23/11/10

qualche volta gli esperimenti...

conservadipasta1

...falliscono pure, eh. in poche parole, per l'ennesimo esperimento con le paste monograno felicetti ho provato a fare i fusilli al vapore. cosa che se con la pasta fresca di grano tenero sepoffà, col grano duro e la pasta secca la musica cambia considerevolmente. dopo 20 minuti di "vaporizzazione" la pasta era ancora durissima, ma non solo: all'esterno mi è sembrata gommosa come i chewingum che restano in macchina una notte al freddo e poi non si masticano più. visti i risultati, dopo i suddetti 20 minuti ho dedotto che non fosse possibile continuare e che, anche se la pasta si fosse ammorbidita dopo un'ora, di certo non ne sarebbe valsa la pena. qualcuno ha mai fatto un tentativo simile? daniele savi, tu che ne pensi? 
nel frattempo, reset: conserva di fusilli di kamut e non se ne parla più. per questo piatto mi sono ispirata a una ricetta umbra: la conserva di cipolle con le acciughe, che naturalmente non si fa con la pasta ma solo con le acciughe e le cipolle, meglio se di cannara, ma non ci formalizziamo. mi sembra un'idea simpatica anche come antipasto, servita in piccoli vasi. stasera la assaggio: l'ho raffreddata velocemente e l'ho tenuta piuttosto al dente ma voglio vedere se ha tenuto la cottura (a occhio e croce direi proprio di sì :-))

conservadipasta2

CONSERVA DI PASTA, ACCIUGHE E CIPOLLA ROSSA DI CANNARA

ingredienti per 2 vasetti piccoli

80 gr di fusilli di kamut monograno felicetti
4 acciughe sotto sale intere
olio extravergine qb
semi di finocchio
cipolla rossa di cannara
sale, pepe, aceto di vino bianco

preparare un canovaccio pulito e asciutto, metterlo in frigo per almeno un'ora. dissalare le acciughe sciaquandole molto bene e quindi spinare dividendo ciascuna in due filetti
lessare la pasta al dente, diciamo per 9 minuti anziché 11, tenendo sciapa l'acqua in vista dell'uso delle acciughe. scolare e rovesciare immediatamente sul canovaccio freddo di frigo. coprire i fusilli in modo che si raffreddino velocemente. quando freddi, disporre a strati nei vasetti i fusilli, la cipolla e le acciughe. coprire  completamente d'olio, in cui saranno stati già aggiunti del pepe appena macinato, dei semi di finocchio selvatico e, in base ai gusti e al livello di sapidità delle acciughe, un pizzico di sale. consumare almeno un giorno dopo la preparazione, ma entro 3 giorni. conservare in frigo.

21 commenti:

  1. cavoli é davvero strabiliante e oltre corrente questo esperimento ammetto mai e poi mai ci avrei pensato.. dimmi un po com'è?? Mi sembra buono e allo stesso tempo più guardo e riguardo il vasetto mi scappa da ridere.. beh solo tu puoi.. bacino enorme mia dolce Saretta

    RispondiElimina
  2. Si, e' l'unico sistema per mantenere la pasta al dente molto a lungo. Io addirittura allargo la pasta su un canovaccio steso su un vassoio e sbatto il vassoio in frigo ad abbattere la temperatura.
    Questa tua ricetta mi piace moltissimo, la rifaro' sicuramente. Complimenti :)

    RispondiElimina
  3. Ma questa poi...mi è proprio nuovissimissima!!!!E' sempre una scoperta venire a trovarti :)Un bacione

    RispondiElimina
  4. Oddio, ma questa è proprio un'idea stupenda!!! Sai anche tipo quando ti avanzano quei fondi di confezione di pasta, magari comprata in un posto lontano o di una marca che abitualmente non usi, e di cui quindi non si sa mai cosa fare, perché non si può aggiungere ad altra dello stesso tipo? Questa ricetta è perfetta!!!

    RispondiElimina
  5. confermo che era buonissima, al dente e molto saporita :)

    RispondiElimina
  6. Ma che bello sperimentare, e che risultato bellissimo, chi non vorrebbe avere quel vaso li in cucina in bella mostra!
    Bravissima, e continua a sperimentare che sei una meraviglia!!!

    RispondiElimina
  7. Mi piace moltissimo questa idea!

    RispondiElimina
  8. noooo, ma tu sei un genio!!!E questa pasta ne è la dimostrazione: feeeeeenomenali SAPORI cosmiciiiiii...in un minuscolo spazio vitale ;P eheheh!!!Fantastica!!!

    RispondiElimina
  9. l'idea è brillante anche se a quel punto visto che era in vaso mi viene in mente che poteva essere fatta anche una cottura tipo terrine? anche come accostamento con il famoso condimento di acciughe e cipolle.. a proposito! ho trovato quelle di cannara ieri e le ho comprate! :P

    RispondiElimina
  10. ciciuzzzz: verissimo, ma la pasta confit l'ho già fatta 2 volte fa, erano sedani, ricordi? :-) questo voleva essere un tentativo di marinata più che altro :D

    RispondiElimina
  11. scippo al mio flusso odierno di non-tempo qualche frazione solo perché m'hai chiamato in causa :-) temo che questa modalità di cottura a pasta secca sia impraticabile, ovvero: se la pasta fosse stata precedentemente reidratata il vapore non farebbe che riscaldare le molecole d'acqua già presenti e quindi la pasta riuscirebbe a cuocere per bene con la propria acqua scaldata da quella del vapore che l'investe (sempre in ambiente chiuso, s'intenda) altrimenti, come t'è successo la pasta si presenta così disidratata all'appuntamento con il calore che, vado a naso, è come quando si "sigilla" l'arrosto prima di metterlo a cuocere al forno, a lei succede lo stesso cosicché la micro-gocciolina di vapore acqueo non riesce più a penetrare nelle profondità dello spessore della pasta stessa. un caro, carissimo saluto a tutti e grazie a te Sara per l'ospitalità! P.s. - ghiottissima l'idea della pasta conservata, anche se mi suscita delle consistenti perplessità, ma appena finisco il trasloco mi ci cimenterò anch'io e vedrò che succede... danielesavi

    RispondiElimina
  12. grazie delle precisazioni daniele, infatti avevo proprio questa sensazione :) comunque è una conserva a brevissimo termine: in tre giorni direi di consumarla! anzi, fammelo scrivere va' ;-)

    RispondiElimina
  13. caspiterina che super ricetta sciccosa!!!!! davvero originale! ciao Ely

    RispondiElimina
  14. Ci avevo pensato a tentare la cottura a vapore, quindi trovo molto interessante il resoconto dei tuoi tentativi. Ho letto anche il commento di Daniele e ora mi chiedo se sia veramente impossibile o se esista un qualche sistema per realizzarla. Avendo del tempo vorrei provare a ragionarci su, ma ultimamente di tempo non ne ho troppissimo :)

    Buona serata Saré ;)

    RispondiElimina
  15. Tutte le volte che passo di qui continuo a stupirmi...
    Tu riesci ad avere delle idee incredibili. Io, da brava ignorantella, non immaginavo neanche lontanamente che si potesse fare una cosa del genere. Invece, tu, con quel "mi sembra un'idea simpatica anche come antipasto, servita in piccoli vasi" mi hai letteralmente conquistata!
    Grazie mille...

    RispondiElimina
  16. Mooolto interessante la "conserva di pasta"...
    la cottura al vapore é stata un fallimento anche per me...ho dato la colpa al fatto che non posseggo una vaporiera tecnica ma solo un cestello da posizionare all'interno della pentola.

    RispondiElimina
  17. nooo non ricordavoooo poi mi ridai il link! si vede che dopo le ultime anestesie la memoria è andata a quel paese! :P

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  19. geniale esperimento e forza e coraggio non ti abbattere per quelle che non riescono bene!

    RispondiElimina
  20. aveva iniziato a scrivere il commento dal telefono sul treno ieri mattina.. poi perso nei meandri del web!!
    Semplicemente grandiosa Sara :)
    Da assaggiare assolutamente!

    RispondiElimina

lasciate un commento, un suggerimento, un saluto, ma firmatevi sempre: i commenti anonimi saranno cancellati. grazie!

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano