15/12/08

qualcosa di povero (o quasi...)


in teoria il pancotto è un piatto poverissimo: pane raffermo, acqua, uvetta, olio sale e pepe. è una di quelle zuppe che in tempi di vacche magre andava per la maggiore nelle campagne, e anche adesso, come dice la canzone, "dappertutto c'è crisi". ma non siamo messi poi così male, no? e allora la cosa più facile da fare è arricchire un piatto povero: ho usato il solito cavolo nero e del pecorino che ho comprato insieme a ciciuzza da un allevatore, quando siamo andate a prendere il... ma no, questo sarà lei a doverlo raccontare! :-) questa ricetta è di una semplicità imbarazzante, quasi non volevo pubblicarla, poi ho pensato che potrebbe essere un incentivo a non buttare via il cibo (come il pane secco), ed a riscoprire piatti semplici, sani e gustosi a costo minimo, rielaborati con un briciolo di fantasia.

PANCOTTO CON CAVOLO NERO E PECORINO ARTIGIANALE

ingredienti

pane comune sciapo raffermo da almeno 3 giorni
un cucchiaio di uvetta a testa
acqua q.b.
olio extravergine
sale
pepe nero di mulinello
cavolo nero q.b.
pecorino semistagionato q.b.
aglio

rosolare in padella uno spicchio d'aglio nell'olio, quindi gettarvi il cavolo nero tagliato a striscioline, scottare bene per qualche minuto. aggiungere mezzo bicchiere d'acqua calda, il sale e terminare la cottura fino a prosciugamento del liquido. nel frattempo tagliare il pane a cubetti, metterli in un pentolino alto e stretto e coprirli d'acqua a filo. salare e cuocere per una decina di minuti, fino ad assorbimento dell'acqua. mescolare velocemente con una frusta: il pane si sfalderà formando una crema. aggiungere l'uvetta e mescolare ancora ma delicatamente. aggiungere il cavolo nero, aggiustare di sale e pepare abbondantemente, condire con olio e disporre il composto nei coppapasta. sformare e servire subito col olio extravergine e pecorino a scaglie.

27 commenti:

  1. non abbiamo mai assaggiato questo piatto...solo sentito nominare.
    sembra buono però...anch epresentato in questo modo "meno semplice" ;)
    bacioni

    RispondiElimina
  2. Mia nonna me lo faceva sempre quando ero piccola e non mangiavo nulla. Cuoceva il pane nel brodo o nel latte, lo condiva con un po' di parmigiano (ben nascosto se no non lo toccavo neanche!) e io...bè io ero felice
    Un bacio
    Fra

    RispondiElimina
  3. hai fatto benissimo invece a pubblicarla, la ricetta è semplice ma sopratutto il merito sta nell'esecuzione e nella presentazione ottima tra l'altro, anche il tempo di non crisi sarebbe stato un piatto eccezionale

    RispondiElimina
  4. che meravigliosa ricetta...sempre originale, creativa e soprattutto stupenda nelle presentazioni! un bacio!

    RispondiElimina
  5. ricetta magnifica, e anche la presentazione mica male!
    Ciao

    RispondiElimina
  6. Uni di quei piatti che mi fanno impazzire!Io la cucina povera la amo!
    bacione

    RispondiElimina
  7. Oh, a noi il pane non rimane mai!!! Porcalavaccaccia!
    E l'altro giorno che mi serviva del buon pangrattato, sono dovuta andare in panificio a comprarlo (nella speranza che fosse migliore di quello del super).
    Sai quanto ho speso? 4 etti= 4 euri
    Ma si può???
    E in più non era nemmeno niente di che.

    RispondiElimina
  8. @virginia: nooooooooo ma che era, polvere d'oro? :P

    ciao a tutti e grazie!

    RispondiElimina
  9. Complimenti per la presentazione e l'originalita nell'integrare un piatto cosi' povero e tradizionale, ha il sapore della nonna :-)
    Ciao

    RispondiElimina
  10. che meraviglia!!!

    spesso i piatti poveri sono i più buoni!!! complimenti

    RispondiElimina
  11. :D SaruZ brava!bisogna non dimenticare da dove veniamo, il cibo che è la nostra memoria storica. un piatto del genere è di una grande eleganza ma semplice. e la cosa più importante di un piatto semplice sono gli ingredienti più buoni e genuini come l'olio e il pane.
    riguardo a "cosa siamo andati a prendere" mannaggia.. ora mi costringi a postare! :D ;)

    RispondiElimina
  12. Invece hai fatto bene a postarlo, perchè certi piatti si dimenticano e siccome deve vigere ancora il "non si butta via niente", questo in particolare è tutto da riscoprire, me per prima!

    RispondiElimina
  13. Qualcosa di..buonissimo!che meraviglia questa rivisitazione..Bravissima!

    RispondiElimina
  14. ahh peruginaaaaa! diamo alle cose il loro nome: pane sciapo!?! pane sciapo?!? pane DE TERNI vorrai dire..!
    :-) a parte gli scherzi e le scaramucce regionali, come stai? che dici smettera' di piovere dalle nostre parti???io non ne posso piu'...ma ti mando lo stesso un super abbraccio! a presto mia cara!

    RispondiElimina
  15. mamma mia che buono il pancotto è tantissimo che non lo mangio...non ci si pensa mannaggia

    RispondiElimina
  16. Salsa...io mangerei moooooolto volentieri il pecorino!

    RispondiElimina
  17. Io invece ho fatto la pappa al pomodoro, che di questi tempi, un pò per il clima, un pò per il portafoglio, ci dice proprio!!! ^_^

    RispondiElimina
  18. quate volto l'ho reclamato quando ero in gravidanza era il mio piatto preferito...leggero e sostanzioso allo stesso tempo...e l'adoro tutt'ora...io lo preparavo con il pane fatti in casa semiduro e foglie d'alloro tanto parmigiano e un filino d'olio d'oliva...che ricordi!!!

    ps: ancora non ho trovato il cavolo nero...mah!!

    RispondiElimina
  19. il pancotto
    che bella ricetta
    mi piace molto e condivido poi il fatto che tu consigli di utilizzare i prodotti di stagione, possibilmente coltivati e comprati sul luogo.
    E' un idea semplice e vincente, se tutti l'adottassero........
    ma non importa ognuno nel suo piccolo è già un passo avanti
    buona serata marg

    RispondiElimina
  20. Che buono in pancotto!!! voglio provarlo con il cavolo nero...
    bellissima presentazione di un "povero" "finto povero"... finto perchè buonissimo!!!!

    RispondiElimina
  21. IL tuo pancotto mi sembra stupendo! Il pane avanzato ce l'ho, il cavolo nero forse trovero mercoledì al mercato e allora... sarà uno spettacolo!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  22. questi piatti testimoniano la saggezza delle generazioni passate....ma questo piatto conferma che il tuo tocco è sempre originale! :)
    Un bacione!

    RispondiElimina
  23. Per quanto amiamo sperimentare con bizzarri ingredienti, alla fine le cose semplici vincono sempre e questo pancotto ne è la prova.
    Sublime
    Ciao
    Alex

    RispondiElimina
  24. altro che pancotto! è ina chicca per il palato,il formaggio è il tocco fatale,io faccio la parmigiana 2 versione altrimenti come ingrasso? il sugo con i regagli e vero si trova raramente altra coda sparita sono i tagliolini con battuto buona giornata

    RispondiElimina
  25. E' importante rivalutare i piatti della tradizione da preparare con ingredienti genuini e lo hai fatto in modo superbo.
    Baci

    RispondiElimina
  26. Ciao.Ho bisogno del tuo aiuto passa da per favore porta quante più persone possibili. grazie

    RispondiElimina
  27. La semplicità da origine a grandi ricette, questo piatto è delizioso, complimenti

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4