06/04/10

99 colombe volano insieme

"Oh mia colomba,
che stai nelle fessure delle rocce,
Nei nascondigli dei dirupi,
Fammi vedere il tuo volto,
Fammi udir la tua voce;
Perché il tuo canto è soave,
E il tuo aspetto è leggiadro."

Cantico dei Cantici, 2:14

colombe_blog


ho fatto questo disegno per l'iniziativa organizzata da
99colombe, che oggi, a un anno esatto dal terremoto de l'aquila, ricorda a tutti che fare qualcosa insieme non solo è auspicabile, ma è anche possibile. ciò che abbiamo fatto non è sterile beneficenza: è stato un aiuto vero e materiale per far ripartire gli ingranaggi di una macchina del lavoro che si era bruscamente inceppata, per non dire smaterializzata, un anno fa esatto. la "sorelle nurzia" grazie a noi ha richiamato a lavorare persone che erano state licenziate, ha ordinato cioccolato, nocciole, farina, latte e zucchero facendo a sua volta lavorare altre aziende, ha imballato prodotti e spedito pacchi facendo lavorare i corrieri. insomma, nel suo piccolo, nel nostro piccolo, abbiamo contribuito a ridare un po' di speranza ad una terra che non meritava tanto turbamento. mi è capitato di sentire anche commenti scettici su questa iniziativa, sicuramente dettati solo da una riflessione superficiale che non tiene conto, oltre che del peso sociale di questa tragedia, anche del concetto della non-beneficenza sterile di questa iniziativa, sulla quale mi pare non ci sia nulla da obbiettare. il fatto è che ovviamente, in queste situazioni, qualcuno può fare qualcosa solo per alcuni, sempre e comunque, e se ognuno facesse qualcosa per qualcuno forse tutti verrebbero aiutati, ma se nessuno fa niente per nessuno allora siamo tutti perduti.
e dunque, per una delle aziende-simbolo dell'abruzzo gastronomico ho immaginato una scatola di latta porta-colomba fatta col mio disegno, nella quale conservare un po' di speranza, dalla quale cavare un po' di dolcezza ;-)

scatola99colombe

per l'occasione non poteva però mancare una ricetta: ho utilizzato la colomba come "pane dolce" per un piatto a base di fegato, e ce ne vuole per risollevarsi, accompagnato da aria di zafferano, pungente ma leggera come l'aria d'abruzzo, e polvere di capperi, per spazzare via le macerie e ricominciare.

fegato colomba 2

FEGATO IN OLIOCOTTURA CON POLVERE DI CAPPERI, ARIA ALLO ZAFFERANO E COLOMBA PASQUALE "SORELLE NURZIA"

ingredienti per 2 persone

una fetta di fegato di bovino
una fetta di colomba
sorelle nurzia
olio extravergine
pepe in grani

uno spicchio d'aglio
un pezzo di cipolla rossa
un rametto di rosmarino
una foglia di alloro
un chiodo di garofano
coriandolo in grani
un cucchiaio di capperi sotto sale
un cucchiaino di colatura di alici

mezzo cucchiaino di lecitina di soia
un bicchiere di brodo vegetale
pistilli di zafferano abruzzese

preparare un pentolino stretto e a fondo spesso con una bella quantità d'olio, quanto basta per immergervi completamente il fegato. aggiungervi pepe, coriandolo, alloro, aglio, cipolla, rosmarino e un cucchiaino di colatura di alici, lasciar marinare per qualche ora nella pentola col coperchio, in un luogo buio.

dissalare i capperi in acqua fredda corrente, strizzare bene e tagliuzzarli finemente. appoggiarli su carta forno e lasciarli essiccare in forno a 90-100 gradi per mezz'ora, o finché siano ben asciutti. spegnere il forno, aprire e lasciar raffreddare prima di pestarli bene al mortaio, ottenendo una polvere. mezz'ora prima di servire, scaldare l'olio portandolo a 65°, quindi immergervi il fegato tagliato a striscioline di un centimetro di larghezza. cercare di mantenere questa temperatura per 20 minuti, avvicinando quando necessario l'olio alla fonte di calore, oppure mettendo la pentola a bagnomaria in acqua calda e poi in forno scaldato a 65-70°. nel frattempo, scaldare una tazzina di brodo e disciogliervi un pizzico di pistilli di zafferano. mescolare bene quindi allungare con il restante brodo vegetale. versarvi mezzo cucchiaino di lecitina di soia, mescolare, frullare brevmente col minipimer e lasciar riposare un po'. se avete dello zafferano in polvere (qullo vero mi raccomando, non quello mediorientale che costa pochissimo ed è falso) unitela al brodo e mescolate per avere un gusto più intenso.

fegato colomba 1

al momento di servire, appoggiare la colomba sui piatti, estrarre il fegato dall'olio con le pinze ed appoggiarlo sulla colomba. frullare il liquido allo zafferano col minipimer tenendolo inclinato in modo da ottenere una spuma molto fine. raccogliere la spuma mano a mano col cucchiaino ed appoggiarla sul fegato completando con qualche altro pistillo di zafferano e la polvere di capperi.

