13/01/10

qualcuno conosce frate indovino?

indovino1

era padre mariangelo da cerqueto, fraticello cappuccino che più di sessant'anni fa ebbe l'idea di pubblicare un almanacco con le previsioni meteo per un anno intero, diventando riferimento indiscusso per i contadini umbri. mi ricordo che mio nonno marino non muoveva foglia senza prima aver consultato il "frate indovino", le sue lune ed i suoi consigli sulla semina: la sera inforcava gli occhialoni neri da lettura, stendeva il calendario sul tavolo e, a voce alta, studiava attentamente l'almanacco per capire se fosse ora di piantare le fave o di potare la vigna, o per regolarsi nel caso la stagione estiva sarebbe stata particolarmente secca. sulla parete della cucina di mia nonna c'è ancora, quel calendario, illustrato sempre con lo stesso stile anni '50: frate indovino lo spedisce con costanza a tutti i suoi lettori dal 1946.
ma domenica scorsa ho fatto una (ri)scoperta emozionante: a casa dei miei ho scovato un
libro di ricette di frate indovino degli anni '60...


indovino2

appena l'ho preso in mano mi sono ricordata che da piccola lo massacravo: l'ho usato per scarabocchiare, per imparare a scrivere, per imparare a disegnare, per lanciarlo a mio fratello quando mi faceva i dispetti... chi l'avrebbe mai detto che, a distanza di almeno 25 anni, l'avrei ritrovato ed apprezzato come oggetto di inestimabile valore affettivo? le ricette sono state raccolte da frate indovino consultando vecchi ricettari conventuali di tutta italia: infatti c'è anche una sezione di ricette regionali... ma non voglio svelare tutto, parlerò di questo libro un po' alla volta: lo devo rileggere, riconquistare e condividere con voi adagio adagio.

tortafrancescana2

comunque, dopo essermi ripresa dall'imbambolamento causatomi da tale evento, ho scelto la ricetta più veloce per festeggiare questo piccolo ritrovamento di archeologia domestica: una torta di mele che il frate chiama "francescana". poi ho capito perché: è la torta di mele più semplice e povera che abbia mai fatto, l'essenziale degli ingredienti, senza orpelli, senza aggiunte. una torta austera e rigorosa come la regola francescana. ed è pure buonissima.

"Che questa mia fatica, anche se molto modesta, serva a portare più sanità fisica e più schietta allegria attorno alle vostre mense! Ve lo augura di tutto cuore
Frate indovino"


tortafrancescana1

TORTA FRANCESCANA ovvero la torta di mele archetipica

ingredienti per uno stampo da 28 cm

250 gr farina 0
100 gr burro di ottima qualità
100 gr zucchero
latte qb
1 bustina di cremor tartaro (già addiz. di bicarbonato)
2-3 mele (piccole)
2 uova codice "0"
50 gr di burro e 50 gr di zucchero a velo per la superficie (io ne ho messi leggermente di meno)

lavorare le uova con il burro fuso e raffreddato. unire lo zucchero e lavorare ancora. aggiungere la farina setacciata col lievito e mescolare aggiungendo latte quanto basta per ottenere la giusta consistenza (io ho fatto un impasto leggermente più sodo di quello di un ciambellone "standard"). versare in una teglia imburrata e infarinata, aggiungere le mele a fettine e condire con il burro a fiocchetti e lo zucchero a velo. infornare a 175-180° per una mezz'ora.

41 commenti:

  1. Noooo, ma questa tua scoperta è davvero un (mio) sogno che si realizza! Che invidia mi fai. I tuoi scarabocchi poi sono assolutamente impagabili!! Io sto cercando disperatamente il manuale di nonna papera che mi avevano regalato da bambina. Accedenti non lo trovo! Farò questa torta. Chissà che mi porti bene...!

    RispondiElimina
  2. ma certo...il calendario di frate inovino è sempre stato nell mia cucina da piccola e io mi divertivo a leggere tutto...si imaprava anche tanto...e questo libro....deve essere davvero utile!

    RispondiElimina
  3. Sta torta di mele porta via. Nel senso che rapisce. Bhè gli archetipi funzionano anche per questo.

