02/09/09

qualche mese fa...

picifagioli2

... la mitica lory mi ha regalato un sacchetto di farina di fagioli borlotti. cosa fare? come usarla? pasta dolce crostata torta salata biscotti crepes cialde creme... le ho pensate tutte, e sono sicura che in ognuna di queste idee ci possa essere la base per un ottimo piatto, vista la qualità della materia prima. alla fine ho deciso di usarla per fare la pasta, con la speranza che il sapore di fagiolo davvero si sentisse, visto che a volte queste farine speciali non conservano appieno il gusto dell'ingrediente da cui derivano. fortunatamente non è questo il caso: il sapore è eccellente! proprio per questo la ricetta merita di essere rivista: la carenza di glutine non permette all'impasto di sviluppare la corretta elasticità per sostenere la forma di una pasta lunga, quindi, in caso vogliate utilizzare queste dosi, vi consiglio di optare per dei formati corti perché i pici, al momento di saltare in padella, si rompono leggermente. prometto di studiare un composto più glutinoso (aggiunta di seitan? riscaldamento della farina? manipolazione più lunga? altro?) affinché la consistenza della pasta sia all'altezza del suo ottimo sapore. qualsiasi consiglio è ben accetto: ne avete?

***

OT: pubblicità gratuita e sincera :-)

ciondolo

approfitto di questo post per segnalare a tutti il sito dell'amica rebecca maier, creatrice di gioielli in rame di una bellezza unica. sono appena rientrata in ufficio dopo una breve vacanza e mi trovo a girare e rigirare fra le mani il ciondolo che mi è appena arrivato per posta. non so ancora se sia più bello alla vista o al tatto: ha il fascino della materia pura, ha un ché di archetipico, come fosse creato direttamente dalla terra, ma vi si leggono anche i gesti e le suggestioni di chi l'ha creato. se siete amanti del genere pezzi-unici-fatti-a-mano (io sì sì sì!) date un'occhiata al sito...

***

e ora la ricetta!

picifagioli3

PASTA DI FAGIOLI, POMODORO SECCO, ROSMARINO E BOTTARGA

ingredienti per 2 porzioni abbondanti

per la pasta:
-130 gr di farina di fagioli borlotti macinata a pietra (io ho usato quella di questa azienda)
-50 gr farina di grano duro "senatore cappelli"
-30/35 gr farina di grano tenero
-100 gr abbondanti di acqua tiepida
sale
un filo d'olio evo

per il condimento:
olio extravergine fruttato intenso
un bel rametto rosmarino fresco
2 pomodori secchi (i miei erano quelli disidratati che ho frantumato finemente, ma potete usare anche quelli morbidi, ma non quelli sott'olio)
una bella grattugiata di bottarga di tonno
uno spicchio d'aglio

setacciare le farine in una ciotola, unire il sale quindi versare l'acqua un po' alla volta, mescolando ed impastando con le mani. aggiungere un filo d'olio, pochissimo, e lavorare a lungo l'impasto affinché acquisti elasticità. se l'ambiente e le farine fossero particolarmente asciutti potrebbe volerci un altro goccetto d'acqua. formare una palla, avvolgerla in un canovaccio umido e lasciarla riposare una decina di minuti, finché si prepara il condimento.
pestare in un mortaio di marmo il rosmarino e i pomodori con un filo d'olio, mentre in padella un altro po' d'olio (pochissimo) si scalda dolcemente con l'aglio. scolare la pasta a 7 minuti di cottura circa, saltare in padella col condimento e un po' d'acqua di cottura, unire la bottarga grattugiata quasi alla fine.

31 commenti:

  1. Questo piatto di pici ha un aspetto incredibilmente gustoso e la farina di borlotti mi incuriosisce tantissimo.
    Il gioiello è favoloso ora vado a dare un'occhiata al sito...chissà che non ci scappi un regalino ;)
    Un bacione e buona giornata
    fra

    RispondiElimina
  2. Ciao Salsina!!!Davvero intrigante questa pasta!Dal formato al condimento...
    che dire, il gioello è bellissimo, vado a vedere il resto!
    bacio

    RispondiElimina
  3. Non avevo mai sentito parlare di farina ai fagioli ma l'hai usata in maniera favolosa. La pasta deve essere eccezionale e anche l'idea del semplice condimento la trovo azzeccatissima

    RispondiElimina
  4. Farina di borlotti? Sono totalmente ignorante in materia di farine di legumi, conosco solo qualla di ceci, che non ho apprezzato granché, però l'idea di usarle per la pasta sai che è intrigante?

    RispondiElimina
  5. Eh si le cose sono due: o aumenti la farina di grano duro e la 00 (come avevo fatto io con le tagliatelle di lenticchie) oppure provi a scaldare in forno la farina. Ricordo di aver letto da qualche parte, che per poter usare la farina di lenticchie in purezza era necessario passarla qualche ora in forno a 90° forse... magari funziona anche con i borlotti, sempre legumi sono :) Io avevo rinunciato perché mi sembra uno spreco di elettricità!

    RispondiElimina
  6. Peno che tu abbia scelto un ottimo impiego per questa farina, avrei fatto la stessa scelta!

    Fiordilatte@ Mi trovo perfettamente d'accordo con te, e la prova del forno, bisognerebbe provare per vedere se la farina tiene. Baci

    RispondiElimina
  7. @Elga: magari mentre si fan le merighe si può provare :) però sempre 3 ore di forno sono!

    Ecco dove l'avevo letto:
    http://www.moebiusonline.eu/fuorionda/Cucina_Mol_farine.shtml

    RispondiElimina
  8. i Pici.... mamma mia che vogliaaa!!!Sai che son proprio belli bosi "bruni"
    Bacio

    RispondiElimina
  9. -fiordilatte: grazie mille, vado subito a vedere! a me hanno detto di provare a scaldarla, se non ricordo male, per 40 minuti: forse però ho capito male io! verificherò... intanto grazie ancora a te e a tutti gli intervenuti: benritrovati :-)))

    RispondiElimina
  10. so che il kenwood ha un accessorio che macina le granaglie per trasformarle in farina, so che macina anche i ceci, di conseguenza credo macinerà anche i fagioli...eh! buono a sapersi!

    per la pasta, per renderla più elastica, forse si potrebbe aggiungere dell'albume d'uovo..eee s'adda sperimentà!

    mi piace molto anche il condimento che hai scelto, hai fatto bene a scegliere dei profumi mediterranei, coi fagioli sono perfetti!

    RispondiElimina
  11. cavoli! Mi hai fatto venire una fame!!

    RispondiElimina
  12. Dai...ma questa farina è semplicemente fantastica! ma poi il gusto si sente veramente??
    Comunque il modo con cui alla fine l'hai utilizzata ci sembra perfetto, ed anche il condimento scelto!
    un bacione

    RispondiElimina
  13. Per maggiore elasticità potresti (ovviamente) usare il tuorlo (spesso preparo la pasta con soli tuorli tipo tajerin), ma un trucco imparato da una "sfoglina" di Modena è di usare parte di Manitoba. Nel tuo caso la userei al posto della farina di grano tenero che hai scritto nella ricetta. Se preparo pasta fresca per primi a base di pesce uso: grano duro(70%),manitoba(30%)acqua (temperatura ambiente,calda l'ho usata una volta sola, e l'impasto era un pò "appiccicoso") e olio.
    Dove si può trovare la farina di fagioli?...la trovo davvero interessante!!!

    RispondiElimina
  14. -alex: sì, l'uovo è una delle prime cose che ho pensato, ma volevo evitarlo proprio per rimanere nel tema-pici. quanto alla manitoba, grazie: sperimenterò! :))

    RispondiElimina
  15. ah, dimenticavo: credo che questa farina si possa trovare nei negozi di specialità alimentari, ad eataly, ai mercatini... dovrei chiedere a lory dove l'ha comprata!

