09/02/09

quando ho letto la ricetta...


...della crema di riso venere sul libro di cracco ho sobbalzato: com'è possibile che preveda di bollire 60 grammi di riso in un litro di panna? secondo me è un'enormità, una quantità di calorie inaccettabile anche se fosse per due persone anziché una. così ho pensato che sostituire tutta quella panna con del latte e dell'acqua fosse cosa buona e giusta. ovviamente non saprò mai quale sarebbe stato il gusto della crema di riso fatta con la panna, ma forse il mio fegato ringrazia. poi, la ricetta prevede l'uso di ricci di mare, prodotto pressoché introvabile in umbria: andava sostituito. l'unico modo che avevo quel giorno, impossibilitata a cercare dell'altro pesce (pensavo a dei gamberi), era usare quel che c'era in casa, ovvero acciughe sotto sale. le ho dissalate molto accuratamente, ma secondo me restano troppo forti lo stesso, seppur stemperate dalla delicatezza della crema. poi mettici pure i capperi: altra botta di sapore non da poco. l'arancia l'ho aggiunta io: nella ricetta originale non c'era. insomma, chiedo venia: ho stravolto ogni cosa :-) tutto sommato comunque mi è piaciuta: è una specie di pappetta primordiale molto confortevole, di un colore che ricorda quello delle vinacce spremute ed asciugate al sole, ed è un piatto che presto replicherò con una qualche riduzione di vino rosso ancora da scegliere, perché oltre al pesce e relativi accompagnamenti mi pare che possa starci bene qualche elemento vinoso & formaggioso. insomma, work in progress... ;-)


CREMA DI RISO VENERE CON ACCIUGHE, CAPPERI E ARANCIA

ingredienti per ogni persona

60 gr di riso venere
500 ml di latte fresco intero
500 ml di acqua
una fettina di burro
un pizzico di sale
1 acciuga sotto sale dissalata

un cucchiaino di capperi sotto sale dissalati (la ricetta prevedeva la polvere)
scorze d'arancia sbianchite 1 volta e leggermente asciugate in forno
prezzemolo
olio extravergine

portare ad ebollizione il latte con l'acqua e il burro. versarvi il riso e cuocere per almeno 50 minuti mescolando spesso soprattutto verso fine cottura. aggiustare con un pizzico di sale, frullare col minipimer e adagiare sul piatto piano cospargendo la superficie con gli altri ingredienti. completare con un filo d'olio intorno al piatto.


33 commenti:

  1. spettacolare...bellissima anche da vedere! Hai fatto bene ad evitare la panna, l'avrei fatto pure io! Non ho mai assaggiato il riso venere, mi sa che è arrivato il momento!

    RispondiElimina
  2. Che bella...avevo i programma anche io di provarla!
    L'atro giorno ho fatto il risotto limone acciuga e cacao...la quantità di acciuga era troppa...quando sono andata a cena da Cracco mi ha spiegato che la quantità indicata era per creare la massa ma che poi ne avrei dovuto usare solo una spennellata.
    Quindi...bisogna un po' diffidare dalle sue ricette...nel senso che i "segreti" non li mette!!

    RispondiElimina
  3. Il colore è stupendo! Ci vedrei bene anche delle cozze belle carnose in sostituzione ai ricci.
    Un bacione e attendo le prossime sperimentazioni!
    fra

    RispondiElimina
  4. trovi la soluzione migliore per qualsiasi problema!!
    la crema di riso venere è davvero una novità....anche se prima dobbiamo riuscire a trovare il riso!!!
    buona l'alternativa delle acciughe ai ricci, comunque molto saporite!!
    bacione

    RispondiElimina
  5. crema di riso venere? caspita! hai fatto bene ad usare latte e acqua, chissà con i gamberoni che delizia! Però anche la versione con le acciughe non deve essere niente male....aspetto le future variazioni....hehehe
    ciao PIppi