    Anche frate indovino è un pò archetipo. Forse discende in linea diretta da mago merlino.
    Con rima e barba lunga.

    Buona giornata e Buon Inizio 2010!
    ib

    RispondiElimina
  4. grazie ragazze!
    -lo: daiiii ma te li ricordi i proverbi? ce n'erano per tutti i gusti :)

    RispondiElimina
  5. Anche i miei genitori aveva in cucina il suo calendario!! Interessante questo libro, chissà se a qualche mercatino è possibile trovare qualche copia... questa torta essenziale mi piace!

    RispondiElimina
  6. per un certo periodo è comparso il calendario a casa dei miei (poi hanno traslocato e se ne son perse le tracce): ricordo che passavo dei pomeriggi a leggermi i proverbi :)
    e quel discorsetto alle donne che si vede dalla foto com'è? è che il frate mi sembrava un po' retrò da quel punto di vista (epperò con certe torte gli si perdona tutto)

    RispondiElimina
  7. Che belle queste scoperte... la cucina conventuale mi ha sempre un po' affascinata e poi, si sa, al di là delle regole dell'ordine, che possono essere più o meno ristrette, è noto che presso i frati si mangia sempre bene!!!

    RispondiElimina
  8. - lise: ma sai che invece credevo peggio? ;-)
    - onde: ho in programma robe turche sulla cucina conventuale! mi sto facendo una cultura in merito (e considera che non sono neppure cattolica... quindi devo studiare parecchio :-P)

    RispondiElimina
  9. Che belli questi cimeli storici! davvero una conquista!
    fantastica la torta anche! semplice ma gustosa!
    un bacione

    RispondiElimina
  10. Ecco brava, sei riuscita a farmi commuovere!!!!
    Mio nonno comprava ogni anno il calendario di frate indovino ed io mi divertivo molto a leggerlo.
    Chissà che non ne ritrovi ancora qualcuno in soffitta

    RispondiElimina
  11. una di quelle torte che sanno di buona aria di casa solo a vederle, caro vecchio Frate Indovino, io lo leggevo con la nonna il suo almanacco...

    RispondiElimina
  12. Ce l'ho!!! Ho questo libro, eredita' di mia mamma, E' vero, la prima pagina dice proprio "discorsetto alle donne", e da piccolo mi chiedevo cosa volesse mai dire. E il calendario? Era un piacere leggere il detto del giorno, e magari andare un po' avanti e leggere anche quelli dei giorni dopo...
    La cucina conventuale e' di solito molto ricca, tradizionalmente i frati avevano un buon orto, un buon pollaio e la carita' non gli mancava.
    Ai tempi di mio nonno i frati mangiavano meglio dei contadini....

    RispondiElimina
  13. scherzi, per noi Frate Indovino era un obbligo, quanti anni lo abbiamo avuto attaccato nel tinello??
    Io me lo leggevo tutto, c'erano consigli di tutti i tipi (parliamo di quando andavo alle elementari), proverbi, consigli di orticultura, insomma, era veramente simpatico...ma ricette non me ne ricordo, oppure ero io che, troppo piccola, non ci facevo caso...comunque si trattano sempre bene, no? Questa torta è una meraviglia...

    RispondiElimina
  14. Complimenti per la bellezza del blog.
    Ne ho aperto uno pure io.. speriamo bene..
    Buona cucina ed un abbraccio.
    Matteo

    RispondiElimina
  15. che fascino quel libro, in quella foto, con QUESTA torta....
    assomiglia un po' a come la fa la mia mamma, che è una rivisitazione di come la faceva la mia zia, che chissà quale rivisitazione è.
    e magari arriva prprio da quelle parti....
    sa così di buono

    RispondiElimina
  16. bellissimo soul kitchen! grazie per i consigli :)
    ciao vale

    RispondiElimina
  17. ma siiii certo che lo conosco, puntualmente mio padre mi invia il calendario con le sue ricette per lo star bene, tisane e calmanti. Che meraviglia poterne ritrovare il libro...;)

    La crostata mi sà di pulito, di semplice e di profumato e anche di sano :)

    RispondiElimina
  18. Saraaaa...mia madre lo riceve ancora il calendario....e il mitico libretto rosso (non quello di Mao...che per inciso rispetto molto)sta nella mia cucina...che ricordi, quante ricette mia madre seguiva leggendo quelle pagine...niente foto, qualche disegno ad ogni capitolo...ma sai che lo consulto ancora? se vuoi le dosi esatte per gli gnocchi di patate non c'è libro migliore... ma non solo...üssignür, pensavo di essere tra le poche ad averlo ancora (il mio è datato 31 dicembre 1971!!!!)è ufficiale: Sara ha "sdoganato" frate indovino!!! (ed io che lo nascondevo dietro a libri blasonati!!!) un bacione....

    RispondiElimina
  19. Il calendario è immancabile, ma non sapevo ci fosse anche il libro di ricette, mitico!

    RispondiElimina
  20. FrateIndovino accompagnava i miei calcoli 'matematici' per arrivare al meglio preparato alle date d'esame all'università. Proverbi e lune facevano compagnia durante i caffè solitari e pensierosi delle pause...Posso non fare mai questa torta francescana...che tra l'altro mi porta alla mente un paio di francescani che ho conosciuto?!?!? Assolutamente no...per cui triplo grazie...per la ricetta, per avermi ricordato FrateIndovino e per essere passata a salutarmi durante una mia assenza prolungata :P
    Buonissima giornata :))

    RispondiElimina
  21. grazie a tutti, non sapete quanto mi faccia piacere che lo conosciate! addirittura alcuni di voi hanno il libro: corrado e alex è vero, le ricette devo dire che sono, oltre che ben spiegate, anche precise e di sicuro risultato!
    cuocopersonale: grazie mille per i complimenti, vengo subito a vedere il tuo blog, in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  22. Salsina!!!Ma come non potrei conoscere Frate Indovino!!!Aspettavo che arrivasse il suo calendario ogni anno...non ho più chiesto a mia mamma se arriva ancora.Sai quante volte mi sono persa nella sua lettura ;)
    Ai francescani sono molto affezionata, avendo fatto il liceo in una loro scuola.Da credente per me rappresentano il vero cattolicesimo, senza orpelli e come regola base la letizia e l'amore per il prossimo.Tornando alla ricetta, mi ha conquistato all'isatnte, chissà cosa ci svelerai tra poco!Un abbraccio!

    RispondiElimina
  23. Frate Indovino mi ricorda il calendario affisso a casa di mia nonna. Quasi una Bibbia della semina, del meteo, del buon costume, dei proverbi e dei consigli!
    Ricordo che da bambina mi infastidiva un po' quel testamento attaccato al muro! Sembrava che tutto si doveva imparare da Frate Indovino! Invece a guardarci oggi, quante ne avremmo da imparare!
    La torta è semplice e rassicurante, una vera torta della nonna (o del frate!).

    RispondiElimina
  24. Un libro davvero prezioso, così carico di bei ricordi, Frate Indovino lo conosco anch'io, ma non il libro di ricette, aspetto le prossime rivelazioni!
    Ciao!

    RispondiElimina
  25. Mio padre credo abbia una collezione di calendari di frate indovino, il bello è che lui li lascia appesi anche quando sono passati, così se ti fai un giro nella sua tavernetta (ma anche in casa) ne puoi trovare di diverse 'annate',magari 3 o 4 allo stesso chiodino, e vedere che mai la grafica è cambiata. Che spettacolo, Sapina!

    RispondiElimina
  26. L'importante è che tu l'abbia ritrovato questo libro...gli scarabocchi non fanno altro che arricchirlo di significato e ricordi.
    Prendo una fettina di torta.. :D
    Ciao Arianna

    RispondiElimina
  27. La mia amata nonna iniziava sempre il nuovo anno comprando il calendario di frate indovino e lo citava continuamente.
    Non sapevo che esistesse anche un libro. Tienilo stretto e non lasciarlo più.
    Baci
    Alex

    RispondiElimina
  28. ci dev'essere la voglia di recuperare i nostri ieri. più semplici da decifrare oggi. il calendario era sempre anche a casa mia, lo si seguiva per lune e detti. non conoscevo il ricettario ma cercherò sulla cascina di babbo, si sà mai! c'è un convento a fognano (ra) di suore però, che ancora cucina per chi vuole approfittare. (senza essere ristorante) e le boteghe delle monache e dei monasteri sono una meta fissa. grazie per le belle foto e parole.