    RispondiElimina
  16. interessantissima questa ricetta.
    Forse per conferire maggiore elasticità alla pasta, potresti sostituire i 50 grammi di farian di grano duro con altrettanta quantità di farina 0 forte (tipo Manitoba).
    Complimenti!!!

    RispondiElimina
  17. Questa farina deve essere qualcosa di spettacolare. Qualche giorno fa ho fatto i salti mortali quando ho trovato per la prima volta in Germania i fagioli borlotti. Probabilmente ci vorranno altri 17 anni per far arrivare qui la farina :-))
    I gioielli della tua amica sono molto, molto belli e particolari. Grazie per la segnalazione.

    Baci
    Alex

    RispondiElimina
  18. mancanza di g;lutine e rottura della pasta, lo stesso problema che ho avuto con la pasta di riso venere! Nel tuo case forse usare tutta farina di grando tenero anziche' una parte di semola forse avrebbe aiutato..ma sono ancora in fase di studio :))
    Meravigliosi questi pici comunque, complimenti davvero per la pazienza!

    RispondiElimina
  19. Una genialata, nei colori e nei sapori (io poi condirei gli impasti un po' con tutto)! Adesso mi mettero' a cercare questa farina (con poco speranzere pero')
    Per quando riguarda la carenza di glutine, in effetti hai ragione, forse bisognerebbe "tagliare" con della farina di grano e come ben dici farci della pasta corta, tipo orecchiette. Comunque bravissima mi hai proprio sedotta. Bellissima anche la foto, un po' nostalgica.

    RispondiElimina
  20. Welcome back Salsa !!! Mi piace l'accostamento di questi sapori così distanti fra loro ma in dolce armonia nel piatto. Bello !

    RispondiElimina
  21. Mi piace molto la foto che evidenzia la sinuosità dei pici.
    Aggiungerei anch'io le uova all'impasto o in mancanza la userei per formati corti :))

    RispondiElimina
  22. Particolarissima questa farina...e chissà che sapore!!!
    Ne avevo sentito parlare ma non ne avrei mai fatto buon uso come invece vedo qui!!!!
    Un abbraccio e buon fine settimana!!!
    (grazie della visita mi ha fatto un enorme piacere!!!A presto!)

    RispondiElimina
  23. Farina di fagioli borlotti? Certo che a girar per blog si scoprono sempre tante cose! Non avrei mai immaginato che esistesse :-) Ottima idea quella di farci una pasta!

    RispondiElimina
  24. sono un po ignorante in fatti di cucina ma istintivamnte io avrei messo l'uovo o almeno il tuorlo, per evitare quell'effetto che descrivi bel blog complimenti

    RispondiElimina
  25. uhm...che ricetta sfiziosa!

    RispondiElimina
  26. La tua ricetta per il burro di cocco con relativi biscottini mi aveva commosso profondamente. Ma la pasta con la farina di fagioli borlotti va anche oltre. Meriti una Hola!!!!

    Prova 2 cucchiaini da caffè di farina di riso per addensare. Con la farina di riso puoi tirarci sù le palazzine.

    GRAZIE!

    Un Saluto

    Irene
    http://cucinasenzasenza.wordpress.com

    RispondiElimina
  27. fantastico. così come i gioielli della tua amica.

    RispondiElimina
  28. -irene: grazie mille del consiglio, lo proverò! :-)

    grazie a tutti!

    RispondiElimina
  29. Buono l'accostamento fagioli-rosmarino!

    (ros)marina

    RispondiElimina
  30. Salsinaaaaaaaaaaaa ;-))
    Lo sapevo lo sapevo che nelle tue mani si sarebbe trasformata in qualcosa di unico!!!
    Brava brava brava come sempre..La prossima volta come hai ben scritto ,io proverei a scaldarla ;-) Cmq sia sono sicura fossero deliziosi..Io invece sto preparando una cosina..gialla ;-)))
    Un bacio grande grande!!

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4