    RispondiElimina
  6. Bellaaa! Ha dei colori stupendi....vorrei provarla, mi incuriosisce molto...Baci :-)

    RispondiElimina
  7. Questa cremina l'avevo notata anche io sul meraviglioso libro di Cracco (per ora il mio preferito). Ti dirò che l'idea dell'acciuga piuttosto che il riccio di mare mi alletta molto di più, forse perchè il riccio di mare è estremamente "profumato" di mare! Sicuramente il piatto di Cracco mangiato da Cracco ha il suo perchè!
    Ps.. ti ho già detto che ci hai messo un botto di olio?!? hahaahahahah
    Hugs!

    RispondiElimina
  8. Ho anche io il libro di cracco... Mi piace molto la soluzione che hai trovato come variante!
    L'abbinamento cromatico con gli altri ingredienti è splendido. Anche se al gusto sto cercando di fare mente locale. L'acciuga senz'altro da una bella sferzata di sapore ma in fondo così con i capperi conferisce un pochino di carattere in più.
    Devo provare.

    RispondiElimina
  9. La prima fotografia sembra un quadro... Sì, sul serio la prima impressione è stata quella, solo dopo un attento sguardo mi sono resa conto che si trattava di una foto!
    Hai proposto una ricetta particolarissima...
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  10. Buono il riso venere!! Posso una domanda?? Con "stampo da plum cake medio" che intendi?? Nel tuo plum cake autunnale c'è scritto così..ma le misure sono relative!!

    RispondiElimina
  11. Ma salsina ti rendi conto di che connubbio che hai creato???? il colore poi favoloso che scalda e con la panna chissà che calore!!!!
    Bella, molto originale!!!

    RispondiElimina
  12. @valina: accidenti... hai perfettamente ragione! il fatto è che ho 3 stampi di dimensioni diverse, e per me quello medio è ... quello medio :D comunque l'ho misurato: le dimensioni interne sono 25 x 9,5 x 5,5. ciao!

    RispondiElimina
  13. beh, il risultato è davvero bello! complimenti, pare un piatto d'alta cucina! :-)

    RispondiElimina
  14. @marta: eh ma allora così non vale!! dovrò farci una capatina e chiedergli spiegazioni sulla panna allora :-)))))))

    RispondiElimina
  15. Avrei fatto anche io come te, non avrei mai usato tutta quella panna:O
    Hai creato una versione molto più leggera ma ugualmente gustosa:)

    RispondiElimina
  16. bhe direi qualcosa di decisamente rosso! ;)

    RispondiElimina
  17. Bè insomma qualcosa di completamente diverso dalla ricetta originale!!! Il piatto è merviglioso, sembra un bel quadro e chissà che sapore

    RispondiElimina
  18. Che foto strepitosa! Se la vedesse Cracco...:))
    Mi piace molto il riso venere, quindi proverò, seguendo la tua versione, bacio

    RispondiElimina
  19. ma che bel colore ha!!!! è meravigliosa!!!!

    RispondiElimina
  20. Grazie mille!! In questi giorni mi sto incavolando d brutto con tutte le ricette che mi interessano sul web...non c sono mai le misure degli stampi!! Grrrrrrrrrrr! Anche x' io ne ho 1 x plum cake e 1 a cerniera tondo...stop..se preparo un impasto e vedo che mi riempie metà stampo che fo'?DEvo saperelo dall'inizio se posso combinare qualcosa o no!!! Grazie x la risp rapida!

    RispondiElimina
  21. mmm...sarà per incapacità o immaturità gastronomica, sarà perchè non lo capisco, ma più ci provo e meno la cucina di Cracco, con rispetto parlando, mi convince. Chissà, forse un domani...

    RispondiElimina
  22. Il precedente commento era il mio. Mi è partito un click! pardon!
    Michelangelo :)

    RispondiElimina
  23. Sara, sei incredibile!! Non sarei mai riuscita ad indivinare su cosa c'era sul piatto, poi ho letto della panna e poi della tua ricetta.. Pensavo, ci fosse del vino!
    Curioso il piatto (originale) però,
    non so se lo farei...
    Baci!

