social icons

search

Qualcosadirosso

divagazioni gastronomiche di Sara Bardelli

ultime dal blog

qualcosa che sembra qualcos'altro















sembra un normale purée, ma è fatto con le cicerchie.
sopra ci sono cipolle e rape rosse a dadini. nel piatto, una spennellata di crema di sesamo. voleva essere solo un esperimento maldestro, ma è decisamente riuscito!

PURE' DI CICERCHIE, RAPE ROSSE E TAHIN

per 2 persone

150 gr di cicerchie decorticate
2 rape rosse
una cipolla bianca piccola
salvia e rosmarino
olio e.v.o., sale e pepe
crema di sesamo (detta "tahin": si trova nei negozi di prodotti biologici)
un cucchiaio di latte

ammollare le cicerchie per 40 minuti e scolarle. cuocerle in acqua pari al doppio del proprio volume finché siano morbide: nell'acqua di cottura (che sarà in gran parte assorbita) mettere un rametto di rosmarino, un anello di cipolla e un filo d'olio. spegnere la fiamma, rimuovere il rosmarino, aggiungere il cucchiaio di latte, aggiustare di sale e di pepe, frullare col minipimer: verrà fuori un pastone della consistenza e del colore di un purée di patate. tenere in caldo. saltare in padella con olio, salvia e cipolla bianca le due rape rosse precedentemente lessate e sbucciate (oppure prendete quelle già lessate e messe sottovuoto nel banco frigo). bastano pochi minuti. aggiustare di sale e tenere in caldo. spennellare i piatti di portata con la crema di sesamo, adagiarvi sopra il purée, poi le rape rosse, infine terminare con olio crudo.

Commenti

  1. Evviva gli esperimenti di salsdisapa! Ma sai che quelle rape sembrerebbero rubini incastonati... oddio, ma come ci faccimo trasportare noi altri! p.s. non avevo ancora notato l'angolo con la spesa di agosto, bellissima ide davvero!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lascia un commento, un suggerimento, un saluto. Ti ricordo che se commenti con l'account Google+ o Blogger acconsenti a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. Consulta la privacy di Google per ulteriori informazioni.

Profile Photo

About

Profile Bio

Sono Sara, questo è il mio blog.
È online dal 2006 e sopravvive nonostante la mia incuria, un po' come le piante grasse che ho a casa e che adoro. In effetti adoro anche il blog poiché qui è dove parlo di una delle mie grandi passioni: il cibo. La sua importanza culturale, antropologica ma anche, semplicemente, l'importanza che ha per me.
Sono architetto e brand designer: qui il mio sito professionale.

Instagram