19/08/09

quante cose al mondo vuoi fare, costruire, inventare...

cedrata


...ma trova un minuto per me! così recitava (e recita ancora) lo spot della mitica cedrata tassoni. a chi non piace, con questo caldo, un bicchierone di sciroppo di cedro allungato con acqua e ghiaccio? chi non conserva almeno un ricordo legato alla cedrata? e infine chi non ricorda più l'ultima volta che l'ha bevuta? sì perché per diversi anni non dico che sia sparita ma quasi: imbambolati dalle nuove bibite e (più che altro) dalle loro pubblicità ammiccanti, forse ci siamo dimenticati sia la bottiglietta di cedrata col tappo giallo sia il piacere di un sano bicchiere di acqua e sciroppo. io non faccio testo, visto che bevo praticamente solo acqua, vino e birra, ma da piccola mia madre comprava gli sciroppi (o li faceva da sé) e con quelli confezionava le bibite da tenere in frigo. per farla breve, anch'io avevo dimenticato lo sciroppo di cedro, poi l'ho visto a casa di un mio amico, qualche mese fa, ed ho rovesciato tutti i supermercati dell'umbria per trovarlo. forse ora che è estate piena si trova più facilmente, anche perché da poco ho rivisto lo spot in tv ;-) ma veniamo al dolce.

burrococco

in questa laboriosa ma squisita mousse-cheesecake ci sono il cioccolato bianco, il burro di cocco (qui ho già spiegato come si fa), la gelatina di sciroppo di cedro tassoni, lo zenzero candito e un augurio di buona estate da parte mia: fra impegni di lavoro, viaggetti ed altro forse non riuscirò ad aggiornare il blog fino ai primi di settembre. un abbraccio!

coccocedrata

MOUSSE-CHEESECAKE AL BURRO DI COCCO, CIOCCOLATO BIANCO E GELATINA DI CEDRO TASSONI

ingredienti per 4 porzioni


per la base

120 gr di biscotti molto secchi
60 gr di
burro di cocco (per farlo occorrono 10-11 cucchiai colmi di farina di cocco)

per la mousse-cheesecake

250 ml panna freschissima
50 gr cioccolato bianco di ottima qualità

100 gr ricotta vaccina ben scolata

2 cucchiaini abbondanti di agar agar

2 cucchiai di zucchero bianco

per la gelatina di cedro

300 ml di sciroppo di cedro tassoni
100 ml acqua
2 cucchiaini abbondanti di agar agar


per guarnire:

zenzero candito

cioccolato bianco grattugiato

cocco fresco grattugiato


NB: il burro di cocco va preparato il giorno prima affinché si solidifichi.
mescolare il burro di cocco freddo di frigo con i biscotti finemente pestati, appoggiare i coppapasta da 7 cm sui piatti di portata e sistemarci dentro il composto, pressando un po'.


mescolare l'agar agar con 100 ml di panna, portare lentamente ad ebollizione, mescolare per un paio di minuti, spegnere, aggiungere il cioccolato bianco grattugiato e quindi lo zucchero un po' alla volta mescolando bene finché siano sciolti. versare sulla ricotta passata al setaccio, infine unire la restante panna montata a neve. mescolare bene e sistemare il composto nei coppapasta, fino all'orlo. riporre in frigo per alcune ore.


mescolare l'agar agar con poca acqua, fino a formare una pappetta senza grumi. aggiungere la restante acqua e scaldare. far sobbollire per un paio di minuti, spegnere, stiepidire mescolando quindi aggiungere lo sciroppo di cedro e mescolare bene. versare in un recipiente basso e largo, quindi riporre in frigo per almeno 2 ore. la gelatina non diventerà molto solida perché l'agar agar non gelifica completamente in presenza di ingredienti acidi come il cedro, ma è proprio questo l'effetto che volevo: una gelatina morbida, che non rovini il dolce quando vi si affonda il cucchiaio. l'unico problema è come sistemarla sui tortini non avendo altre formine: io ho fatto così.


al momento del servizio, tirare fuori i dolci dal frigo e sollevare di mezzo centimetro i coppapasta. con una paletta larga almeno 7 cm, prelevare la gelatina dal vassoio e sistemarla nei coppapasta sollevati, pulendo il bordo dell'eccesso. togliere del tutto il coppapasta, guarnire con lo zenzero, il cocco fresco grattugiato e il cioccolato bianco a scaglie.

05/08/09

qualcosa da ridere!

paesaggioconrulli

visto l'andazzo rilassoso del periodo, partecipo volentieri al gioco di ammodomio sulle statistiche che ci dicono chi visita i nostri blog: quali sono le parole chiave che portano al mio sito? riporto quelle più strane (tra parentesi i miei commenti): c'è da sbellicarsi.

con l'occasione...


ringrazio di cuore gattogoloso per aver voluto premiare la mia ricetta, che è risultata vincitrice del concorso "bicchierini golosi" :-) ne sono onorata! grazie di cuore!

e ora... si ride!