13 commenti:

  1. Sara secondo me il discorso è ancora più ampio.
    Pur non facendo parte della schiera di dubbiosi ( i miei dubbi son stati altri) ho bisogno di fare un'ulteriore riflessione.
    tutti noi abbiamo aderito consapevoli che si trattasse di un progetto di nonbeneficenza ma è stata la dirompenza del messaggio, la velocità con cui questo si è trasmesso, la sua efficacia a lasciare sbigottiti.
    E' stato fisiologico pensare che avremmo potuto aiutare più aziende e non soltanto una ed è stato altrettanto fisiologico far partire comunque il messaggio senza ulteriori tentennamenti.
    Così come è fisiologico considerare questo mezzo in modo potenzialmente utile come canale alternativo, a volte anche più efficace rispetto alle televisioni di stato e non.
    dimostrazione ne è stata il popolo viola, questa iniziativa per nurzia, i vari contest commerciali a costo zero...
    medito di farne un post apposito, non tanto per analizzarne la fenomenologia quanto per tentare di invitare alla riflessione.
    Anche per questo 99 colombe è stato essenziale.
    se fossi le sorelle Nurzia ti assumerei su due piedi. :)

    RispondiElimina
  2. Ricetta con idee nuove, per me. Complimenti :-)
    Brava

    RispondiElimina
  3. Ma è bellissima, davvero complimenti, hai avuto una straordinaria idea! La scatola è meravigliosa!!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. -enza: è verissimo, sono d'accordo. il fenomeno dei blog comincia ad avere un peso sociale non indifferente, ed è un discorso talmente complesso che non è facile cavarne le gambe. il fatto è che sarebbe piaciuto a tutti aiutare di più, ma amplificando il discorso piacerebbe a tutti fare qualcosa perché, ad esempio, tanti bambini non muoiano più di fame. per me 99coombe è servito a capire ancora di più che è di lavoro che ha bisogno la gente in difficoltà, di occupazione non solo fisica ma anche mentale... non mi inerpico più del dovuto nel discorso, comunque ci siamo capite :-D

    -corrado, grazie!

    RispondiElimina
  5. eccerto che ci siamo capite, son due anni che viaggiamo sugli stessi binari :)

    RispondiElimina
  6. mi cincentro sulla ricetta e ti faccio i complimenti!raffinata e gustosa!
    Francesca

    RispondiElimina
  7. La scatola è stupenda...sarebbe bello se la realizzassero!
    ...ottimo anche il dessert...dolcissimo volo:)

    RispondiElimina
  8. E' stato incredibile vero in quanti hanno partecipato oggi!?! E poi non è ancora sera!
    Senz'altro il tuo post è tra tutti il più originale e ricco.

    RispondiElimina
  9. ci hai regalato una chicca di packaging ed un post davver ragionato, salsina, una bella testa, come sempre.
    E la ricetta??M a mica potevi darci qualcosa di banale!!!! Ho provato lal pizza di pasqua col salame, associazione dolce salato ben piu' terra terra, ma magari mi fa da zerbino per una sperimentazione piu' spinta come la tua :)

    RispondiElimina
  10. Mi inchino di fronte alla bellezza del tuo disegno. Ma soprattutto di fronte alla tua riflessione. Credo che 99 colombe sia un fenomeno che ci ha sopresi, travolti e coinvolti tutti. Seguiranno sicuramente altre riflessioni che sono ora necessarie in questo mondo di blog in evoluzione. Per ora sono contenta del risultato e di aver fatto parte di questa iniziativa così unica.

    Un abbraccio
    Alex

    RispondiElimina
  11. il tuo patchwork è straordinario. la scatola la vorrei per la mia collezione, la ricetta è ardimentosa. ma la riflessione tu a e di enza mi trova concorde e allineata. il tuo passo "se nessuno fa niente per nessuno allora siamo perduti" è tanto vero. noi siamo la prova che si può. abbraccio. silvia

    RispondiElimina
  12. un post su cui riflettere sul serio.
    il tuo collage è stupendo, un vero incanto e ottima la stuzzicante e inusuale ricetta dal carattere spiccato.

    RispondiElimina
  13. Ciao!

    E' partito il Contest di Aprile de LA CUCINA ITALIANA: LA FOCACCIA!
    Partecipa anche tu ed invita i tuoi amici di blog.

    Per info:

    http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112&ar=

    Scade il 10/05/10

    Buon Lavoro!

    La Redazione Online

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano