10/01/10

qualcosa per te, lydia!

pastaefagioli

tzatzichi, ce l'ho fatta: anch'io posto la past@! se non fosse per le "prolunghe" non arriverei a partecipare ai contest che mi piacciono neanche tirandoci il cappello. a volte non ci riesco neanche con la prolunga, ma tant'è. e dunque posto la pasta, anzi la pasta & fagioli, dato che il tema è "ricetta tradizionale rielaborata" (ovvero il mio argomento preferito). l'ho rielaborata nella tecnica, utilizzando la cottura in vaso che mi piace tanto e che non avevo mai applicato ad un primo. ho scelto la calamarata perché ho pensato che occorresse un formato grosso, che tenesse bene la cottura, poiché i tempi devono essere leggermente più lunghi di quelli normali. ho utilizzato un brodo che avevo già sperimentato a capodanno: coda e ceci, una meraviglia. ah, non lo scrivo nella ricetta ma lo dico qui: con la coda (spolpata e sgrassata) e i ceci del brodo si possono fare delle polpette da urlo.

pastaefagioli2

ora basta coi preamboli, dico solo che, contest o non contest, questa cottura s'ha da provare: quando aprirete le albanelle sotto i nasi dei vostri commensali il sottofondo audio sarà

ooooohhhhhhh...


PASTA E FAGIOLI IN VASO AL BRODO DI CODA E CECI

ingredienti per 2 persone

150 gr abbondanti di fagioli borlotti, già lessati in acqua aromatizzata con aglio e alloro
per il soffritto: sedano, carota, cipolla e gambi di prezzemolo triturati, una fetta di pancetta, un chiodo di garofano, 2 o 3 grani di pepe schiacciati, uno spicchio d'aglio, olio extravergine d'oliva
brodo di coda e ceci: una tazza abbondante *
salvia
rosmarino
pochissimo pomodoro pelato
pasta: formato "calamari", 140 gr

*per il brodo: due-tre tocchi di coda, sedano carota cipolla alloro porro e gambi di prezzemolo, sale grosso, una tazza scarsa di ceci già ammollati per 24 ore. mettere tutti gli ingredienti in una pentola con almeno 2 litri d'acqua. cuocere a fuoco bassissimo facendo sobbollire per circa 5-6 ore, schiumando bene: il liquido si dovrà dimezzare. filtrare e tenere da parte.

per la pasta & fagioli:
preparare il soffritto con tutti gli ingredienti facendolo andare pianissimo. quando profuma intensamente ed è ben caramellato, rimuovere il chiodo e l'aglio, aggiungere il rosmarino, la salvia e il pomodoro (io ne ho messo pochissimo perché mi piace anemica). far andare un po' quindi aggiungere i fagioli, con un mestolino della loro acqua di cottura e il brodo caldo. mescolare e schiacciare alcuni fagioli con la forchetta in modo da avere una consistenza leggermente cremosa. aggiustare di sale.
preparare adesso una teglia coi bordi alti e appoggiarci dentro i vasi vuoti. aggiungere acqua in modo da essere sicuri che il livello supererà quello interno della pasta e fagioli: meglio un po' di più che un po' di meno. togliere i vasi e far bollire l'acqua sul fuoco; nel frattempo accendere il forno a 150°. quando la salsa di fagioli bolle bene e l'acqua pure, riempire i vasi con la salsa (tappo senza guarnizione mi raccomando!), aggiungere la pasta, chiudere i tappi ed infornare. NB: fate in modo che il liquido a base di fagioli sia sufficiente a coprire la pasta, quindi lasciate la salsa abbastanza brodosa. ah dimenticavo: se non vi piace trovare gli aghi di rosmarino nella pasta, legate il rametto con uno spago e rimuovetelo al momento giusto. io non l'ho fatto :-) cuocere per qualche minuto in più rispetto ai tempi di cottura normali della pasta: io ho fatto 15 minuti rispetto ai 12 necessari ed è andata bene. sfornare, attendere qualche minuto affinché la temperatura scenda un po', quindi servire ed aprire i vasi. ooohhh...

25 commenti:

  1. Sara, grazie di cuore.
    Bellissima ricetta

    RispondiElimina
  2. io amo pasta e fagioli!!
    presentata cosi poi ;)

    RispondiElimina
  3. È vero la cottura nei vasetti si deve provare!non avevo mai pensato di cuocervi una pasta...l'idea te la rubo!!..e la pasta e fagioli nel vetro mi ricorda la "compressione" di Bottura...quindi è deciso: a breve sarà sulla mia tavola!!

    RispondiElimina
  4. uhhh..... (basta cm commento??)
    cmq questa cottura la dovrò provare pure io prima o poi...

    RispondiElimina
  5. posso fare anch'io ohhhhh?
    che bella invenzione!

    RispondiElimina
  6. Caspita a me piace!!!Bravissima e in bocca al lupo!!!UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  7. e qui sappiamo chi ha vinto!!!! sei troppo ingegnosa mia casa sara :-D un grande "in bocca al lupo" per te!

    RispondiElimina
  8. Meraviglia :-)
    Non c'e' competizione....

    RispondiElimina
  9. ehi ma grazie a tutti, siete troppo gentili...
    :-)

    RispondiElimina
  10. Davanti a creazioni come queste...non posso che inchinarmi!!!Sublime Sara!

    RispondiElimina
  11. Una cottura da provare! Concordo con Corrado...non c'è competizione!;-)

    RispondiElimina
  12. Bravissima, come sempre. E originale.

    RispondiElimina
  13. Già adoro la pasta e fagioli se in più ci metti il brodo di coda, si soccombe. Mi piace anche questo modo di cottura. Insomma mi piace tutto (compresa la foto)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  14. A me vieni a dire di pasta e fagioli? Altro che porta aperta sfondi :)))
    Buona giornata,

    wenny

    RispondiElimina
  15. Mmm...la pasta e fagioli è sempre un classico che non stanca! davvero ottima anch ein questa versione!
    baci baci

    RispondiElimina
  16. Salivazione...
    Devo rifarla, devo, devo...

    RispondiElimina
  17. Molto, molto interessantela cottura nelle albanelle. Glò

    RispondiElimina
  18. che meraviglia Sara!!
    Strepitosa e adoro adoro i fagioli :D
    bacioni

    RispondiElimina
  19. interessantissima la tua versione della pasta e fagioli... anzi, una vera delizia!

    RispondiElimina
  20. grande Salsina...prima o poi trovero'o' il coraggio di mettere un vaso di vetro in forno, non foss'altro perche' questa foto mi fa sbavare letteralmente :)
    Ma col forno che non mantiene le temperature basse per ora e' meglio che sto buona :(
    Bacio e in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  21. che genialata!!! la voglia di tuffare il cucchiaio è molto alta, ci credo all'oooh di meraviglia!

    Senti ma posti anche le polpette prossimamente?

    RispondiElimina
  22. -cavoli: grazie mille! per le polpette, ho semplicemente frullato la coda (mi raccomando solo la parte magra) con i ceci (non tutti) e la carota del brodo. poi ho condito con sale, pepe, olio, limone, noce moscata e un paio di cucchiai di uovo sbattuto. ho passato nel pangrattato e fritto :D

    RispondiElimina
  23. Partendo dalla fine...e cioè dalle polpette fino ad arrivare alla tecnica della cottura in vetro (sperimentata indirettamente per una zuppetta di pesce 'illo tempore'...)devo dire che il post è di quelli da copiare...sia per i tanti spunti che si possono ricavare, sia per la bravura mostrata alla quale tendere i nostri eventuali sforzi emulativi, sia per la simpatia con la quale dettagli il tutto.
    Brava davvero :)

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano