09/11/09

questo è il mio primo assaggio...

olio 2009

...dell'olio nuovo di quest'anno: la resa è stata abbastanza alta, le olive erano belle e sane (e tante!) e la raccolta non è ancora finita, ma in questi giorni il tempo non è clemente. 'nnaggia. comunque, ho pensato di utilizzarne un po' per fare i tozzetti, biscotti secchi molto simili ai cantuccini toscani da servire con vino passito, che nel mio caso è un sagrantino di montefalco. il tozzetto è uno di quei dolci che trovo spesso nei menu delle osterie ma che raramente ordino, un po' come il tiramisu: il più delle volte arrivano biscottacci industriali di nessuna utilità né significato, e non ne comprendo il motivo visto che sono così facili da fare. la ricetta è tratta dal libro "le cucine dell'umbria" di salvatore marchese, ma al burro ho sostituito l'olio nuovo in onore della sua recente spremitura :-) sottolineo che, come per molte altre ricette umbre, non ne esiste una codificata e fissa ma innumerevoli varianti locali o familiari: la mia è una regione piccola ma è fatta di tante realtà diverse e quasi sconosciute fra loro, per questo ad esempio ci sono piatti tipici della zona di gubbio che risultano praticamente sconosciuti nell'orvietano o nella zona del trasimeno. è una molteplicità dovuta non solo alla difficoltà di comunicazione che nei secoli scorsi rendeva ostico l'interscambio di prodotti, ma anche alla grande varietà e ricchezza di materie prime di questa bellissima terra, che in questo modo ha saputo conservare fino ad oggi un patrimonio vastissimo di ricette e prelibatezze per tutti i gusti.

AGGIORNAMENTO: con questa ricetta partecipo al contest di mariluna e dada : l'oro nel piatto




tozzetti

TOZZETTI ALL'OIO NOVO COL SAGRANTINO PASSITO

ingredienti

250 gr farina 0
2 uova codice 0
50 ml olio nuovo
due manciate di mandorle spellate
170 gr zucchero
un cucchiaio raso di cremor tartaro già addizionato di bicarbonato

tostare le mandorle in forno a 120° finché siano leggermente dorate, mi raccomando leggermente. nel frattempo mescolare tutti gli altri ingredienti, aggiungendo le mandorle raffreddate e il lievito alla fine. l'impasto è un po' appiccicoso ma abbiate fede; nel caso infarinatevi le mani. formare uno o più tronchetti di piccole dimensioni, dalla forma simile ad uno sfilatino, infornare a 180° per 20 minuti quindi sfornare. aspettare un minuto o due, poi tagliare in obliquo con un coltello seghettato delle fette alte 1 cm e rimetterle in forno a biscottare, abbassando leggermente la temperatura, per una decina di minuti. raffreddare su una griglia e servire con sagrantino passito.


32 commenti:

  1. a parte che ogni volta che si parla d'oio novo, mi viene in mente la tua degustazione a casa mia.. e sorrido..
    Questi tozzetti mi piacciono assai, però, non è che con l'oio novo, il sapore rimane piuttosto marcato!?
    fammi sapere che appena si fa il nostro mi metto a biscottare! :)

    RispondiElimina
  2. eheheh :))) ma no assolutamente, la quantità d'olio rispetto al numero di biscotti che ottieni è abbastanza scarsina, quindi il gusto rimane piuttosto delicato. è chiaro che deve piacere: chi non ama i dolci a base d'olio d'oliva, benché qui ce ne sia poco, è bene che sappia a cosa va incontro :P

    RispondiElimina
  3. Sapessi quanto ti invidio sara!!!!Quell'olio dev'essere divino, i biscotti da svenimento!!!
    Bacione

    RispondiElimina
  4. che meraviglia!ti invidio molto sapina, mi piacerebbe tanto avere questo tesoro da coltivare e spremere...che dire dei tozzetti? hai proprio ragione, spesso sono immangiabili, ma per fortuna ci sei tu che tieni alta la bandiera della regione!voglio provare a farli con l'olio, insomma appena posso scopiazzo...un abbraccio cara!

    RispondiElimina
  5. E' vero, l'Umbria è da mozzare il fiato.. ci sono stata solo una volta (una settimana, ahimè) ma me ne sono innamorata. Che belle atmosfere.. il lago, la Porziuncola.. ah, quanti bei ricordi!

    Un bacio e prendo un tozzetto in memoria dei vecchi tempi!!!

    PS: e complimenti per l'olio, eh!!! ^___^

    RispondiElimina
  6. Acc... cosa non darei per assaggiarne un po', del tuo olio! Ultimamente sto "tradendo" il mio taggiasco proprio con un umbro (colli Martani), e mi piacerebbe molto un corso sull'argomento. Deve essere super gratificante, assaggiare il "primo" della propria produzione. Bellissima ricetta, ma questo era superfluo dirlo :)

    RispondiElimina
  7. Che bella l'Umbria.... e chissà che buono il tuo olio! come anche questi tozzetti...

    RispondiElimina
  8. Lo sai che la prima foto mi ha quasi emozionata...anch'io assaggiavo il primo olio del giardino (poco poco) ed è una sensazione unica che non si dimentica più, grazie d'avermelo ricordato :-)
    E questi biscotti dall'aspetto antico mi affascinano.
    Buona serata

    RispondiElimina
  9. A proposito, la foto del mio profilo è una di quelle olive (un po' lontane adesso ;-)

    RispondiElimina
  10. Ecco un'altra invidiosa, IO!! Cosa non darei per assaggiarne uno, sento il profumo da quì:)

    RispondiElimina
  11. ma che coincidenza sai che io e Dada stiamo parlando di olii?...questo nuovo poi so' che sapore ha, tante volte l'ho assaggiato, semplicemente su di un pezzo di buon pane casareccio un ricondo un tantino lontano pero'.
    Complimenti per la ricetta:)

    RispondiElimina
  12. Cosa devono essere!!!!! Con l'olio nuovo devono essere ancora più saporiti!
    Complimenti un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Quei tozzetti sembrano piccoli gioielli contenenti oro liquido.

