ogni anno per farli durare nel tempo, chiamare le varie parti con il loro nome dialettale, continuare a tramandare un sapere antico...e poi che belli questi eventi che aggregano e che uniscono gli amici e la famiglia! Brava Sara!

    RispondiElimina
  9. è fantastico mostro il post alla mia gnoma....grazie di cuore!

    RispondiElimina
  10. che belloooo è fantastico!!!
    Non avevo mai visto!
    Ora però mi è venuta voglia di assaggiarlo! ahah
    Chissà che profumi!

    RispondiElimina
  11. troppo interessante!Complimenti un bellissimo racconto e delle foto stupende!Smack

    RispondiElimina
  12. Che bello Sara deve essere un evento davvero gioioso...ha il sapore delle cose antiche e genuine...mi piacerebbe potere partecipare...magari il prossimo anno mi trasferisco per un po' a casa tua :P
    Un bacio fra

    RispondiElimina
  13. Questo post è quasi emozionante...grazie Sapina!
    Senti un po', ma tu hai lavorato o hai solo fatto le foto??!?? Ha ha ha!
    Grazie.

    RispondiElimina
  14. bel post descrittivo...di un lavoro antico, ma ancora perpetuato nel privato o nelle cantine a livello famigliare, grazie per avercelo ricordato....già che ci
    sei allunga un bicchiere di mosto
    che qualcosina ci faccio di sicuro
    ciaoooo!

    RispondiElimina
  15. Questo è uno di quegli appuntamenti che mi mancano tantissimo, ne ho parlato qualche tempo fa in un post... noi si schiacciava addirittura coi piedi!! Ti immagini le risate???
    Foto strepitose, as usual!!! :-) Io ho assistito ad un pezzino della tua vendemmia via cavo, è un pò come se fossi stata li con te!
    Ci vediamo tra 3 giorniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!! Ciao patasgnaus...

    Sere - cucinailoveyou.com

    RispondiElimina
  16. Bello!!!!! sento persino il profumo del mosto...che colori.....io non ho mai visto fare il vino per cui ti ringrazio !!! apresto Pippi

    RispondiElimina
  17. Ci voleva un post come il tuo in questo periodo, veramente azzecato e interessante! E poi quel color vinaccia..che meraviglia:) Elga

    RispondiElimina
  18. Bellissime le foto, una sfilata di colori, un crescendo fino alla colata di vino....
    L'ho visto fare fin da piccola, i miei avevano una vigna enorme, ora abbattuta, purtroppo, così le immagini che vedo, mi sono familiari, sono piene di ricordi e profumano di vino!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  19. Lascio da parte ogni elogio del (buon) vino, per sottolineare una cosa di questo post che vale oro: il ricordarci di come il vino nasce dalla terra e dal lavoro dell'uomo e non sugli scaffali dei wine bar.
    10 e lode!

    RispondiElimina
  20. Ciao salsina, bel reportage di come si fa del buon vino...colori intensi e a me il vino rosso piace molto!
    Si può sapere se questo vino di tuo nonno ha un nome?
    Beata te che lo puoi bere deve essere buonissimo:)
    Carla

    RispondiElimina
  21. Coucou, j'ai enfin fait ton super gâteau..j'ai fait le lien vers ton blog...et bravo pour ton billet sur le vin route bonheur

    RispondiElimina
  22. david grossman dice che il lavoro degli scrittori è esprimere l'inesprimibile io per fortuna non sono una scrittrice :)

    RispondiElimina
  23. ciao a tutti, sono molto felice che il post vi sia piaciuto :)

    @chi mi chiede il nome del vino: ahahha no, decisamente non ha un nome! comunque è fatto con uve di sangiovese e gamay. e di solito è buonissimo ;-)

    RispondiElimina
  24. si vero è!, mi sono sentita in gita come i bimbi che alle scuole elementari li portano in gita a vedere "il mondo" quello vero
    mah
    che cosa bedda mifacisti vidiri
    *
    cla

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  26. Bello questo "reportage di vendemmia casalinga"...anche i mie nonni e zii in Calabria fanno il vino e non sai quanto mi piacerebbe poter essere lì con loro per dare una mano.....baci

    RispondiElimina
  27. complimenti per il post adesso almeno tutti sanno quanto lacoro c'è da fare, non volermene è il più bel post che hai fatto

    RispondiElimina
  28. Ciao, ciao..o fatto il linki per il tuo blog sul dolce di fragola...era troppo buono...meraviglioso....di dolce...grazie a te..Passa una buona serata...

    RispondiElimina
  29. ..che dire se non AFFASCINANTE?! Una tradizione che sento molto viva anche dalle mie parti e che hai raccontato facendo gustare a noi tutti il sapore del "ricordo" ^_^

    RispondiElimina
  30. Spettacolo!! Io ho vendemmiato solo una volta nella mia vita e ho dei bellissimi ricordi! Complimenti per il reportage!!
    ^__^

    RispondiElimina
  31. Bellissimo reportage! Io non ho mai partecipato alla vendemmia...ma tu raccoglievi uva o facevi solo le foto? :-)))

    Ciaooo,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  32. che ricordi....quando mio nonno e poi mio padre, facevano il vino...in quei giorni si sentiva un profumo meraviglioso in casa....e il sapore di quel "succo d'uva" (come chiamavo il mosto da piccola) che meraviglia!!!!
    ...complimenti, davvero un bellissimo post!
    mari

    RispondiElimina
  33. Ma che bel reportage.... fantastico!!!!!!!!

    RispondiElimina
  34. il vino è sempre un bel racconto

    RispondiElimina
  35. Che bello, mai avuto il piacere di vedere dal vivo certe cose. Immagino la fatica ma la soddisfazione ! Buona settimana :)

    RispondiElimina
  36. Che bello spettacolo sapetta!
    A volte non si conosce o almeno non tutti conoscono i passaggi e il lavoro che c'è 'dietro'!
    bacioni

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano