20/07/11

Quo vadis? :-)

 fiore di magnolia

ok via, lo confesso... sto traslocando. cambio casa. vado a vivere con lui. il mio vecchio microappartamento adesso è mezzo vuoto e mezzo pieno, come il famoso bicchiere. anzi, a dire il vero mi sembra più pieno del solito: ma quanta roba avevo accumulato? mioddio, che caos. intaserò la ricicleria, o come si chiama... la stazione ecologica... quella insomma. e ricomincerò a cucinare e postare quando sarà tutto sistemato, altrimenti impazzisco. sì perché il minipimer sta di là, il forno ancora di qua, il mixer boh, le pentole sono mezze inscatolate, la pasta madre è liofilizzata... ecco, questo volevo dire infatti! ho anestetizzato il lievito. dopo vi dico come. l'ho fatto perché 1) è estate e non mi voglio squagliare 2) vi rendete conto i rinfreschi le pizze il pane e le focacce in mezzo alla rivoluzione del trasloco? ecco. in tutto questo però c'è da dire solo una cosa, ed è quella che più conta: sono felice. 
a presto :-)

PASTA MADRE ESSICCATA da resuscitare dopo tre mesi o poco più

è estate? sì. pensate che accendere il forno sia l'idea peggiore? sì. vi siete momentaneamente stufati dei rinfreschi? ehm, sì, ci può stare. bene: addormentate la pasta madre. si chiama "quiescenza": ovvero la sospensione reversibile dello stato vitale di un organismo vivente, quale è il nostro lievito. prendetene un tot e pesatelo. io ho fatto 250 grammi. mettetelo nel mixer con lo stesso peso di farina e niente acqua. usate la stessa farina di sempre. azionate le lame e frullate a lungo, fino ad ottenere uno sfarinato omogeneo e senza grumi. sembra una via di mezzo fra il semolino e il couscous. coprite di carta forno una placca (a me ne sono servite tre piccole dire il vero) e versateci lo sfarinato. deve stare bello largo, quindi semmai dividetelo come ho fatto io in più vassoi. lasciatelo così all'aria, in casa, per un paio di giorni, mescolandolo ogni tanto con un cucchiaio in modo da farlo asciugare uniformemente. trascorsi i due giorni, rimettetelo nel solito vaso dove lo conservate sempre (mi raccomando: perfettamente lavato e soprattutto asciugato). riponete in frigo in attesa della rianimazione, che può avvenire dopo qualche mese. io conto di farlo a settembre, a trasloco concluso. lo si dovrà rinfrescare con l'acqua che avreste dovuto mettere per il normale uso, ovvero la metà del peso della farina. nel mio caso, 125 grammi. speriamo bene, ma a quanto ho letto qui funziona: vi aggiornerò!

AGGIORNAMENTO: punto primo, ha funzionato! punto secondo, l'ho conservata per 4 mesi ed è tornata perfetta al momento della reidratazione.

04/07/11

quaggiù tutto è possibile

"Perché le gioie del più profondo affetto
o dei più lievi aneliti del cuore
sono solo l'ombra della luce."
F. Battiato

fioritura 2011_11

fioritura 2011_7

fioritura 2011_8

fioritura 2011_3

fioritura 2011_6

fioritura 2011_5
fioritura 2011_2

fioritura 2011_9

fioritura 2011_10
fioritura 2011_14

fioritura 2011_18

fioritura 2011_13

fioritura 2011_17

fioritura 2011_12

fioritura 2011_15

fioritura 2011_16
fioritura 2011_1

il luogo

Ti invito al viaggio
In quel paese che ti assomiglia tanto.
I soli languidi dei suoi cieli annebbiati
Hanno per il mio spirito l'incanto
Dei tuoi occhi quando brillano offuscati.
Laggiù tutto è ordine e bellezza,
Calma e voluttà.
Il mondo s'addormenta in una calda luce
Di giacinto e d'oro.
Dormono pigramente i vascelli vagabondi
Arrivati da ogni confine
Per soddisfare i tuoi desideri.
Le matin j'ecoutais
Les sons du jardin
La langage des parfums
Des fleurs.
C. Baudelaire

GIUGNO 2010 * GIUGNO 2009 * AGOSTO 2008 

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano Bitto_4