27/01/10

questo tipo di pepe...

tortaparadiso

... ha avuto un enorme successo fino al settecento: la gente impazziva per i grani del paradiso, o "meleghetta" (aframomum meleguetta), fino al punto che il governo inglese dovette proibirne l'uso, definito "sconsiderato". il consumo calò così drasticamente che, nel giro di un centinaio d'anni, è praticamente scomparso dalle tavole europee, resistendo solo nella cucina africana da cui trae origine. ho letto queste informazioni in un libricino che parla di spezie regalatomi da lory qualche tempo fa: inutile dire che il giorno dopo mi sono precipitata su internet a cercare i grani del paradiso :-) ero troppo curiosa di assaggiarli dopo aver letto una storia così affascinante. li ho provati come completamento di una salsa all'arancia per la torta paradiso, tanto per giocare coi sapori e con le parole ;-) il sapore è veramente interessante: profuma di cardamomo ma al gusto è piuttosto piccante; secondo me sta benissimo anche con agnello o frattaglie... stasera faccio la trippa: vi saprò dire!

ma a proposito di arancia: ricordatevi di acquistare le arance della salute cercando sul sito la piazza più vicina a voi.

quanto alla torta paradiso, ho tentato di rendere il più spumoso possibile l'impasto usando solo fecola e trattando il burro in modo particolare: ho ottenuto una torta friabilissima e dalla grana fine come la polvere.

a proposito di burro: approfitto di questo post per ringraziare di cuore Sandra per avermi assegnato il primo premio del suo contest sul burro sponsorizzato dalle Fattorie Fiandino, che mi hanno omaggiato di una serie di prodotti veramente straordinari. è stato un onore partecipare ed assaggiare i frutti del vostro lavoro: grazie!

TORTA PARADISO CON SALSA D'ARANCIA E GRANI DEL PARADISO

ingredienti

350 gr fecola di patate
250 gr burro 1889 fiandino
2 uova grandi codice "0"
6 tuorli grandi codice "0"
250 gr zucchero
un pizzico di fior di sale
un pizzico di cremor tartaro con bicarbonato

tagliare il burro a dadini piccolissimi e metterli in congelatore per un'ora, quindi montarli col minipimer o col mixer fino ad ottenere un composto spumoso. montare a parte le uova con lo zucchero e il sale, poi aggiungere il burro mescolando delicatamente, la farina e il lievito. rivestire accuratamente di carta forno uno stampo rotondo da 30 cm e versarvi l'impasto livellando bene. cuocere a 185° per 15 minuti quindi abbassare la temperatura e cuocere per poco meno di un'ora a 165° circa.
se riducete le dosi, riducete un po' anche i tempi di cottura: io avendo il forno piccolo ho cotto l'impasto in 2 stampi da plumcake e per la seconda fase sono bastati 40 minuti.

per la salsa (per 2 porzioni): spremere 2 arance e filtrare il succo. sciogliere un cucchiaio di zucchero in un pentolino con una fettina di burro; quand'è leggermente ambrato versarvi il succo e cuocere fino alla consistenza desiderata. servire con la torta insieme a 3 o 4 grani del paradiso schiacciati al momento.


per chi volesse acquistare questa spezia: io l'ho presa qui

33 commenti:

  1. Wow...che aneddoto particolare! incredibile a dir poco!!
    Proprio delicata questa torta paradiso e davvero da provare con questa salsa agrumata!
    bacioni

    RispondiElimina
  2. Grani del paradiso? Tutti i giorni imparo qualcosa!!!
    Brava, grazie :-)
    (Ma adesso dove li vado a trovare?)

    RispondiElimina
  3. corrado: hai ragione! ho appena aggiornato il post: in fondo alla ricetta trovi il link x acquistare :)

    RispondiElimina
  4. immagino che gusto paradisiaco possa avere tutto ciò. il nome non sarà una coincidenza, no?
    grazie, sapa, ogni volta una ricetta particolare e raffinata!

    *

    RispondiElimina
  5. Wow! complimenti per il primo premio! che brava!
    Interessante la storia della spezia, non la conoscevo e nemmeno la spezia...curioso abbinamento.

    RispondiElimina
  6. ogni giorno se ne impara una.
    oggi, soggiogata dalla tua foto broccola, ho preparato una cosache potesse somigliare. ma lontana anni luce a livello di seduzione. in ogni caso a me, è piaciuta moltissimo. la consistenza di questa è...polvere soffocosa? cioè da bagnare nel tè?
    grazie in ogni momento.

    RispondiElimina
  7. -titona: ah ma dai! quale foto broccola? :D dunque la consistenza è polverosa, esatto, e te ne accorgi quandola tagli: è talmente friabile che riesci a fare delle fette sottilissime! però quando la metti in bocca si inumidisce subito; io comunque per sicurezza l'ho accompagnata alla salsa d'arancia. certo che anche col tè starebbe benissimo!

    ciao a tutti e grazie :)

    RispondiElimina
  8. che storia sara!! Le spezie sono sempre affascinanti. Si apre un mondo ogni volta che ne acquisti una.
    Grazie della citazione cara, ma io ho fatto ben poco: i prodotti sono davvero buonissimi e sono felice che tu li abbia apprezzati.
    A presto e questo dolce è fantastico
    :*

    RispondiElimina
  9. a parte che il premio fiandino non potevi non meritarlo..... sei un genio, soprattutto perchè rivaluti ingredienti sommersi dal tempo.
    bacio
    ottimo lavoro sara!