    RispondiElimina
  29. :-D Ma daaaiiii!!!! Anch'io avevo sempre i suoi calendari (mia mamma lo comprava ogni anno, poi è venuta a mancare e noi non l'abbiamo preso più...chissà perchè :-S) e ho imparato moltissimo sulle erbe e la cucina attraverso di loro ed il suo libro sul come curarsi con le erbe stesse! Questa torta mi sa tanto di casa...aspetto le tue ricette!
    Bacioni
    Ago :-D

    RispondiElimina
  30. non ci credo!!! cosa non hai risvegliato nella mia memoria... del frate conoscevo i calendari , ma non sapevo del libro di ricette!!!
    Mi accomuna a te il fatto che pure il vecchio libro di ricette di mamma sia tutto scarabocchiato da mie opere primordiali!!
    grazie delle emozioni regalate da questo post!!!

    RispondiElimina
  31. Questa torta è davvero eccezionale!

    RispondiElimina
  32. mmm la mia torta preferita!!!
    mi ricorda proprio la torta di mele della mia infanzia!

    me la sono già segnata!

    buon anno! vale ancora vero?
    Vale

    RispondiElimina
  33. Il calendario lo vedevo sempre dai nonni, ma nulla sapevo del libro di ricette!
    Donna fortunata!

    A casa mia c'era i "Tre B d'Oro" ricettario degli anni '50. Dovrebbe essere partito anche lui dal nepal con le mie masserizie... chissà se lo rivedrò?

    RispondiElimina
  34. che belle foto ,,, e che torta meravigliosa!!! io adoro la torta di mele, la vorrei adesso...

    RispondiElimina
  35. grazie a tutti, non sapevo che frate indovino fosse una celebrità anche fuori regione... bella scoperta!
    oggi per pranzo, pasta con "pesto" di cime di rapa, e voi? buon weekend a tutti! :-)

    RispondiElimina
  36. a pranzo sarò sola, mi sà che mi tiro fuori un branzino. buona domenica anche a te.

    RispondiElimina
  37. ce l'ha mia mamma in cucina, e questo chissa in quanti te lo avranno scritto: ma quello che mi hai fatto ricordare, con quel "discorsetto alle donne" e' la logica pragmatica e datata, ma cosi' diretta, che caratterizzava i consigli di padre indovino ((quand'ero piccola lo trovavo sempre a casa di mia zia)
    Detto questo, la torta di mele col cremor tartaro va provata, ed i libri ritrovati dopo anni 9con scarabocchi autentici!!!!) sono di un commovente che io lo sono al posto tuo :)

    RispondiElimina
  38. Che spettacolo!! Frate indovino mi ha sempre attratto, mia nonna immancabilmente lo appendeva in cucina.. ogni anno in edicola lo guardo anche se non l'ho comprato mai...
    Sai che questa torta di mele mi ispira molto?? Nella sua semplicità of course mi sembra deliziosa!

    RispondiElimina
  39. Il calendario!
    Quello era IL CALENDARIO quando ero picina!
    e si legevano i proverbi, i consigli.. quanti ricordi mi hai scatenato!
    Il librettino mi era sfuggito!
    Ora ti invidiooooooooooooooooo!

    nasinasi

    p.s. potremmo rimediare all'invidia con una sana adozione.... tu rimembri?

    RispondiElimina
  40. Che piacere trovare così tante persone che hanno in comune il ricordo così famigliare del librone rosso di Frate Indovino, per non parlare poi del famigerato calendario!
    E mi fa ancora più picere sentire di ricordi così simili ai miei: anche io ho ereditato da mia nonna "La Buona cucina Casalinga" e mi sono decisa a mettere in pratica un proposito di novembre scorso:

    http://www.silviaincucina.it/blog/julie-julia-silviaincucina-frateindovino.html

    Cimentarmi con le ricette del buon frate per allietare la mia cucina!
    L'esperimento parte da Settembre, fatemi in bocca al lupo!

    Un saluto
    SilviaInCucina

    RispondiElimina
  41. silvia: che bel progetto! in bocca al lupo, ti seguirò sicuramente :D

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano