social icons

search

Qualcosadirosso

divagazioni gastronomiche di Sara Bardelli

ultime dal blog

qualcosa di sardo: le seadas!

Seadas_3

Dopo l'evento di Cagliari mi era rimasta una voglia inappagata di seadas che dovevo assolutamente soddisfare, così mi è venuta un'idea: usare la Formagella di Collio fresca Trevalli come ripieno. Mi son detta... tanto il formaggio sardo giusto non lo troverò mai, quindi vale la pena rielaborare completamente e tentare la fortuna. 
E per fortuna! 

 Seadas_1

Dico subito che per la sfoglia ho usato la ricetta di Sonia: non volevo né strutto né uova nell'impasto per fare in modo che si sentisse bene il ripieno, e la sua ricetta, oltre ad essere stupendamente spiegata, era proprio quella che faceva al caso mio. 
Tutto dunque converge sul ripieno. 

Seadas_2

La Formagella di Collio a pasta morbida è un formaggio vaccino stagionato poche settimane dall'azienda Trevalli - di cui ho già parlato - e che si occupa di affinamento dei formaggi; la leggera acidità della pasta è bilanciata da un gusto delicato e fresco, caratteristiche ideali per usarla in un dolce.

Formagella fresca

La cacioricetta di oggi è come sempre su Qualeformaggio. Credevo fosse difficile fare le seadas, invece è pericolosamente facile!

Seadas_4

Commenti

  1. tu mi tenti..io adoro le seadas e a Cagliari anch'io ne ho sentito la mancanza....

    RispondiElimina
  2. Non sai quanto le adori, pensa che me le sono imboscate in valigia all'ultimo rientro dall'Italia e le ho surgelate....mi fai venire una voglia :P

    RispondiElimina
  3. vedo che non sono l'unica "malata" :)

    RispondiElimina
  4. Un'ottima versione Sara ;) In qualche modo ci si deve arrangiare...ma devo dire che te la sei cavata splendidamente :D

    RispondiElimina
  5. tesoro meno male che non sono incinta perché altrimenti oggi avrei dovuto fare le seadas.... è una delle cose più buone mai mangiate, forse era il merito il fatto che le mangiassi al ritorno dal mare, tutta affamatissima... ma secondo me anche dopo un pranzo natalizia le avrei divorate! un bacio e grazie :-)

    RispondiElimina
  6. Eh qui è il formaggio a fare la differenza! e come si è sciolto benone! Ti sono riusciti proprio molto bene, pari pari alla ricetta originale!
    Peccato non poterli assaggiare :-)
    un bacione

    RispondiElimina
  7. che meraviglia le seadas, io le adoro...ma chE formaggio posso usare come ripieno ?con cosa si può sostituire??? complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale, in teoria ci vorrebbe in formaggio sardo molto fresco: prova con un pecorino stagionato per pochi giorni, una caciotta morbida insomma :)

      Elimina
  8. Sara, però tu non puoi, non devi fare queste cose. Cioè, lo sai che starò con voglia di seadas per i prossimi mesi? La foto della tua mano col ripieno filante è peggio di un cazzotto nello stomaco! Non si fanno queste cose! Sappilo!

    RispondiElimina
  9. Pericolosamente facile... un po' come quando ho scoperto quanto sia facile in realtà fare il sushi :) che per quanto non sia fritto sta diventando un incubo per il mio fidanzato. Ormai due volte a settimana sushi vero o finto che sia, qualcosa gli tocca! Buon anno Sara! Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. When someone writes an article he/she retains the plan of a user in his/her brain that how a user can understand it.
    Thus that's why this article is great. Thanks!

    Feel free to visit my homepage - http://bdprojukti.com; www.barunhanja.com,

    RispondiElimina

Posta un commento

Lascia un commento, un suggerimento, un saluto. Ti ricordo che se commenti con l'account Google+ o Blogger acconsenti a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. Consulta la privacy di Google per ulteriori informazioni.

Profile Photo

About

Profile Bio

Sono Sara, questo è il mio blog.
È online dal 2006 e sopravvive nonostante la mia incuria, un po' come le piante grasse che ho a casa e che adoro. In effetti adoro anche il blog poiché qui è dove parlo di una delle mie grandi passioni: il cibo. La sua importanza culturale, antropologica ma anche, semplicemente, l'importanza che ha per me.
Sono architetto e brand designer: qui il mio sito professionale.

Instagram