    RispondiElimina
  10. Ecco questa spezia proprio mi mancava. Sei sempre una fonte di ispirazione incredibile ;) Adesso devo documentarmi assolutalmente, anche perchè la tua rivisitazione della torta paradiso è troppo invitante e sarebbe un peccato non provarla!
    Un bacione e buona serata
    fra

    RispondiElimina
  11. Ma grazie!!!Complimenti e ancora grazie!!!UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  12. E' interessante la tecnica che hai usato, ma ancor di più la resa ....
    Mi lancio nella ricerca di questi grani di pepe!

    RispondiElimina
  13. Molto interessante, non avevo mai sentito parlare di questi grani!

    RispondiElimina
  14. il post precedente; appena visto ancor prima di leggere gli ingredienti ho pensato fosse una calamarata ai broccoli e li sono rimasta. fino a oggi che me la sono cucinata e mangiata. adesso mi tocca il paradiso ...vabbè!

    RispondiElimina
  15. sono senza parole... questa salsa sembra eccezionale, e tu sei un genietto!
    :)

    RispondiElimina
  16. Davvero interesantissimo..al'inizio pensavo fosse pepe di Sezchuan, invece...non poteva essere così banale con te!Deve avere un sapore davvero singolare e, il tuo dessert lo proverei al volo!
    bacione salsina!

    RispondiElimina
  17. Mi stai dicendo che esiste una spezia con un nome così bello e che io non ne avevo mai sentito parlare? Grazie per la segnalazione e anche per il link al sito, sembra un bellissimo posto virtuale per fare shopping!!!

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. a me piace molto il cardamomo, quindi credo che anche questo pepe sconosciuto potrebbe intrigarmi! molto particolare la lavorazione del burro. come mai ti è venuta in mente?

    RispondiElimina
  20. -dodò: sì infatti è un pepe veramente profumato e particolare... ieri sera l'ho messo sulla trippa: una delizia! quanto al burro: come mi è venuto in mente? uhm... BO :-) ho pensato che trattando il burro come fosse un "gelato" avrei potuto ottenere un effetto più spumoso. se avessi avuto un'attrezzatura migliore per frullarlo forse sarebbe stato anche meglio... qualche tempo fa in un ristorante ho assaggiato una specie di gelato al burro e la sua consistenza mi era rimasta particolarmente impressa!

    RispondiElimina
  21. :) che bella sensazione deve essere il sapore sapuz! mi hai intrigato con il cardamomo piccante.. :P
    e bellissima anche la torta paradiso ha una texture veramente invitante dalla foto che hai fatto :)

    sarei curiosa di utilizzare questo pepe anche forse per delle cotture sottovuoto che dici?

    p.s.
    quanto tempo era che non lasciavo un commento :)

    RispondiElimina
  22. ciciuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuZ che bello finalmente! :)))

    RispondiElimina
  23. nel sottovuoto gli aromi restano all'interno e non svolazzano via... quindi direi proprio di sì! :)))

    RispondiElimina
  24. A Signora Mia!
    Passare da lei è sempre bello!
    Se poi mi offrisse una fettina di quella delizia, allora le sarei davvero grata....

    nasinasipiccanti

    p.s. a parte gli scherzi, è bollo riuscire ad imparare sempre qualche cosa di nuovo! E me la godo davvero!

    RispondiElimina
  25. E che pepe è con il nome così romantico?.. Incredibile!...
    Chissà dove potrei trovarlo...
    Sei sempre molto originale, complimenti!

    RispondiElimina
  26. Già il nome promette bene ma questa torta cosi' soffice promette ancora di più. Il tuo consueto tocco di eleganza (non rosso oggi ;-)
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  27. Mi hai incuriosito! Passando qui da te c'è sempre da imparare...complimenti per la ricetta, e buon fine settimana! :-)

    RispondiElimina
  28. buonissima la trippa! non avevo mai pensato di "speziarla", forse perchè la fa sempre mia nonna alla maniera tradizionale!
    il gelato al burro deve essere spettacolare!

    RispondiElimina
  29. Non sai quanto mi hai incuriosita!!! ora chiedo a mio marito (che è africano) se ne ha mai sentito parlare... comunque da oggi DEVO AVERLO! gRAZIE!!!

    RispondiElimina
  30. Interessante il tuo articolo, non conoscevo questo pepe "grani del paradiso".
    Bon week end
    paola

    RispondiElimina
  31. Bhe non c'è che dire.. passare dalle tue pagine è sempre arricchirsi di quacosa... un ingrediente.. un aneddoto ... un informazione! Sapa sei davvero forte!!
    Baci Fico&Uva

    RispondiElimina
  32. ciao a tutti cari amici, grazie mille per essere passati!

    RispondiElimina
  33. Ho scoperto questo pepe il giorno di Natale e da allora non l'ho più dimenticato!!!
    A presto!

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4