12/11/08

quando ho provato...


...a fare il castagnaccio da sola ho rilevato lo stesso difetto dei castagnacci che di solito trovo in giro: troppo asciutto e sabbioso, fastidiosamente sodo. pare di mangiare argilla. possibile che sia così difficile fare un castagnaccio di consistenza gradevole? probabilmente è già stato provato in questa versione, ovvero col latte al posto dell'acqua, ma nel caso qualcuno avesse dei dubbi e volesse riconciliarsi con la farina di castagne in purezza, consiglio di fare questa prova e regalarsi un assaggio: ne vale veramente la pena. finalmente un castagnaccio della consistenza di un pudding, delicatamente stemperato dalla cremosità del latte. con questa semplicissima ricetta, che (ci tengo a sottolineare) NON E' quella del castagnaccio tradizionale ma una mia versione personalizzata, partecipo alla bella raccolta organizzata da bicece. per realizzare questi bonbon ho utilizzato gli stampini per cioccolatini della silikomart, quelli rotondi con un incavo cubico al centro, ideali per incastrarci qualche decoro (naturalmente commestibile).

BONBON DI "CASTAGNACCIO" AL LATTE

ingredienti per circa 20 bonbon

per i bonbon:
100 gr farina di castagne dell'amiata
150 ml latte intero
un pizzico di sale
2 cucchiaini da caffè di olio extravergine

per la finitura:
cacao amaro
gocce di cioccolato fondente
granella di zucchero
albicocche secche

per l'incarto:
cellophane
nastro rosso di raso

setacciare la farina in una ciotola, condirla con l'olio e il sale quindi unire il latte a filo, mescolando continuamente con una frusta. riempire gli stampini fino all'orlo, livellare con una spatola quindi infornare in forno caldo a 170-180° per circa 15 minuti: dovrannoessere leggermente coloriti. sfornare e lasciar raffreddare completamente, quindi togliere i bonbon dalle formine premendo i fondi uno ad uno. rotolare i bonbon nel cacao, guarnire con un dadino di albicocca secca, una goccia di cioccolato fondente e due chicchi di granella di zucchero. incartare a caramella con un foglietto di cellophane e legare col nastro.

24 commenti:

  1. Non solo sono bellissimi, ma devono essere anche parecchio buoni! Grazie alle vostre ricette quest'anno faccio un super figurone con i regali!! Grazie Sapetti!!

    RispondiElimina
  2. il castagnaccio a modo tuo non è niente male...anche se mantiene poco della ricetta originale...
    noi ci mettiamo anche uvette e pinoli, ma non ci viene secco!!
    vabbè, ricette diverse...
    un bacione

    RispondiElimina
  3. mi mancavi e sei tornata con una ricetta che mi piace da morire!
    Di super effetto anche la confezione!
    Me ne hai tenuti un paio x quando ci vediamo!??!

    RispondiElimina
  4. che capolavoro!Io proverò a rispolverare un vecchio castagnaccio deliziosop che facevo una volta..ti saprò dire!
    bacione!

    RispondiElimina
  5. Anche io avevo provato a fare il castagnaccio con il latte ma non aveva raggiunto la famosa consistenza desiderata, finchè ho seguito un consiglio che mi era stato ripetuto più volte e io avevo sempre ignorato..ci viole tanta acqua, tanta che quando versi l'impasto nella teglia, l'acqua deve superare di livello la parte solida...non ci credevo nemmeno io:)) Ma sti pasticcini??????? Sarei capace di mangiarne un centinaio, così senza accorgermene:)
    Elga

    RispondiElimina
  6. Semplicissimi e geniali..non ho mai fatto il castagnaccio classico, ma ora l'associazione castagna-olio-cacao mi attira parecchio....

    Baci!!!

    RispondiElimina
  7. Una piccola droga, vero cara? ;)))
    Diavoletta tentatrice sei, ecco!
    COpio e incollo per magari per Natale!
    bacioni

    RispondiElimina
  8. Un idea regalo strepitosa e il confezionamento a caramella è bellissimo! Geniale assolutamente geniale
    Un bacio
    Fra

    RispondiElimina
  9. Un idea regalo strepitosa e il confezionamento a caramella è bellissimo! Geniale assolutamente geniale
    Un bacio
    Fra

    RispondiElimina
  10. Straordinario! Adoro le castagne, ma non mi piace il castagnaccio. Questa tua interpretazione mignon mi conquista!

    RispondiElimina
  11. Bel colpo! Complimenti!

    Ma sai, il mio cognato aggiunge nel castagnaccio, quello classico, intendo,una.. mela a pezzettini piccolissimi o addirittura grattuggiata! E viene morbido e un pò umido, buonissimo. E con lo stesso impasto fa anche le frittelle!!

    RispondiElimina
  12. Se lo dici tu ci credo,nn ho mai usato la farina di castagne in purezza proprio per il motivo che ben descrivi!
    Grazie della dritta!

    RispondiElimina
  13. Dei deliziosi bonbon. Mi piace come li hai confezionati. Sicuramente una gradita aggiunta ad un pacchetto, un piccolo pensierino dolce.
    Ciao
    Alex

    RispondiElimina
  14. Ciao cara, grazie per la segnalazione del plagio: ho visto che adesso il blog non è più on line, meglio così... Bellissima l'idea del castagnaccio in formato mignon, assolutamente da provare!

    RispondiElimina
  15. saruz bellissimi questi bon bon che in effetti sono tutt'altra cosa rispetto al castagnaccio... e devono essere gradevolissimi :P

    devo dire che non riesco a capire cosa intendi quando parli dei difetti del castagnaccio.. e in genere amo la farina di castagne con cui puoi fare eventualmente la dolce polendina amiatina se proprio vuoi qualcosa di umido :)

    ma a breve c'è in programma il castagnaccio.. quindi ti farò sapere ;)

    RispondiElimina
  16. Conosco questi stampini :-) Ciò che non conosco invece è proprio il castagnaccio, credo che da queste parti proprio non si usi.

    Ciaoooo

    RispondiElimina
  17. Molto graziosi!
    ...per Natale sarebbe un regalo ben gradito :)

    RispondiElimina
  18. Proverò questa tua simpaticissima interpretazione, perchè a voler essere onesta a me il castagnaccio è sempre venuto tendenzialmente...immangiabile! eppure io sono castagna-dipendente... ;-)

    RispondiElimina
  19. tu sei un genio! ok ok,non conosco il castagnaccio, o meglio non l'ho mai provato nè sentito...ma quei bon bon sono fantastici, solo a vederli sono sicura che Bonbon 1 - Castagnaccio 0

    :D

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  20. concordo con te, il castagnaccio è una di quelle cose che proprio non iesco a mangiare.
    mi fa uno strano effetto, mi prude in gola.
    e pensa che l'ho mangiato con la farina di castagne del casentino.
    mentre le castagne fresche non mi fanno lo stesso effetto.
    saretta come al solito, a volte ho paura di essere ripetitiva, non ho parole...

    RispondiElimina
  21. geniale l'utilizzo delle formine dei cioccolatini per fare dei "bon bon" di castagnaccio! certo che ultimamente ti ci sei messa d'impegno nell'utilizzo della farina di castagno! ammirevole davvero! :)

    RispondiElimina
  22. Il Castagnaccio non ha mai fatto impazzire nemmeno me per la sua stopposità... sei fantastica riesci a reinterpretare gli ingredeinti e fare dei capolavori! Bravissima

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4