    RispondiElimina
  24. che goduria! sei sempre sorprendente grazie x e- mail buona giornata

    RispondiElimina
  25. ciao Saruz.. abbiamo già commentato questo ottimo piatto ma è giusto rendere nota qualche elugubrazione che abbiamo fatto.
    Dunque è complicato... penso che Cracco abbia interpretato qualcosa che "sentivo" ma che non avevo assolutamente la capacità di comprendere. Cioè il riso venere non è mai tra i miei preferiti troppo "secco" non chiedermi altre definizioni perchè non so dartele :D.
    l'idea di cracco di ingrassarlo è assolutamente corretta per dare un po' di struttura a questo tipo di riso. certo convengo con te che un litro di panna sembra essere da suicidio ma sicuramente sarei curiosa di assaggiarla anche perché ad una seconda riflessione è ovvio che la quantità di grassi che il riso può prendere ad un certo punto si esaurisce. cioè il chicco si satura e non assorbe più di un certo tot. di grassi :D

    per la scelta degli ingredienti come darti torto?i ricci di mare sono fantastici ma se è il sapore di mare che cerchiamo hai scelto l'ingrediente giusto per la sostituzione.. anche se certo immagino che il gusto di quel risotto di cracco fosse molto diverso: tenue ma contrastato.. pensa alla panna che ti ingrassa il palato e il riccio che pulisce quella sensazione..
    comunque.. il risultato sembra veramente DA LECCARSI IL PIATTO!!! :D

    Scusa se ho fatto un trattato ma l'argomento è decisamente interessante :D e tu proponi cose sempre interessantissime da dibattere!

    RispondiElimina
  26. ma tu sei una pazza!!!
    e'meraviglioso

    RispondiElimina
  27. salsa, anche io ho preso quel libro, ed ho trovato diverse ricette che vorrei provare, ma gia' leggendo immaginavo gli stravolgimenti..insomma, dai grandi si puo' copiare, ma cci si puo' soprattutto ispirare e tu sei stata ispirata magnificamente!

    Una piccola opera d'arte questa crema, e certo e' anche buonissima :)

    RispondiElimina
  28. Ciao carissima salsina! Che piacere avere un pò di tempo per rileggerti..:)
    Sono rimasta deliziata dalla ricetta dell'alchermes.. non me la faccio scappare!:)
    Grazie mille per il commento che mi hai lasciato al post "dell'addio".. mi ha fatto molto piacere! Continua così che vai alla grande e migliori a vista d'occhio! Un abbraccione-sabry-

    RispondiElimina
  29. lìeffeto cromatico è magnifico sono convinto anche il gusto, forse alice fresce sono meno salate e più dolci

    RispondiElimina
  30. @liquirizia: ma che piacere rileggere TE! :-D bentornata!!!
    @ciciuzza: il tuo discorso non fa una piega! tranne forse una: ok il riso più di tanto non assorbe... ma il resto dei grassi non si volatilizza: resta lì e viene frullato insieme al riso :-P o no? e poi ben vengano i tuoi "trattati" :D

    grazie a tutti :)

    RispondiElimina
  31. Non so con quale coraggio sei riuscita a mangiarla: a vedersi dà l'idea di un'opera d'arte, intoccabile.
    Anche a me il quantitativo di panna sembra eccessivo.
    Ciao

    RispondiElimina
  32. Bella idea! Ed effettivamente approvo in pieno la scelta del latte al posto della panna decisamente troppo pesante. E poi mi ricorda un pò la minestra di riso e latte che mia mamma mi preparava da mbambina....non col riso venere....
    Mi incuriosisce anche l'accostamento acciuga arancia.
    Da provare di sicuro!
    Ciao e alla prossima

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4