    Entrambe le foto sono intensissime, soprattutto se si sa che hai contribuito alla produzione di quell'olio.
    Baci
    Alex

    RispondiElimina
  14. Bellissimi questi tozzetti unici per ingredienti e fattura. Anche io ne faccio di simili ma senza usare il cremor tartaro addizionato di bicarbonato. Questo non per scelta ma perchè ancora non ho mai sperimentato e quindi ho qualche timore sulla riuscita.
    Ci proverò...
    Complimenti a questi piccoli capolavori! ;-)

    RispondiElimina
  15. Siamo rimaste a bocca aperta! ecco i veri sapori! sai ch enon abbiamo mai avuto l'occasione di assaggiare un olio appena pronto, "casalingo"....possiamo solo immaginarne la corposità ed il gusto!
    bacioni

    RispondiElimina
  16. ciao a tutti e grazie!
    comunque se non avete niente da fare noi cerchiamo operai volenterosi eh? :-D
    -gambetto: tranquillo sul cremor tartaro: ha lo stesso uso del lievito "industriale"! l'importante è comprare quello già mescolato col bicarbonato, per non stare ad impazzire con le miscele al grammo. inoltre ho notato che è molto più stabile (da quando lo uso non mi si è più afflosciata una torta...) e soprattutto non ha quel saporaccio di vanillina che fa tanto "vorrei essere vaniglia ma non posso" :-P

    RispondiElimina
  17. Ok, mi hai convinto! Ti faccio sapere...speriamo bene ehehehe

    RispondiElimina
  18. Ciao! Questi tozzetti non me li perdo per niente al mondo... ricetta già copiata e messa tra quelle da provare quanto prima (tanto si mantengono a lungo, in una scatola di latta vero?). Ti volevo anche dire: sei a conoscenza del contest di dada di "Un dejeuner de soleil"? Ricette che hanno l'olio come ingrediente principale: secondo me questa tua sarebbe azzeccatissima! Complimenti e a presto
    Sabrine

    RispondiElimina
  19. eccoli qui :)
    certo, fra le tue foto e le mie... non facciamo paragoni, che è meglio :D

    che foto meravigliose, complimenti davvero :) ma hai cambiato look al blog? perché il nome non mi è nuovo, ma l'estetica sì... però giurerei di esser già passata di qui...

    grazie per essere passata dal mio modesto blogghino :)

    RispondiElimina
  20. Verissimo, l'olio nuovo è una meraviglia, ne ho comprati domenica tre litri e mezzo se n'è già andato tra fettunte e ribollite! Che buoni i tozzetti, non so se con l'olio nell'impasto, al posto del burro, potrei apprezzarli, perchè in genere l'olio nei dolci mi fa uno strano effetto, però i tozzetti in sé, quelli fatti bene, non quelli confezionati, mi piacciono un sacco!

    RispondiElimina
  21. Sara ma lo sai che anch'io ho provato oggi l'olio nuovo? E' venuto troppo buono...davvero extra extra vergine...devo provare questi biscotti!
    bacioni
    Ago :-D

    RispondiElimina
  22. Qui ancora niente olio nuovo, ma mi sa che quest'anno, se ci sarà, sarà un po' pochino. Anche il raccolto delle olive del mio albero è stato scarsino. Brindiamo all'olio nuovo!

    Ciaooo!

    RispondiElimina
  23. Una soddisfazione impagabile che passa dalla produzione in tutti i sensi..che invidia:)) Bellissimi i tozzetti, ne rubacchio un paio..magari tre!

    RispondiElimina
  24. ma che bel colorino intenso questo "olio nuovo"!!

    RispondiElimina
  25. Giusto per dirti BUON COMPLEANNO!!! Buona notte

    RispondiElimina
  26. con quel " 'nnaggia" mi hai fatto un sacco tenerezza, mi hai ricordato.. me stessa :) che fortuna e che bellezza poter assaggiare - assaporare - l'olio così divinamente 'puro e fresco'.. chissà che piacere. E sincermante se fosse marcato, come si chiedeva Sere nel primo msg, io ne sarei anche contenta, perché il sapore dell'olio in dolci come questi, così semplici, io lo amo.
    Che invidia quest'olio! :)

    ah, Sara... ho letto che è anche il compleanno del tuo blog... ho sbagliato a capire?? :) se è così, tantissimisssimisssimi auguri!!!

    RispondiElimina
  27. no il fatto è che non ho capito se è propriamente il TUO Compleanno o quello del tuo blog :D in ogni caso.. voglio farti tanti tanti auguri di cuore, ma tanti eh! :))

    RispondiElimina
  28. no il fatto è che non ho capito se è propriamente il TUO Compleanno o quello del tuo blog :D in ogni caso.. voglio farti tanti tanti auguri di cuore, ma tanti eh! :))

    RispondiElimina
  29. Vi abbiamo premiato come "blog amico" sul sito "les peinturesdenormac" (sabato 7 novembre)!

    RispondiElimina
  30. grazie mille per gli auguri! effettivamente è il mio compleanno... eheheh :)

    RispondiElimina
  31. auguriii...in ritardo, ma non l'avevo capito!!

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4