12/02/10

quando cantano le rane

rane-1

le risaie di un tempo erano un microcosmo di vita. le rane gracidavano, i pesci saltavano, i buoi, gli uomini e le donne faticavano. c'era geometria e ingegno nel costruire gli argini fra un campo e l'altro, in modo da permettere il passaggio delle acque di pianoro in pianoro.

rane-2

i campi venivano allagati, e i lavoratori a piedi nudi nelle acque rigide sistemavano il terreno. quando al termine dei lavori le acque si ritrovavano nei loro solchi, i ragazzini si divertivano a pescare le rane e i pesci che vi restavano inesorabilmente intrappolati.

rane-3

il risotto alle rane nasceva così. poi qualcuno ha inventato i pesticidi, e le rane hanno smesso di cantare. sopravvivono qua e là, dove coltivatori sensibili hanno capito che forse il veleno non era stata una buona idea, non era stata l'idea migliore per evitare tutto quel lavoro e quella fatica.

rane-4

questo è in breve il racconto che tempo fa mi ha fatto un amico nato e cresciuto fra le risaie. no, tranquilli, non ho fatto il risotto alle rane :-) è un risotto al mandarino ed alghe che ho già cucinato due volte per quanto mi è piaciuto, ma ho utilizzato un riso, uno dei pochi che conosco, che è nato e cresciuto fra le rane.

risottoalghemandarino

RISOTTO ALLE ALGHE E MANDARINO

ingredienti per 2 porzioni

140 gr riso semintegrale cascine orsine
due grosse tazze di brodo vegetale (ovviamente fatto in casa) qb
cipolla rossa qb
olio extravergine d'oliva
due pizzichi di alghe "arame"
un mandarino biologico, di quelli con i semi
sale qb
burro e parmigiano per mantecare

sciacquare le alghe e tenerle in ammollo in acqua fredda per 15 minuti. scaldare piano l'olio con la cipolla finemente tritata. quando profuma intensamente, aggiungere il riso e tostare bene. versare il brodo bollente, cuocere 5 minuti quindi aggiungere le alghe. il riso semintegrale ha dei tempi di cottura leggermente più lunghi di un riso normale, quindi in totale, per finire tutto ci vorranno dai 15 ai 20 minuti. al termine, spegnere il fuoco e lasciar riposare un minuto. aggiungere due cucchiai di succo di mandarino, burro e parmigiano appena grattugiato e mantecare accuratamente. unire la buccia grattugiata e dare un'ultima mescolata prima di servire.


PS: partecipo virtualmente a m'illumino di meno perché per impegni vari non ho avuto tempo di fare niente appositamente per questa bellissima iniziativa... anzi una cosa posso farla: vi ricordo la ricetta di qualche tempo fa :-)

35 commenti:

  1. ho temuto sara.ho temuto per le rane e il risotto:D

    RispondiElimina
  2. genny: eheheheh ci sei cascaaaaaata :D

    RispondiElimina
  3. ero preoccupata..... giuro che come genny ho pensato tu avessi messo ne rane nel risotto..... paura!!!!
    ciao sara!
    beeeeelllli i disegni!
    no comment sul risotto ovviamente splendido!

    RispondiElimina
  4. Macche' paura, il risotto con le rane e' buonissimo!!!
    Il problema e' che le rane buone non si trovano piu', ora arrivano dall'est e non si sa come vengono su. A meno di non andare nottetempo in quelle risaie che dicevi.....

    RispondiElimina
  5. Concordo, cara, anch'io ho cominciato a usare del riso di buona qualità e la differenza si sente tutta. Bella l'idea delle alghe e degli agrumi, te la replico!

    RispondiElimina
  6. L'abbinamento è molto seducente e coerente con le rane ;-) Molto orignale questo post, le illustrazioni sono carinissime
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  7. Un bel post (e un bel risotto)... Conosco Cascine Orsine, come il tuo amico vengo anche io dalle risaie ;)

    RispondiElimina
  8. Ma noooo....che delusione...ma le rane non ci sono nel risotto!! ahahahaha
    SCHERZO :))
    Gran bel post completato altrettanto ottimamente da una bellissima ricetta. I disegni di chi sono? :P

    RispondiElimina
  9. -gambetto: ma i disegnuzzi sono mieiiii ahahahha mi sono impegnata poco, lo ammetto :-))))

    RispondiElimina
  10. Rispetto a me...sei sempre GIOTTO!!!
    ehehehe

    RispondiElimina
  11. che buono e che bello.... io ho ancora un po' di alghe e anche i mandarini biologici, devo provarlo questo fine settimana!!!

    RispondiElimina
  12. anche io ho il riso delle cascine orsine, biodinamico con la rana disegnata sopra, però integrale!
    le alghe le ho, i mandarini pure...
    m'illumino di meno m'ha preso in un momento di apatia, ma magari un post lo faccio lo stesso, ah e poi ti scrivo, anche...
    vorrà dire qualcosa che come parola di verifica mi esce insani? :-)

    RispondiElimina
  13. -stella: ho notato anch'io che ultimamente le parole di verifica sono sempre più... insane :D

    RispondiElimina
  14. pfui..ed io che credevo avessi cucinato le rane :p
    oddio non avendole mai assaggiate non sarei troppo in diritto di schifarle...eheh vabbè ma questo risotto mi attira di più!!

    RispondiElimina
  15. E' commovente questo piatto, per il racconto che sta alla sua origine..Se penso a mia nonna che ha fatto la mondina, alla vita dura che conduceva ai reumatismi che ha come conseguenza..
    Eccellente Salsina questo riso, lo proverò!
    Un abcione
    PS:ma tu hai mai mangiato le rane?Io da piccola sì, fritte!Ed erano bbone...ora manco pagata le magnerei!;)

    RispondiElimina
  16. -saretta: in effetti sì, le ho mangiate una volta, le rane fritte! circa 3 anni fa se non erro. che dire... non è che fossero cattive, solo che uhm... non mi sono neanche sembrate indimenticabili :-P

    RispondiElimina
  17. Delizioso questo risotto, anche perchè anche a me piace usare gli agrumi nei primi piatti. E questo tuo me lo ero persa ... comunque anche a me le rane non spaventavano .. non sono male .. anche se sono più carine da vive !!! Manu

    RispondiElimina
  18. anche io pensavo ad un belrisotto con qualche zampetta, per fortuna poi ho vistro la foto, bella ricetta e belle illustrazioni per la storia, ciao Ely

    RispondiElimina
  19. Hai fregato proprio tutti! Meno male che non c'erano le rane!!!
    Una delle poche cose che ho assaggiato solo una volta e che non ci tengo prorio a replicare :S
    A parte tutto sono felice di tornare e vedere che il tuo lavoro è sempre eccellente, per non parlare delle foto, che come sai, adoro!
    A presto

    Nadia - Alte Forchette -

    RispondiElimina
  20. Cribbiolina... speravo tanto nel risotto con le rane, è buonissimo! Come le rane fritte... le rane ripiene... la frittata di rane... le rane in umido... scusate, ma io vivo in mezzo alle rane e da un paio d'anni a questa parte stanno ritornando alla grande, d'estate quando si rientra a casa bisogna chiudere in fretta la porta per non trovarle in salone (non è uno scherzo)...
    ciao

    RispondiElimina
  21. Sono tornati i tuoi mitici risotti!!!!
    Evvai

    RispondiElimina
  22. ehehe io pensavo di trovare delle belle cosciotte di rana fritte :)
    però l'idea delle alghe arame nel risotto mi piace da morire. Le ho acquistate di recente e non so ancora bene come usarle.

    RispondiElimina
  23. che mantecatura meravigliosa!
    domani compro le alghe ;)

    RispondiElimina
  24. In effetti pensavo già ad una brutta fine per le rane.... sembra davvero ottimo e cremoso!!!

    RispondiElimina
  25. Un risotto davvero originale, dal sapore vagamente orientale per la presenza delle alghe "arame". Davvero una ricetta molto intrigante, bravissima Sara!
    un bacione e buon fine settimana
    fra

    RispondiElimina
  26. Anch'io anch'io uso questo riso qui!!! Ma non conoscevo il loro sito, è stupendo, grazie per averlo linkato :-)))
    p.s.: l'idea delle alghe nel riso mi piace un sacco. Alla prossima spedizione al bio le rapisco e ci provo!

    RispondiElimina
  27. grazie a tutti, estimatori di rane e non :D
    -alessia: davvero le rane stanno tornando? beh, è una notizia ottima ed è buon segno per l'ecosistema :-))))
    -izn: eheheh quella ranocchietta sulla confezione è troppo bellina!
    fabien: grazie per averlo notato, in effetti mi è venuto benissimo :D

    sulle alghe: onestamente le uso poco perché non amo acquistare ingredienti che vengono da così lontano, ma una volta ogni tanto fa piacere cambiare sapori :-)

    RispondiElimina
  28. bello il racconto, belle le illustrazioni, bella tu con il tuo amore per le cose buone.

    RispondiElimina
  29. conosco benissimo questo riso!!! dalle mie parti le rane fritte sono considerate un piatto prelibato ma io non mi sono mai azzardata....
    però ho un bellissimo ricord,o che non centra nulla con il riso, di qualche anno fa in val d'orcia una notte di temporale improvviso, luce saltata e tante piccole ranocchiette che saltellavano sulla strada di campagna

    RispondiElimina
  30. Spero sia un buon segno per l'ecosistema... :) e non solo il segno del loro adattamento ai diserbanti... :( Ma stanno tornando, questo è certo! ciao

    RispondiElimina
  31. non avrei problemi a mangiar rane se solo mi piacessero, fritte uhm, ma come dici neanche granchè. io uso il riso jolanda di ferrara. non ho mai provato questo, rimedierò. le rane mi fanno concerti notturni dal fiume di fronte, da primavera all'autunno inoltrato. il risotto è perfetto ma perchè ho pensato che mangiandolo ti saresti sporcata le mani? mente deviata sono.

    RispondiElimina
  32. Che buono il risotto con le rane ;-)a me piacciono anche in guazzetto e fritte ;-)
    Cmq sia il tuo risotto ,senza le rane è uno spettacolo lo proverò di sicuro magari aggiungemdo anche un altra cosina ;-))
    Un abbraccione grandeeeeeeeee ;-)

    RispondiElimina
  33. Visto che un po che stresso tutti i miei parenti dicendo che vorrei provare a cucinare le alghe mi sa che opterò per la tua ricettina.. bacetto

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4