parole chiave

facit (e bravo, sai il latino)
l'ho fatto (pur'io)
come si chiama il mosto cotto (e il cavallo bianco di garibaldi di che colore è?)
mendicanti
ho fatto
pasta alla tognazzi (ugo?)
bellissima
qualche settimana fa
chesciccheria (anche scriverlo così è una sciccheria...)
l'ho fatto a posta (ma no, non mi dire!)
mould (eh?)
mi piaci per davvero anche se non te l'ho detto (azzarola ho un ammiratore segreto?!)
li ho fatti (aridaje)
qual'cosa (con l'apostrofo, tanto per stare tranquilli)
ricetta figassin ( :-| )
concentrato di rapa rossa
algo (il maschio dell'alga, chiaramente)
qualcosa da mettere nel blog (già che l'ho aperto, ci dovrò pur mettere qualcosa...)
pagasio (sarebbe?)
colmissimo
mi han detto qualcosa di te, qualcosa che il mio cuore non sa (trallallero trallallà)
piatto novanta
a normale (è proprio quel che pensavo...)
altro abbia
maremma buhaiola (uahahhahha che grullo!)
pesce ravigliolo (certo, è parente del pesce taleggio?)
abbinamento rosso
etwas (in ostrogoto antico?)
bundling (ri-eh?)
il caso vuole che io non sia per niente quello che tu avevi avuto in mente (:-O)
termostato frigo rotto (succede!)
vedere sito deve (fradello!)
frigorifero amaranto
lo stile non è acqua ma vodka alla fragola (mica cotiche!)
meraviglioo
l'amore è quel che resta del fuoco (come siamo poetici...)
venere son io meravigliosa venere per te (giuro, sono basita)
sbconscio
insalata nome scientifico
antiha sorrentino (ahahahhahhh ahahh)
ciambellina grafica (sarà mica una creazione di cucina molecolare?)
o viareggio che profumi (ah sì! specie al porto...)
ci vuole sempre qualcosa da bere ci vuole sempre vicino un bicchiere (fa maaale)
pasticceria boccione roma torta ciliege e ricotta
uova faggiano (le doppieeeeee)
progetto fiamma risotto caccia pesce (uhm... sembra un rebus)
capelli cotonati anni 80 (e andiaaaaaamo come gli europe!)
rompere il filetto (tagliare, ti prego...)
lischi bolliti
il caso vuole che io non sia capace (ohhh finalmente te ne sei accorto!)
incuriosita (sì, effettivamente anch'io!)

04/08/09

queste sono le prime more...

more

...della stagione: le ho trovate alcuni giorni fa vicino casa. avrei voluto cucinarle in qualche maniera ma il caldo (e il poco tempo) mi hanno tenuta lontana dai fornelli... fino a ieri sera ;-) ci voleva proprio un bel temporale (anzi, più di uno) per rinfrescare l'aria e le idee. mi sono spinta persino ad accendere il forno! qualche tempo fa una mia amica mi ha regalato un mix di spezie per dolci non meglio identificato che non avevo ancora avuto modo di usare. lei non ha chiesto cosa ci fosse dentro, al momento dell'acquisto (sigh...) ma credo di aver capito di cosa si tratti: avete presenti i banchi delle spezie nei mercatini? spesso vi si trova un mix per dolci, color curry-spento, in uno di quei sacchi di spezie sfuse... beh, è quello. annusa annusa, vi ho riconosciuto cannella, noce moscata, coriandolo e qualche altra cosa che mi sfugge. in ogni caso mi è sembrato che fosse giunto il momento di usarlo, magari con le mie more, e magari sperimentando una nuova ricetta di muffin...

muffinmorespezie_1

che dire, sono buonissimi: burrosi, soffici, profumati, con una trama eccezionale; forse a livello di consistenza sono i migliori muffin che abbia mai fatto, ma... beh, di burro ce n'è ;-) ho trovato le dosi in un semplice libricino della
giunti-demetra, vi ho aggiunto le more ed ho apportato alcune modifiche (ad esempio, burro al posto della schifosa margarina, ri-sigh...). prometto di ritentare "sgrassando" un po' alla volta e magari aumentando lo yogurt fino ad ottenere il giusto mix fra calorie, consistenza e gusto. però non c'è dubbio: fatti così sono strepitosi... quanto al gusto, le more si prestano benissimo all'abbinamento con le spezie: non ero sicura che avrebbe funzionato, invece è andata benissimo. e se provassi more&speziemiste in un piatto salato?

MUFFIN SPEZIATI ALLO YOGURT E MORE DI ROVO

per 18 muffin medio-piccoli

300 gr farina 0
150 gr burro a temperatura ambiente
1 uovo codice "0" a temperatura ambiente
150 gr di yogurt naturale intero a temperatura ambiente
75 gr di zucchero
un pizzico di sale
2 cucchiaini colmi di mix-di-spezie-per-dolci (noce moscata, cannella, coriandolo...)
150 gr di more di rovo pulite
1 bustina di cremor tartaro (già addizionato di bicarbonato)

mixare i solidi: farina, lievito, zucchero, sale, spezie, lievito. lavorare il burro a pomata e unirlo a yogurt e uovo sbattuto. unire i due composti, mescolare rapidamente, aggiungere le more e riempire per 2/3 gli stampini da muffin (io ho usato quelli in silicone). cuocere a 180-200° per 12 minuti: devono diventare leggermente ambrati.

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4