28/11/13

qualcosa di rossocipolla


bicchierini aringa

Torno al volo per chiedere una cosa: avete mai provato questo abbinamento? In realtà credo che sia uno dei più semplici e banali che esistano, ma essendo questo "il tempo delle mele" mi sembrava il caso di suggerirlo a chi eventualmente non lo conoscesse.
Dunque tagliate a cubetti una mela verde con tanto di buccia (la granny smith, ad esempio, e bio, magari), irrorate di succo di limone, salate, condite con olio extravergine e tenete da parte. Tostate una fetta di pane tagliata a cubetti, affettate la cipolla e tagliate a pezzettini un po' di aringa affumicata (poca, che è forte). Mettete tutto insieme e aggiustate di sale, pepe, olio e limone. Buono, buonissimo. 

bicchierini mela aringa 1

13/11/13

quant'è bella la formagella

 strudel_salato_formagella

No, non c'è un errore: si scrive formaGella con una sola gì. Riemergo da un periodo di impegni lavorativi veramente totalizzanti per portare avanti (e con gioia) l'impegno preso con Qualeformaggio e le Cacioricette. Stavolta però parliamo di "stagionatori": sono coloro che vanno nelle malghe, cercano, assaggiano e si portano in cantina i migliori formaggi per farli diventare come noi li conosciamo. Quanto li invidio. In pratica l'azienda TreValli (Valtrompia, Valsabbia e Valcamonica) è una sorta di talent scout dei formaggi alpini, nonché un asilo nido degli stessi. Il primo loro prodotto che vi presento è una Formagella di Collio stagionata d'alpeggio a pasta semidura: è gialla, oliata in superficie (perché lì si usa così), leggermente piccante, profumata e ricca. Appena l'ho assaggiata ho subito desiderato un caminetto acceso, un beverone caldo, una fetta di strudel e la neve fuori: per quest'ultima si può fare ben poco, ma lo strudel è alla mia portata.

strudel_salato_1

L'impasto è fatto con quella pasta sfoglia povera che Lory mi ha fatto conoscere tanto tempo fa, mentre il ripieno rispecchia quella che, ultimamente, è la mia alimentazione: prevalentemente vegetariana con sporadiche incursioni consapevoli e sostenibili nel mondo carne-pescivoro. Perciò vi dico che, se volete, potete aggiungere della pancetta di "maiale felice" a questo ripieno. O dello speck. Ma anche niente: a me è piaciuto tanto così, semplice.
Per la ricetta dello strudel salato con mele, cavolo rosso e Formagella di Collio seguite dunque la deviazione verso Qualeformaggio, dove presto - udite udite- sarà possibile anche acquistare (direttamente tramite i produttori) le meraviglie casearie di cui vi parliamo da qualche settimana. Che sennò mi rimanete piantati lì con l'acquolina in bocca :)

post precedenti

Fioritura_2016_25 Torta_Bastarda_1 Tortine_Mele_Tahina FioriPortulaca Castelluccio_2015_15 Biscotti_polvere_lamponi UOVO_CAMICIA2 RicottaMustia_5 TiuEttoriSTAG0 Sardegna14 TiuEttori_1 TortelliSedano