social icons

search

Qualcosadirosso

divagazioni gastronomiche di Sara Bardelli

ultime dal blog

Qualcosa di buono: parmigiana di carciofi

TiuEttoriSTAG4

Parmigiana sì, ma alleggerita: niente frittura, niente ragù, niente parmigiano e niente mozzarella. Direte voi "e che parmigiana è"? E avete ragione. Solo che non c'è un altro termine che descriva meglio questo piatto, perciò l'ho chiamata impunemente "parmigiana".
Ma andiamo per ordine.
Per la consueta rubrica "Cacioricette" in collaborazione col portale Qualeformaggio, torno a parlare di Monzitta e Fiori col terzo prodotto della serie: il pecorino "Tiu Ettori" nella sua versione stagionata oltre 180 giorni. Come abbiamo già visto, si tratta di un formaggio a latte crudo di pecore di razza sarda allevate al pascolo: la pasta è dura, dal gusto deciso e dal colore giallo paglierino. E' uno di quei pecorini sardi che lasciano il segno e che piacciono a chi apprezza i sapori netti e pungenti (se volete acquistarlo, ecco il link a "Il mercato del formaggio").

TiuEttoriSTAG1

Le qualità di questo prodotto non si fermano però a quelle organolettiche: si va oltre. Dal punto di vistra nutrizionale, come riportato sul sito, le sostanze contenute in un pecorino da animali al pascolo aiutano "nella prevenzione di infezioni, arteriosclerosi e tumori. Inoltre, esse stesse aiutano a combattere l’ipertensione, hanno un ruolo importante nella regolazione della secrezione ormonale, sono utili nelle terapie per combattere l’artrite e altri disturbi infiammatori". E' difficile avere ancora dei dubbi: nella ricetta ho omesso volutamente ogni altro tipo di formaggio o latticino tipico della tradizionale parmigiana poiché non sarei mai riuscita a trovare un prodotto paragonabile a questo pecorino, che ho voluto valorizzare puntando su purezza e semplicità.
La ricetta, come sempre è su qualeformaggio.it.

TiuEttoriSTAG0

Commenti

  1. mi aveva già conquistata su Fb per cui non resistevo a leggere la ricetta.ottima idea davvero da fare!

    RispondiElimina
  2. Favolosaaaaaaaaaaaaaa.... corro a leggere la ricetta anche se le immagini parlano da sole... posso immaginare il profumo!!! A presto LA

    RispondiElimina
  3. Buonissima! il saporito pecorino deve stare divinamente con il fresco sapore dei carciofi e perfetta, per ammorbidire, la polpa di pomodoro! Un'ottima idea!

    RispondiElimina

Posta un commento

Lascia un commento, un suggerimento, un saluto. Ti ricordo che se commenti con l'account Google+ o Blogger acconsenti a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. Consulta la privacy di Google per ulteriori informazioni.

Profile Photo

About

Profile Bio

Sono Sara, questo è il mio blog.
È online dal 2006 e sopravvive nonostante la mia incuria, un po' come le piante grasse che ho a casa e che adoro. In effetti adoro anche il blog poiché qui è dove parlo di una delle mie grandi passioni: il cibo. La sua importanza culturale, antropologica ma anche, semplicemente, l'importanza che ha per me.
Sono architetto e brand designer: qui il mio sito professionale.

Instagram