social icons

search

Qualcosadirosso

divagazioni gastronomiche di Sara Bardelli

ultime dal blog

qualcosa di rossocipolla


bicchierini aringa

Torno al volo per chiedere una cosa: avete mai provato questo abbinamento? In realtà credo che sia uno dei più semplici e banali che esistano, ma essendo questo "il tempo delle mele" mi sembrava il caso di suggerirlo a chi eventualmente non lo conoscesse.
Dunque tagliate a cubetti una mela verde con tanto di buccia (la granny smith, ad esempio, e bio, magari), irrorate di succo di limone, salate, condite con olio extravergine e tenete da parte. Tostate una fetta di pane tagliata a cubetti, affettate la cipolla e tagliate a pezzettini un po' di aringa affumicata (poca, che è forte). Mettete tutto insieme e aggiustate di sale, pepe, olio e limone. Buono, buonissimo. 

bicchierini mela aringa 1

Commenti

  1. Ho tutto...aringa a parte (ma una prossimissima visita in IKEA mi darà l'opportunità di prenderne;)) e potro assaggiarlo, mi prende bene!
    Un abbraccio a presto!

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo l'abbinamento però mi incuriosisce e me lo studio :-)
    Dici che trovo solo all'idea l'aringa affumicata?
    bacioni

    RispondiElimina
  3. ma buongiorno :) non ho mai messo piede all'ikea e non credevo vendessero mobili e aringhe :D l'aringa affumicata si trova in qualsiasi supermercato ben fornito o sotto forma di filetti sotto vuoto, o intera, sempre sotto vuoto. c'è sia dorata che argentata, ma non saprei dirvi se ci sia differenza di sapore fra le due: se c'è, comunque, sarà poco influente :)

    RispondiElimina
  4. a parte l'amore per le aringhe e l'ammirazione per questa semplice preparazione...
    guardo le tue foto. sempre belle, intuitive, sempre chiare. e mi chiedo: ci sono patinassimi sedicenti foodbloggers che pubblicato immagini al limite dell'infantile. brutte. mal composte. nemmeno un po' curate. con luce oscena e sgranate. ecco, vorrei un posto dove gridarlo ai 4 venti, che sono dei tronfi fortunati e basta, o dei saccenti tirchi (visto che non si impegnano per il risultato). un posto che non sia lo speaker's corner, intendo...

    RispondiElimina
  5. Eccome!!!!
    Provato, proposto e da tutti apprezzato dopo un'iniziale diffidenza, diffidenza per me....incomprensibile!!
    C'è freschezza, dolcezza, sapidità, la giusta acidità.
    Quando, ormai un po' di anni fa, provai la combinazione per la prima volta la trovai furba e convincente, infatti l'ho adottata e interpretata nella forma, come sempre:))

    Saluti liguri, sempre buon lavoro!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lascia un commento, un suggerimento, un saluto. Ti ricordo che se commenti con l'account Google+ o Blogger acconsenti a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. Consulta la privacy di Google per ulteriori informazioni.

Profile Photo

About

Profile Bio

Sono Sara, questo è il mio blog.
È online dal 2006 e sopravvive nonostante la mia incuria, un po' come le piante grasse che ho a casa e che adoro. In effetti adoro anche il blog poiché qui è dove parlo di una delle mie grandi passioni: il cibo. La sua importanza culturale, antropologica ma anche, semplicemente, l'importanza che ha per me.
Sono architetto e brand designer: qui il mio sito professionale.

Instagram